Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [02/10/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Letterario Nazionale Streghe Vampiri & Co. scadenza 2022-10-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
9 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Una cosa chiamata felicità
regia di Bohdan Slama
Pubblicato su SITO


Anno 2004- BIM
Prezzo € 21- 102-
ISBN 8032807018256
Una recensione di Heiko H. Caimi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7329
Media 79.96%


Una cosa chiamata felicità

Regia di Bohdan Slama
Titolo originale: Stestí
Con Pavel Liska, Tatiana Vilhelmová, Anna Geislerová, Marek Daniel
Genere Commedia, colore 102 minuti
Produzione Cecoslovacchia 2005.

Tre amici d’infanzia divenuti adulti affrontano fianco a fianco la vita in un sobborgo industriale di una città senza nome al nord della Repubblica Ceca. Monika ha appena lasciato partire il fidanzato per gli stati Uniti; Tonik, ribelle alle regole, vive con la zia in un casolare di campagna ed è un idealista; Dasha è una ragazza madre che ha perso la testa per un uomo sposato. Ognuno di loro è alle prese con desideri, solitudini e fallimenti. Ognuno di loro è mosso dal bisogno di amore. Intorno a loro gravitano le rispettive famiglie. E, quando Dasha viene ricoverata, Monika si sente chiamata a prendersi cura dei suoi figli e Tonik, segretamente innamorato di lai li ospita nel casolare. Ma l’imprevisto è dietro l’angolo, e i sentimenti umani più complessi di quanto noi stessi lasciamo sospettare.


L’amore è un’azione che si muove dal nostro sentimento fino al contatto con chi amiamo, e questo provoca cambiamenti, anche se non sempre quelli che speriamo. E l’amore è in grado di incrinare anche la più solida amicizia. Lo scopriranno a proprie spese tutti i personaggi della pellicola, anche se non sempre avendone coscienza. E alla fine sarà la vita a scegliere per loro.

Il film di Bohdan Slama ha uno slancio sincero, ma non sempre riesce a tenere insieme la storia e ad evitare sfilacciamenti. Al suo secondo lungometraggio dopo “Wild bees”, il regista continua a raccontare l’impossibilità dell’amore o, meglio, le sue infinite possibilità mancate. L'ambientazione è quella di un quartiere popolare, che discretamente fa da contesto alle vicende dei protagonisti con le sue case fatiscenti, i viadotti in cemento, i vetri riparati con lo scotch, le fabbriche che inglobano lo spazio vitale. Un ambiente che potrebbe essere destino (e lo è, di fatto, per i genitori di Monika e di Tonik), ma al quale ci si può ribellare sognando la felicità, una felicità forse raggiungibile attraverso la solidarietà.

I vinti (i padri) non hanno convinzione nel tarpare le ali ai voli pindarici dei sognatori (i figli), decisamente meno indeterminati di loro. Ed è forse solo attraverso la speranza, sembra suggerire Slama, che potrebbe avvenire il riscatto di una persona (o di una Nazione) che cerca di ricostruirsi. Ma il prezzo è alto, perché richiede il sacrificio di amicizie, amori, aspirazioni. E quella “cosa chiamata felicità” è forse irraggiungibile. Come il titolo apparentemente ottimista del film, che dopo la visione si dimostra un titolo amaro.

Un’opera corale ben sostenuta dalla recitazione dei protagonisti, con una fotografia sobria e una rappresentazione mai sopra le righe, con dialoghi e situazioni credibili, anche se nella parte iniziale risulta difficile orientarsi nei rapporti tra i personaggi. Ma i pregi del film terminano qui. La storia, risaputa, è quella di molte generazioni perdute, e se nella parte centrale prende avvio e sembra voler volare a un finale d’impatto, nella conclusione perde incisività e si smaglia, fino a chiudersi in un finale troppo aperto che rende il film irrisolto. E l’incapacità di credere fino in fondo ai propri sogni, che spazzerà via la possibile realizzazione della felicità da parte dei personaggi, tipica delle società capitaliste occidentali ma più critica in quelle post-comuniste, è solo un sottofondo che non sfocia mai in vero dramma (come invece accade nello splendido Dolce emma, Cara Böbe di Istvan Szabò): non c’è autentica ribellione nei protagonisti di questa pellicola, non c’è il coraggio di andare fino in fondo, di osare, di combattere per ideali ritenuti autentici: c’è solo un lasciarsi vivere e una serie di piccole ribellioni che non portano mai ad un cambiamento. E, se questo è lo specchio realistico del presente, non c’è abbastanza disillusione nella sceneggiatura del regista, ma un restare sospesi senza prendere posizione, come Monika che, nel finale, guarda fuori dal finestrino di un treno in corsa attraverso un paesaggio ghiacciato.

Alla fine, l'unica scelta possibile sembra essere la fuga: dalla patria (Monika), dalla città (Tonik), dalla realtà (Tonik). In una parola, dalle proprie radici e dall'autocoscienza.

Un film fatalmente edulcorato nonostante le premesse e la precisione sociologica, che sfocia in un buonismo di maniera e non coglie l’occasione per un finale incisivo che dia una lettura concreta della realtà che vorrebbe rappresentare.

Premiato al Festival di San Sebastian.


Una recensione di Heiko H. Caimi



Recensioni ed articoli relativi a Bohdan Slama

(0) Una cosa chiamata felicità di Bohdan Slama- RECENSIONE CINEMA

Recensioni ed articoli relativi a Heiko H. Caimi

Nessun record trovato

Altre recensioni di Heiko H. Caimi

(1) DanteSka di Giuseppe Ciarallo - RECENSIONE
(2) La vedova Couderc di Georges Simenon - RECENSIONE
(3) Alla periferia di Alphaville - Interventi sulla paraletteratura di Valerio Evangelisti - RECENSIONE
(4) L' orda - The horde di Benjamin Rocher e Yannick Dahan- RECENSIONE CINEMA
(5) Niente da nascondere di Michael Haneke- RECENSIONE CINEMA
(6) Imputazione di omicidio per uno studente di Mauro Bolognini- RECENSIONE CINEMA
(7) Atti di violenza di Drew Bell, Jefferson Langley- RECENSIONE CINEMA
(8) Passi di follia di Bill Corcoran - RECENSIONE CINEMA
(9) Pontormo - Un amore eretico di Giovanni Fago- RECENSIONE CINEMA
(10) Gli Occhi del Drago di Leo Fong- RECENSIONE CINEMA
>>Continua (click here)

Altre recensioni:







-

dal
VISITE: 16371


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali