Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [03/10/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Letterario Nazionale Streghe Vampiri & Co. scadenza 2022-10-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
9 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Easy Rider
regia di Dennis Hopper
Pubblicato su SITO


Anno 1968- U.S.A.


Una recensione di Federico Fastelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5182
Media 79.89%


 Easy Rider
SOGGETTO: P. Fonda – D. Hopper – T. Southern
DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA: Laszlo Kovacs
MUSICHE: Steppenwolf
PRODUTTORE ASSOCIATO: W. Hayward
PRODUTTORE ESECUTIVO: B. Schneider
PRODOTTO DA: P. Fonda

CON: P. Fonda – D. Hopper – J. Nicholson


Il contesto sociale negli Stati Uniti degli anni 60 era profondamente mutato, rispetto ai parametri che avevano scandito, dalla nascita fino ad allora, l’esistenza del cinema classico hollywoodiano. Altro era il pubblico. Altre le condizioni politiche e la consapevolezza delle contraddizioni dello stato. Altre le prospettive della nuova generazione di registi, convinti (grazie anche alla grande influenza del cinema d’autore europeo) di essere artisti non sottoposti alla volontà ed allo strapotere delle produzioni. Così anche il cinema americano iniziò a mutare. In questo quadro easy rider è un film “manifesto” sia per i contenuti che per le tecniche usate.
Raccontando la storia di due hippies, Billy (Hopper) e Wyatt (Fonda) che attraversano l’America per giungere al carnevale di New Orleans, il film si fa portavoce di protagonisti alternativi; eroi che sono anti-eroi. Essendo un road-movie, infatti, si riallaccia direttamente al genere western (ne mantiene gli scenari e le ambientazioni), ma lo sovverte e lo sconvolge dall’interno. Intanto il viaggio è verso est e non verso ovest. È compiuto con la moto e non con il cavallo (è indicativa, in questo senso, la scena della riparazione della ruota contemporanea alla ferratura del cavallo). È scandito non da atti di coraggio ma dalla ricerca della libertà. L’uso di droghe (ne compaiono esplicitamente almeno tre tipi: cocaina nelle scene iniziali, marijuana durante tutto il film e LSD) è mostrato, esibito, messo in una luce più realistica e matura rispetto ai vecchi canoni. Dirà Hopper: “era la prima volta che si fumava marijuana sullo schermo senza che qualcuno finisse per uccidere un gruppo di baby sitter”(intervista a “monthly film bulletin”, 1982). E proprio questo vuole essere il senso del film: “era la prima volta che dei cattivi ragazzi apparivano quasi umani”(Hopper, intervista sopra citata). Anche l’uso della musica rock è centrale in tale contesto. Si tratta della musica della controcultura (The Band, The Birds, Steppenwolf, Jimi Hendix) e sottolinea l’esistenza di tutto un mondo che non si riconosce più nell’America razzista, perbenista e benpensante visibile in più punti del film. La scena del bar, l’aggressione mentre i giovani dormono, il finale. La comune hippies nella quale Billy e Wyatt mangiano è la prova visibile di quel mondo, non privo, certo, di contraddizioni e problemi. E infatti l’America che giudica dai capelli e dai vestiti avrà la meglio sull’utopia di chi pensa che una società più evoluta non avrà né guerre e né capi (la società aliena di cui parla Nicholson la notte prima di essere ucciso a bastonate). Tanto nel film quanto nella storia. La vicenda dei due “cavalieri calmi” si conclude tragicamente. Saranno uccisi dall’ottusità di una società che non può capirli e accettarli.
Anche dal punto di vista tecnico easy rider è molto interessante. Sebbene non arrivi alla disarticolazione narrativa che caratterizzava il cinema europeo d’autore dell’epoca, rappresenta di certo un’eccezione rispetto ad altri film manifesto della sua generazione (mi riferisco in particolare a Il Laureato di Mike Nichols,1967 e a Gangster story di Arthur Penn,1967). Mentre gli altri scelgono la strada della linearità narrativa (tipica del cinema statunitense), pur con tutte le particolarità registiche di ogni autore, nel suo film Hopper opta per la contaminazione col cinema underground non-narrativo, evidente negli stacchi allucinati e soprattutto nella famosa sequenza psichedelica dentro al cimitero. La scelta è comunque giustificata dal punto di vista narrativo per il fatto che i due personaggi (e le due prostitute che li accompagnano) sono fatti di acido. Il montaggio definitivo, che ebbe tra l’altro un parto lunghissimo su stessa ammissione del regista, risulta così frammentato e ricco di flashforward (tra questi anche la morte dei protagonisti).
Il film, scritto dai due stessi interpreti (con Terry Southern) e prodotto da Peter Fonda costò intorno ai 400000 dollari. Ad oggi ne ha incassati oltre 40 milioni.


Una recensione di Federico Fastelli



Recensioni ed articoli relativi a Dennis Hopper

(0) Easy Rider di Dennis Hopper- RECENSIONE CINEMA

Recensioni ed articoli relativi a Federico Fastelli

Nessun record trovato

Altre recensioni di Federico Fastelli

(1) Shadows (Ombre) di John Cassavetes- RECENSIONE CINEMA
(2) Un chien andalou di Luis Buñuel- RECENSIONE CINEMA
(3) Rope (Nodo alla gola) di Alfred Hitchcock- RECENSIONE CINEMA
(4) Des Cabinett des Dr. Caligari
(Il gabinetto del dottor Caligari) di Robert Wiene 
- RECENSIONE CINEMA
(5) Zabriskie Point di Michelangelo Antonioni- RECENSIONE CINEMA

Altre recensioni:







-

dal 2007-04-16
VISITE: 13462


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali