Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [21/01/2021] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Storie Vagabonde scadenza 2021-01-24    LUCENERA scadenza 2021-01-24    Parole e Poesia scadenza 2021-01-30    12 CONCORSO LETTERARIO CITTA DI GROTTAMMARE scadenza 2021-01-31    BANDO CONCORSO LETTERARIO PER SCRITTORI E POETI EMERGENTI scadenza 2021-01-31    "Romanzi con le ali" scadenza 2021-01-31    Premio InediTO-Colline di Torino scadenza 2021-01-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Edizione Speciale Online per Il Mitreo - CORVIALE URBAN LAB (EVENTO 2021-01-31)    AUDIOLIBRI     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 06 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo      L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale    Racconti     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Secolo grottesco di Luca Baratta     Un giorno allo Stibbert di Luca Baratta     Profondità d’autunno di Gabriela Verban     Sette poemi di Mervyn Taylor, tradotti da Susana H. Case di Susana H. Case     Dresda 2006 di Luca Baratta    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
34 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
35 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

LE VIE NASCOSTE. Tracce di Italia remota.
di Antonio Mocciola
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - Giammarino
Prezzo € 10 - 95 pp.
ISBN n/a

Una recensione di Alfredo Ferraro
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5806
Media 79.69 %



VIE NASCOSTE. Tracce di Italia remota.;LE

I luoghi non sono solo la cornice degli accadimenti, dello scorrere del tempo, ma qualcosa di intrinseco, di connesso con gli esseri umani ed influenzano il nostro stato d'animo. Ben lo sapevano gli antichi secondo i quali ogni luogo aveva il suo Genius (dal verbo gìgnere=generare), il nume tutelare. Esiste in Italia una costellazione di luoghi cancellati dalla storia, paesi desolati, abbandonati - per una ragione o per un’altra - che si sgretolano, si sfaldano, avvizziscono sprofondando nel soporifero abbraccio dell’accidia e dell’isolamento. E pur tuttavia custodiscono anch’essi una propria dimensione spirituale. Occorreva un’anima dalla sensibilità non comune per lasciare dietro di sé le località più eleganti e mondane e avventurarsi su strade assolate, mai entrate negli itinerari turistici, pur di raggiungerli e farceli conoscere. Parliamo di Antonio Mocciola, giornalista dalla prosa raffinata e appassionata il quale ha amorevolmente raccolto per noi in quest'ultimo libro le proprie pubblicazioni apparse, nel corso degli anni, in una rubrica del mensile “IL BRIGANTE”. Sono il frutto di vent'anni di ricerca e di turismo controcorrente praticato visitando luoghi sconosciuti, dai nomi arcaici, quali: Craco, Buonanotte, Romagnano al Monte, San Pietro Infine, Argentiera, Stramentizzo, Nardodipace. «Ventuno “Pompei del Novecento” - racconta la quarta di copertina - scrigni di tesori inesplorati. Un’Italia diversa, persa nel buio della storia. Una storia da rileggere, da riscoprire, da amare». Così Curon Venosta (Bolzano), finita sott'acqua negli anni 50 per le esigenze della nascente industria idroelettrica: “Un lago azzurro dall'aspetto pacificato lambisce morbide rive erbose e frastagliate. Mucche pascolanti, un vago odore di malga alpina. E in mezzo al lago alto e impavido, svetta un campanile. Là sotto c'è una chiesa, là sotto c'è l'antica Curon Venosta”. E il lettore si trova proiettato lì, sul posto, osserva l’affiorante campanile resistere con ostinata fierezza al proprio destino, in perenne contemplazione della propria bellezza, meraviglioso simulacro della volontà di sopravvivenza. Come la disabitata Bosa (Oristano), mirabile esempio di archeologia industriale, “città che non oppone, da secoli, alcuna resistenza alla sua voluttuosa decadenza”. Quali moti dell’animo può provocare in noi un posto che appartiene al passato, che misura il tempo non più con l’orologio ma col calendario? Ce lo spiega Mocciola: “Il senso di stordita meraviglia ti prende alla gola, ti incatena, facendoti dimenticare le suggestioni della Costa Smeralda”. Oppure Craco (Matera), cittadina anch’essa brutalmente amputata della presenza umana:“Come tante altre ha la sua brava cattedrale, il palazzo baronale, le strade acciottolate. Ma qui a mancare è il respiro umano. Il vento s’appropria delle pietre abbandonate e scuote le fronde, apre e chiude i battenti delle finestre, si insinua tra le feritoie e urla, spadroneggia. Ora che nessuna forma di vita si oppone all’alternarsi delle stagioni, la pioggia, il sole, la neve, la polvere sbranano quel che resta ancora in piedi". Si avvertono nella descrizione dell’inarrestabile declino gli esiti infausti dell’eterna lotta tra l’uomo e la natura, un’immagine hemingwayana che fa da sfondo ad una realtà avvilita, dilaniata, pietrificata, che appartiene ad una città spettrale, metafisica. Si può restare ammutoliti, increduli, sbigottiti di fronte all’effetto del vento che scuote i battenti delle finestre dalle quali con l’arbitrio della fantasia potremmo scorgere i volti dei vecchi abitanti, figure dalle guance rubizze, come quelle dei bambini o degli anziani in buona salute. Era così prima che una frana, nel 1963, investisse il paese con violenza inaudita. La volontà dell'autore di tener fede per tempo all'impegno preso e di contenere al massimo il prezzo di vendita (10 euro), regala ai lettori un agile pamphlet in cui pur prevalendo l’aspetto informativo («Ma non è una guida», tiene a precisare), riesce a non tradirne lo spirito letterario. A compensare infatti lo squilibrio fra il testo e la scarna iconografia ci pensa lui stesso con l’abituale brillantezza dell’esposizione dimostrando, una volta di più, che la scrittura non è necessariamente meno ricca di sfumature di una sgargiante galleria fotografica. L'icasticità del consumato cronista riesce a trasmetterci il suo stato d’animo, l’eleganza delle metafore immaginifiche colpisce la fantasia, cattura l’interesse e scatena un turbinio di sensazioni. Dardi di questo genere arrivano diritti al cuore del pubblico e lasciano segni indelebili È indubbiamente un’opera inedita, originale, e sta raccogliendo unanimi riconoscimenti. Avrebbe tutte le carte in regola per aspirare subito ad una trasposizione video documentale. Nel frattempo auspichiamo che il successo conseguito sin dai primi giorni di apparizione in libreria convinca l’editore ad approntare a tempo di record una seconda edizione, a questo punto meno spartana. In quanto all’autore, Antonio Mocciola, del quale oltre alle rare doti umane teniamo a ribadire le indiscutibili capacità professionali, ci è dato sapere che per il momento spera che in tanti rendano omaggio ad una di queste “tracce”, affinché essa diventi un po’ meno “remota”, augurandosi «che nella prossima edizione il libro annoveri una “Pompei” in meno, perché vorrebbe dire che quel luogo è stato restituito, almeno parzialmente, alla fruibilità dei visitatori».


Una recensione di Alfredo Ferraro






Recensioni ed articoli relativi a Antonio Mocciola

(1) LE VIE NASCOSTE. Tracce di Italia remota. di Antonio Mocciola - RECENSIONE

Testi di Antonio Mocciola pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Alfredo Ferraro

(1) Tango elettrico di Tjuna Notarbartolo - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-09-02
VISITE: 9475


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali