Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    [26/07/2021] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    VERSI IN VOLO scadenza 2021-07-30    3^ edizione 2021 scadenza 2021-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito    Poesie     Lontananza di Jacob Von bergstein     Cielo. di Antonio Parente     Angeli di Manny Mahmoud     Il prossimo della lista di Amedeo Bruni     L’ombra di me di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
49 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Diario di Classe
di Emanuele Marfisi
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - Discanti
Prezzo € 14,00 - 208 pp.
ISBN 9788895432083

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7102
Media 78.98 %



Diario di Classe

“Diario di Classe” non è solo, come verrebbe da pensare leggendo il titolo del libro, il racconto puntuale di singoli episodi che in qualche modo hanno segnato le tappe della carriera scolastica e della giovane vita di Michele, un alunno che frequenta la quinta classe di una scuola elementare di un affollato quartiere popolare della provincia italiana, ma è una fonte circostanziata di notizie, appunti, riflessioni, panoramiche esistenziali e scorci sociali che Emanuele Marfisi, l’autore, ci regala, nel suo romanzo d’esordio, dopo averle sapientemente amalgamate in un suggestivo racconto come un consumato “veterano” della narrativa. “Diario di Classe” è un vero e proprio viaggio fisico e psicologico, le cui tappe reali o immaginarie che siano ci riportano, con fotografica precisione, a ritroso nel tempo in un passato quasi dimenticato e nella più quotidiana attualità. Episodi significativi di avvenimenti o fatti locali vengono annotati dalla fervida mente del ragazzino, rielaborati e metabolizzati dalla sua personalità in pieno fermento formativo e quindi presentati al lettore in maniera semplice ma decisamente accattivante. Le vicende sociali, politiche, familiari di un gruppo di famiglie residenti nel complesso popolare del “palazzo Rosso” di Arcella ad Imola, sono portate con garbo e decisione all’attenzione del lettore tanto da farlo entrare in quella esatta dimensione spazio/temporale così diversa da quella contemporanea. Un diario che, da vicende personali, si amplia fino ad assumere le caratteristiche di un quaderno che narra eventi, sensazioni, emozioni, collettive. Nell’alunno-protagonista Michele Marchesi, infatti, si possono identificare tutti coloro che erano bambini negli anni 80 del secolo scorso. In contrasto, ma per sequenza logica, a quel periodo, “Diario di Classe” fornisce anche un perfetto spaccato di quella che è la società e la scuola attuale, infatti, l’autore Emanuele Marfisi che nella vita reale è un maestro di scuola elementare ha saputo trasferire nel libro, in maniera sintetica ed efficace, la sua esperienza lavorativa e il suo delicatissimo e importante ruolo di educatore, di colui che dovrà “aprire” le menti ai cittadini di domani. “… Numero 775, Marchesi Michele. Ripeto: numero 775, Marchesi Michele. È presente in sala?”. Proprio da qui, da un appello in provveditorato per l’assegnazione di una cattedra temporanea, inizia l’avventura del maestro precario Marchesi Michele che per associazione di idee rimanda il lettore a qualche capitolo prima, ad un altro appello un po’ più sfortunato: quello del primo giorno dell’ultimo anno scolastico delle elementari dell’alunno Marchesi Michele, iniziato con una lunga filippica di rimprovero del nuovo insegnante. Così scorrendo parallele, le due vicende, del bambino e dell’adulto Michele, integrandosi e alimentandosi l’un l’altra, offrono al lettore delle piccole perle di narrativa come ad esempio la figura rigida e intransigente, per molti versi ridicola tanto da diventare patetica, del Maestro Gamberoni che si trova a dover fare i conti con le mutate condizioni storiche e sociali in cui ha sempre vissuto, ma essendo incapace di adeguarsi ai tempi che cambiano il suo personaggio viene sottolineato con la matita blu dell’autore che, trasportato dall’ispirazione, lo trasforma in un personaggio quasi grottesco, ossessionato dalla politica e stregato dal “profeta” Betino Cracci, lo statista in auge in quel momento. Non di minor valore narrativo, la splendida figura bonaria e bizzarra di nonno Palmiro che: “…Aveva fretta di recarsi alla Bocciofila. Quella tra il nonno e la Bocciofila era una specie di attrazione fatale. Un “maledetto covo di comunisti” era diventato la sua seconda casa, che avrebbe frequentato fino agli ultimi giorni della sua vita. Per uno dei fondatori della sezione imolese del Movimento sociale italiano era una soluzio¬ne perlomeno singolare”. L’anziano, prezioso punto di riferimento per l’imberbe Michele, come nella migliore tradizione del nostro paese, assume il ruolo di guida morale ed esempio da seguire. Pertanto proprio nonno Palmiro lo introdurrà nel mondo della “Bocciofila”, che agli occhi del giovane è come il paese delle meraviglie, il luogo dello svago, del passatempo, dell’aggregazione sociale dove i ragazzi andavano a scuola di vita. Qui infatti imparavano a giocare a carte e apprendevano, dalle bocche degli anziani, per tradizione orale, i primi rudimenti sul sesso, le bestemmie e quant’altro poteva servire, secondo la coscienza dell’epoca, a diventare uomini. Indovinata e simpatica anche la figura di Porca Madoska il bidello simbolo della scuola elementare Cappuccini caposaldo per l’alunno prima e, venticinque anni dopo, per il maestro Michele Marchesi. L’uomo forte di un’annosa esperienza e con la sua “saggezza popolare” fornisce consigli, lumi e chiarimenti all’affannato e inesperto docente, sempre in lotta con la burocrazia ed in difficoltà nel rapporto con i genitori dei giovani allievi, spesso suoi ex compagni di scuola. E da ultime, ma solo nell’elencazione, le figure dei suoi alunni che nella loro innocenza e smania di conoscenza sono del tutto simili a quelli di ieri, divergono invece per le aspirazioni, per il contenuto dei sogni, per il modo con cui si pongono e affrontano le problematiche sociali e culturali proposte dalla società di oggi e sconosciute agli inizi degli anni 1980, come ad esempio il razzismo, la diffidenza verso i diversi, i preconcetti nei confronti degli stranieri, la xenofobia. Il linguaggio chiaro, scorrevole, a volte ironico, altre nostalgico accompagna gli episodi narrati, tratteggia gli ambienti, marca i volti dei personaggi, li fa uscire dal romanzo e li trasforma in esseri reali, molto più vicini a noi di quanto si possa immaginare. Il libro “Diario di Classe” di Emanuele Marfisi con i suoi intelligenti e molteplici spunti di riflessione è fruibile, anzi consigliabile, ad un pubblico eterogeneo e di qualsiasi età.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Emanuele Marfisi

(1) Diario di Classe di Emanuele Marfisi - RECENSIONE

Testi di Emanuele Marfisi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Una vita da bipolare di Paola Gentili - RECENSIONE
(2) Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro - RECENSIONE
(3) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(4) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(5) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(6) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(7) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(8) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(9) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(10) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(11) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(12) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(13) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(14) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(15) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-03-29
VISITE: 9492


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali