Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [16/04/2024] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Concorso Letterario Thriller Café scadenza 2024-04-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietà più famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
14 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il sistema di pensiero di Giacomo Leopardi
di Giovanni Pellegrino
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 45
Media 77.11%



Il sistema di pensiero di Giacomo Leopardi

Per comprendere Leopardi è necessario conoscere l’ambiente sociale e familiare in cui il giovane crebbe, così diverso dalla Venezia in attesa di Campoformio e dai circoli culturali francesi dove si formarono Foscolo e Manzoni.

Per descrivere il sistema di pensiero esamineremo lo Zibaldone, le Canzoni, gli Idilli e le Operette morali.

La fervida attività intellettuale propria del Leopardi portò alla formazione di un vero e proprio sistema filosofico.

Il lavoro di sistemazione del pensiero di leopardi si svolse soprattutto su un’opera lasciata inedita che oggi si è solito chiamare Zibaldone.

Lo Zibaldone contiene un numero grandioso di pensieri appunti ricordi, osservazioni note conversazioni del giovane Leopardi con sé stesso con la sua anima.
Nello Zibaldone ci sono pensieri di svariato tipo che riguardano le letture, le conoscenze del Leopardi di ogni tipo.

Nello Zibaldone Leopardi discute di filosofia di letteratura e di politica ed esprime il suo pensiero sulla natura dell’uomo, sulle nazioni sull’Universo.

Dobbiamo tenere in considerazione che il Leopardi formula delle considerazioni senza preoccupazioni in quanto Leopardi scriveva non per gli altri e in vista di una eventuale pubblicazione ma solo per sé stesso.

Il Leopardi scrisse lo Zibaldone non per pubblicarlo ma per perfezionarsi, ammaestrarsi e compiangersi.

Per questa ragione lo Zibaldone è una fonte insostituibile per conoscere la mente e l’animo del Leopardi.

Dobbiamo dire che quasi ogni articolo dello Zibaldone è segnato dall’anno dal mese e dal giorno in cui fu scritto.

L’arco temporale coperto dallo Zibaldone va da luglio del 1817 al 4 dicembre 1832 ma la maggior parte di esso è stata composto fra il 1817-1827 cioè i dieci anni della gioventù più feconda e operosa del Leopardi anche se la più triste e dolente.
Il manoscritto dopo la morte del Leopardi fu affidato ad Antonio Ranieri un mediocre letterato che gli fu vicino negli ultimi anni.

Lo Zibaldone fu pubblicato solo nel 1898.

Qualunque sia il giudizio che si possa dare sul suo valore concettuale, lo Zibaldone è indubbiamente uno strumento indispensabile della comprensione del Leopardi uomo come del Leopardi scrittore.

Proprio in questi anni il Leopardi diede al suo pensiero una prima sistemazione caratterizzata però da notevoli contraddizioni.

Punto di partenza psicologico era quella chiusura in sé stesso ed estraniazione dal mondo circostante proprio da questa incapacità di adattarsi al mondo reale generò quella che il Leopardi definì la “noia”, un termine attinto dalla cultura sensistica nella quale indicava uno stato di vuoto interiore d’inerzia della sensibilità.

Secondo il Leopardi questa noia era provocata non da ragioni individuali ma sociali e storiche cioè dal conflitto già studiato da Rousseau tra Natura e Civiltà.
Secondo il primo Leopardi la Natura ci crea felici soprattutto perché ci dà una capacità di vita interiore ed esteriore energica e viva.

La Natura ci fornisce una sensibilità e un’attività che possono riempire la nostra vita e creare una società sana nella quale ogni individuo può esprimere pienamente sé stesso.

Nello Zibaldone Leopardi afferma che la civiltà distrugge questo stato felice sostituisce agli errori fecondi il “vero” uccidendo le illusioni indebolendo la sensibilità spegnendo gli ardori generosi.

Secondo Leopardi in un tale stato di cose il mondo si è trovato dall’inizio dell’impero romano fino a prima dell’inizio dell’Illuminismo.

Leopardi fu per tutta la vita ammiratore entusiasta della cultura dell’ Illuminismo in cui vide il tentativo più nobile e più coerente di riparare ai mali dell’umanità .
Di conseguenza Leopardi fu ammiratore della rivoluzione francese e della filosofia settecentesca che aveva preparato la rivoluzione francese .
In questi anni dunque il pensiero del Leopardi si basa su alcuni punti fondamentali .
Anelito dell’uomo alla felicità , felicità dello stato di natura perdita di questa felicità attraverso lo sviluppo della civiltà .

Leopardi mette in evidenza i tentativi dell’Illuminismo e della rivoluzione di ripristinare lo stato di felicità degli esseri umani tentativi purtroppo falliti.

Di conseguenza dopo il fallimento della rivoluzione francese il mondo si trovava in uno stato di inerzia caratterizzato dalla perdita della sensibilità e della vita del cuore che avrebbe potuto assicurare una felicità purtroppo definitivamente persa.
Da quanto abbiamo detto appare chiaro che per Leopardi in quel periodo storico la propria infelicità come quella di tutti gli uomini del suo tempo era un fatto sociale di tipo storico causato dalla corruzione della società.

Questo tipo di pessimismo è stato definito storico.

Negli anni successivi il Leopardi cambierà idea passando a un altro tipo di pessimismo più radicale.

Negli anni compresi tra il 1818-1823 Leopardi compose una serie di liriche nelle quali si espressero lo stato d’animo e la visione del mondo che sono presenti già nello Zibaldone. .
Prima e dopo il 1818 il Leopardi cercò di esprimere il suo mondo interiore molto complesso ma non ancora decantato.

Il genere letterario scelto dal Leopardi lo ricollega alla tradizione lirica italiana.
Le Canzoni questo il titolo dell’opera di Leopardi sono un’opera di schema petrarchesco.
I temi trattati sono molto ampi e variegati.

Alcuni di essi sono tratti dalla cultura classica mentre altri sono tratti dalla cultura moderna sono rivissuti con uno spirito classico.

Tutti i temi presenti nelle Canzoni sono sviluppati con una eloquenza elegante nei modi della lingua poetica tradizionale. Dal punto di vista formale il Leopardi sembra non essersi avveduto di quanto era successo attorno a lui negli ultimi decenni.
Infatti in quel periodo della sua vita il Leopardi respingeva ancora le tesi romantiche di una letteratura nazionale popolare. Il giovane poeta in quest’opera non mostrava ancora precisi interessi politici ma solo un patriottismo generico e letterario.
Dobbiamo dire che in questi versi egli mette tanto di sé stesso e rivela una personalità in fermento.

Le novità tuttavia vi sono: il patriottismo è sì generico e letterario ma ha pure una sua intimità perché il lamento sulla decadenza della Patria e il Leopardi tutt’uno con il lamento sulla propria giovinezza inoperosa.

 Il Leopardi prova un profondo tormento per il fatto di stare a Recanati ozioso e inutile quando tanto avrebbe potuto fare per sé stesso e per la Patria.

In sintesi possiamo dire che lo stato d’animo e la visione della vita che si sono colti nello Zibaldone sono presenti anche nelle Canzoni.

Insomma dietro queste Canzoni vi è lo Zibaldone con quella rete fitta di meditazioni in cui la considerazione del proprio destino individuale si intrecciava con la sorte infelice di tutt’un epoca.

 Negli stessi anni il Leopardi compose intrecciandola con le Canzoni una serie di sei liriche pubblicate nel 1826 con il titolo di Idilli.
Il titolo desunto dal poeta greco Mosco è adoperato nel significato greco di “quadretto”.
Dietro gli Idilli è presente lo stesso mondo di tesi che è presente nelle Canzoni e nello Zibaldone.
Diversa però è la tecnica scelta per esprimere quel suo complesso e variegato mondo interiore.

Infatti nelle Canzoni Leopardi è tutto proteso verso l’esterno verso gli uomini mirando a educare e convincere gli altri alle proprie tesi. 

 Negli Idilli al contrario il poeta è tutto raccolto in sé stesso.

Questo è lo schema degli Idilli.

 Nel 1824 Leopardi compose rielaborando pensieri già segnati nello Zibaldone e sviluppando disegni precedenti e in parte inventando originalmente alcune prose satiriche fantastiche e filosofiche.

 Queste prose furono pubblicate in un volume nel giugno 1827 col titolo di Operette morali.
Negli anni seguenti Leopardi aggiunse alle venti Operette già pubblicate altre cinque composte epoche diverse.

Trovare nelle Operette morali una rigida unità concettuale è difficile in quanto esse riflettono stati d’animo e atteggiamenti sentimentali e mentali diversi.
D’altra parte in essi si accavallano due posizioni diverse del Leopardi di fronte alla vita tanto che proprio nel corso di tali opere egli passò dal pessimismo storico a ciò che potrebbe definirsi pessimismo cosmico.

Mentre nel pessimismo storico la colpa dei guai e dei problemi degli esseri umani era da attribuire alla corruzione esistente nella società nel pessimismo cosmico l’atteggiamento di Leopardi cambia radicalmente.

La colpa dell’infelicità dell’uomo è attribuita alla natura matrigna.
Per Leopardi l’uomo è figlio di una natura matrigna destinata al pianto e alla morte cosicché l’uomo non ha che un solo modo di affermare la sua dignità e nobiltà ovvero guardare in faccia serenamente con lucidità di mente e fermezza la realtà e il proprio triste destino.

Perciò ogni volta che Leopardi pensa al dolore dell’uomo alla vanità del suo sperare e illudersi un senso fraterno di pietà lo commuove ed egli compiange il suo triste destino e l’altrettanto triste destino degli altri uomini.

 Ma se l’uomo incapace di guardare in faccia la realtà va dietro vane illusioni il Leopardi si sforza per mezzo dell’ironia e del sarcasmo di strappare i veli dagli occhi degli uomini e chiarire loro quale sia la loro naturale miseria dovuta al fatto dell’esistenza di una natura matrigna.

Riguardo alla prosa delle Operette Morali dobbiamo dire che a volte è caratterizzata da un’eloquenza appassionata a volte si distende in una gelida impassibilità come quando descrive la pace infinita e il nudo silenzio che un giorno prenderà il sopravvento sul vano rumore del mondo.

 Detto ciò riteniamo concluso il nostro discorso sul sistema di pensiero di Giacomo Leopardi.

A cura di Giovanni Pellegrino



Recensioni ed articoli relativi a Leopardi

(0) La poesia patriottica nel Romanticismo italiano a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(1) Osvaldo Licini: la sua terra, la malinconia e la follia a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO
(2) Il sistema di pensiero di Giacomo Leopardi a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(3) Acruto Vitali: un intellettuale a tutto tondo, dalla poesia alla pittura a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO
(4) La concezione dell’uomo e nel mondo nel romanticismo italiano a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(5) Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili - RECENSIONE
(6) Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita a cura di Giuseppe Antonio Martino - ARTICOLO
(7) La lettera di Leopardi ad un giovane del XX secolo di Lanfranco Bertolini - Il Parere di PB
(8) Diario di poesia di Giampaolo Giampaoli - Il Parere di PB
(9) L'uomo del Gambrinus di Camillo Carrea - Il Parere di PB
(10) Notte di Luna di Monica De Steinkuehl - Il Parere di PB
(11) Luoghi del Novecento - Studi critici su autori italiani (Pavese, Volponi, Guerra, Bevilacqua,Piersanti) di Alessandro Moscè - Il Parere di PB
(12) Un ritmo per l'esistenza e per il verso - metrica e stile nella poesia di A.Bertolucci di Fabio Magro - Il Parere di PB

Recensioni ed articoli relativi a Giovanni Pellegrino

(0) La poesia patriottica nel Romanticismo italiano a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO

Testi di Giovanni Pellegrino pubblicati su Progetto Babele

(1) La poesia patriottica nel Romanticismo italiano a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(2) Considerazioni su Giovanni Pascoli a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(3) Italo Svevo e la crisi esistenziale a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(4) I conflitti interiori di Francesco Petrarca a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(5) Riflessioni sul Barocco letterario a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(6) Gli aspetti sociali dell'Umanesimo a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(7) La riforma del teatro di Carlo Goldoni a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(8) Il sistema di pensiero di Giacomo Leopardi a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(9) La concezione degli dei nei poemi omerici a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(10) La concezione della storia di Vico a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

> >>Inserimenti precedenti al 2007
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB







-

dal 2023-04-22
VISITE: 788


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali