Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [23/06/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Eridanos" scadenza 2021-06-26    Città di Como VIII Edizione scadenza 2021-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2021-07-04    VERSI IN VOLO scadenza 2021-07-04    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro     Essi partivano, noi partiamo di Giusi Sapienza Joven     Quadri veneziani di Carla Menon    Una musica costante di Vikram Seth    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo    Racconti     Un progetto lucrativo di Fernando Sorrentino     Il manichino di Vittorio luciano Banda     La divoratrice di anime di Davide Stocovaz     Dentro di Massimo Martinelli     Attese di Stefania Lami    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano    Poesie     Spero presto di Amedeo Bruni     06 Aprile di Debora Palmieri     Da un rifiorire di memorie di Angelo michele Cozza     Parole di Palmira De Angelis     In Paradiso c’è di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
6 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
44 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Le memorie di una gatta
di Lodovica San Guedoro
Pubblicato su SITO


Felix Krull
Prezzo € 17,56 - 288 pp.
ISBN 3939901229

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4
Media 100 %



memorie di una gatta;Le

“Le memorie di una gatta” il volume a firma dell’autrice Lodovica San Guedoro è una storia decisamente “sui generis” narrata da una protagonista inusuale: una “gentilgatta” dal pelo folto e nerissimo. Una creatura astutamente intelligente e dolcemente coccolosa come solo i gatti sanno essere. Una micia colta e istruita tanto da decidere di scrivere, ormai a tarda età, le sue memorie in un’autobiogattografia.

Qualcuno ha detto che i gatti prima o poi comanderanno il mondo e mai affermazione fu più fondata, come si può evincere del Muzzi-pensiero sugli umani: “Assecondarli, circuirli, fare le viste di accettare le loro condizioni, insomma, tenere in pugno il timone, lasciando credere di essere loro a decidere la rotta, comandarli con apparenza di servirli, è la nostra divisa infallibile”, tant’è che la prodigiosa eroina del romanzo precorre i tempi e tra una tolettatura, una caccia, un riposino e un’affilatura alle unghie, asseconda l’ispirazione e con un sommesso ron ron riporta con puntuale precisione aneddoti, eventi, situazioni e personaggi che, avvenuti nel mondo umano, si sono ripercossi in maniera più o meno positiva sulla sua longeva e “gattolica” esistenza.

Al sornione tentennamento iniziale, tipico della sua razza, piano piano, pagina dopo pagina Muzzi, la gattina scrittrice, ci conduce in una natura quasi incontaminata ricca di profumi, odori, rumori e ronzii per assistere alle sue spericolate avventure sui tetti muschiosi, tra i rami degli alberi, sotto il fitto fogliame del bosco o attraverso i pertugi aperti tra le pietre di antiche mura.

Ecco, quindi, la Muzzi ra-gattina felice con i suoi genitori umani che, in punta di zampine, arriva nella colorata campagna senese. Terrorizzata dall’incontro-scontro con il bullo e invadente gattone rosso, stupita ed incredula all’arrivo di un pigolante fratellino.

Poi la trasformazione in un’elegante, bucolica ra-gatta che oltre ai crocchini e ai salsicciotti si nutre, per trasmissione diretta dalla sua mamma umana, di letteratura e dalla quale trarrà la sua vena ispiratrice. Ed, infine, un’amabile gattona che, dopo aver lasciato la leggendaria Valle dei Grilli viaggia per mezzo mondo insieme alla sua famiglia umana, condividendo con essa, quale membro alla pari, gioie e dolori, sacrifici e umiliazioni, vittorie e delusioni.

Ed è proprio in tale intreccio e condivisione parenterale che Lodovica San Guedoro, invertendo la prospettiva, diventa essa stessa gatta e Muzzi autrice.

Una mossa astutissima, un ribaltamento di vedute riuscito alla perfezione, una trasformazione camaleontica nella quale le emozioni umane della San Guedoro assorbite e “felinizzate” da Muzzi arrivano al lettore con una dirompente incisività.

Nell’excursus semplice e avvincente della trama, c’è tutta la forza del romanzo: dalla rievocazione allegra, triste e a volte ironica delle tappe fondamentali dell’esistenza dell’una che sono, poi, le medesime dell’altra, dalla sonnacchiosa campagna Toscana, dalle sue valli e colline, dai boschi, dai mille e mille filari di vite, alle città rumorose e indifferenti, dall’abbandono forzato al ritorno agognato, dall’elaborazione del lutto alla ricerca di nuove motivazioni esistenziali fino alla nascita della casa editrice Felix Krull.

Attenzione a non farvi fuorviare perché Muzzi è e resta l’antitesi delle opere di Esopo e di Fedro perché fino alla fine del volume manterrà sempre la sua felinità, niente e nulla riusciranno ad umanizzarla, per sua fortuna!

 “Ve ne sarete accorti, tra gatti e uomini corre, malgrado tutta la comprensione reciproca e la complicità, una gran differenza.

Nonostante l’innata attitudine a condividere l’intimità e i suoi piaceri ci faccia apparire come fatti gli uni per gli altri, siamo molto molto diversi.

Questa diversità si nota ora di più ora di meno, ma, quando, dal piano della vita immediata si passa a quello morale, direi che esplode alla luce del sole.

I loro bisogni spirituali si rivelano, allora, troppo spesso in contrasto con i nostri, i loro punti di vista non coincidono quasi mai con quelli di noi gatti, i motivi dell’agire degli uomini sono il più delle volte impenetrabili per noi e i nostri fanno aggrottare la fronte a loro.

Arriveremo a capirci, mi domando, prima della fine del mondo, prima che la Terra scompaia, come è apparsa, nell’immensa notte dell’Universo? Io non lo so, ma propendo a credere di no.”

Come si nota dal breve e significativo estratto, il modo di scrivere della San Guedoro è classico, elegante e i preziosismi lessicali toscani che non di rado si incontrano nella lettura lo rendono appropriato ad una gatta dalle nobili (seppur solo da parte materna) origini.

La struttura è scorrevole e eccellente la cura con cui Muzzi/Lodovica San Guedoro ha selezionato i vocaboli.

Struggente il capitolo di Pio, l’adorato fratellino peloso, compagno di mille avventure, che ingenuo e fiducioso nei confronti degli esseri umani salirà precocemente sul Ponte dell’Arcobaleno per la mano assassina di alcuni cacciatori: “quell’orribile genìa si comporta spesso così con i gatti, nei quali vede solo rivali che le sottraggono gli uccelli”.

Ho appreso, con piacere, che “Le memorie di una gatta” è candidato al Premio Strega 2019, un concorso ambito e di alto spessore culturale, pertanto auguro all’autrice Lodovica San Guedoro e alla Felix Krull Editore ma, soprattutto, alla nostra Muzzi, il mio più caloroso “In bocca a mamma gatta!”. A mio modestissimo avviso è un riconoscimento che il volume meriterebbe appieno e rappresenterebbe con onore.

Concludo con le parole di Harold Weiss che se: “Un gatto non dormirebbe mai su un libro mediocre” figuriamoci scriverlo! Non potrà che essere un’ottima, rilassante e deliziosa lettura come lo è “Le memorie di una gatta”, aggiungo io.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Lodovica San Guedoro

(1) Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro - RECENSIONE

Testi di Lodovica San Guedoro pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(3) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(4) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(5) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(6) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(7) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(8) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(9) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(10) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(11) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(12) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(13) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(14) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
(15) Peccaminosa di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2019-03-15
VISITE: 77


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali