Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [22/06/2024] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Cola e altre storie
di Francesco Lo Vecchio
Pubblicato su SITO


Anno 2023- Kimerik
Prezzo € 18- 190pp.
ISBN 9791254663929

Una recensione di Enzo Randazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 377
Media 80%



 Cola e altre storie

Francesco Lo Vecchio è nato a Sciacca “a pochi metri dal mare”, nel 1956, ma è un Sambucese doc. Ha studiato presso Università degli Studi di Palermo che ha frequentato dal 1975 al 1982. A Brescia, per un ventennio, è stato uno stimato ed amato docente di Francese. E’ pensionato dal 1 settembre 2021 ad oggi. 

Impegnato nel movimento nonviolento e nel volontariato, nel 1982, ha fondato l’Associazione ‘M.K. Gandhi – M. L. King – B. Khan’ e ha partecipato attivamente a numerose manifestazioni pacifiste.

Appassionato di fotografia, come ha testimoniato nelle ultime edizioni del Premio Navarro, attualmente collabora anche con La Voce di Sambuca. 

Nel 2019 ha pubblicato per la Lilit Books il libro Da Zabut a Sambuca e nel 2022 Da Brescia a Sambuca.

Come ci confessa in “Da Brescia a Sambuca” , per lui “Essere nato nel cuore del Mediterraneo è come essere concepito dal sole: la grande “stella nana” generatrice di energia e vita. …. Il umore quotidiano dipende dal mattino, quando apre le finestre: se il cielo è carico di nuvole, si trascina senza entusiasmo. Esulta quando i raggi del sole inondano la stanza. …Dalla zona di villeggiatura di Adragna … lo sguardo si perde in un lontano orizzonte: il bacino artificiale del Lago Arancio, dove si specchiano le colline inchiodate da gigantesche pale eoliche….” 

Vincitore del XIV Premio Internazionale Navarro, non si monta la testa, ma “ resta, con semplicità, al suo posto col suo titolo di “cuntastorie” proprio come quei vecchietti d’un tempo per raccontare la sua Sambuca, come nei due precedenti libri.”

“Cola e altre storie” è una raccolta di racconti destinati ai più giovani e, ci auguriamo, ai posteri, in cui c’è particolarmente una Sambuca irrimediabilmente scomparsa, ma c’è anche una Sambuca attuale, con le sue difficoltà e le sue potenzialità.

I racconti sono stati ambientati in luoghi reali di Sambuca, tranne la Conversazione tra due Nobildonne nella Villa del Gattopardo e Madame De Monastir e il porcellino stupratore, cui viene destinato tutto uno zabaione, ambientati a Santa Margherita di Belìce, e la “La Professoressa Lucia Tessitore” parzialmente a Palazzo Adriano .

Proviamo a immaginare Francesco che li scrive, probabilmente seduto nella sua adorata Conserva o in Adragna "...Nei pomeriggi roventi, in cui la sua gatta si sdraiava al sole restando immobile come se fosse deceduta, al riparo sotto la tettoia dietro la casa … tra vasi di fiori e gatti di passaggio, qualche uccello nascosto tra i rami degli allori …”

Le storie raccontate sono molto intriganti. Lo scrittore ci restituisce vie, cortili, quartieri, edifici, personaggi, che, in qualche modo, sono frammenti della nostra esperienza esistenziale, con abilità immaginativa e creativa, in ricostruzioni puntuali e dettagliate.

La forma è semplice e scorrevole; il linguaggio, chiaro e preciso, è impreziosito da parole, espressioni, proverbi dialettali e sintassi siciliani.

Francesco ci immerge in teneri momenti della nostra fanciullezza, nel tempo e nei luoghi in cui siamo cresciuti, riportando su un proscenio vicende e contesti che non meritavano di essere confinati in un angolo remoto del nostro inconscio.

Le sue descrizioni sono quasi un dipinto, dalle sfumature appassionate, di campagne incolte o chiazzate di papaveri e margherite in cui “… la mente spazia, si perde nell’infinito. All’autore piace attuare piani di “inseguimento” del sole poco prima del tramonto. Quella grande palla di fuoco, che sembra immergersi nel mare, dovrebbe indurre la specie umana ad abbandonare ogni progetto bellicoso, ripulire l’animo da cattivi sentimenti, spazzare via ogni residuo di rancore. …” 

Lo scrittore esalta con la sua tecnica narrativa scrupolosa e fantasiosa ogni suggestione interiore.

In Cola e altre storie un mondo surreale, popolato da maschere pirandelliane ribelli e decontestualizzate, ma anche concreto e tangibile, avvinghiato alla società di una piccola comunità rurale. 

Una ricerca di angolazioni simmetriche, di profumi e sapori, di ambienti e situazioni, di sentimenti e passioni che dimostra le sue capacità descrittive, di documentazione e di interpretazione della complessa identità sambucese ed umana. 

Le coinvolgenti invocazioni alla Madonna si alternano con“Natuzza Las Casas, l’amante di Don Vartulu” e “La za’ Narda: pane di bontà”, con Il pacco di vestiario degli zii d’America o della Zuela, spesso preannunciato da una lettera, con la vampa della “Bammina” forti chi tira lu sciatu, in intrecci esistenziali , che ci disingannano e ci rincuorano. 

In Cola e altre storie convivono cose, situazioni, luoghi irripetibili come l’amata e devastata Conserva “… polverosa d’estate, piena di pozzanghere d’inverno …  ricca di cicoria e gireddi, … ulivi, vigneti e tanti altri alberi di frutta … ficare, cannare, faje, passiflora, gelsomini, tantissime varietà di fiori stagionali e inebrianti profumi, … galline, galli, pulcini e tacchini.., strani rumori di “donne” … 

In questo libro scorazzano un Principe volante, un colto Marchese viveur-voyageur,  briganti, proprietari terrieri, la dama di Via Del Corso … bella e maestosa …che sembrava uscita dalla corte di Versailles … e incendiava gli animi dei borghigiani, rimembranze del Terremoto del Belice del 14-15 gennaio 1968, nozze combinate, con relativa stimatura e biancheria sposta, di nobili, borgesi, popolani, scompigli di vita, misteriose scomparse, lumache, tra rassegnazione e speranza, morte “con la bocca aperta, inseguendo un sogno di libertà, una fantastica lumaca Regina, sovrana del Partitu di susu, il Visconte religioso e predicatore di valori, che non tollerava il pianto dei bambini o il belato delle capre e il Pastorello che si dilettava a raccogliere asparagi, littri d'amminazzi… che si fa scrivere da un amico, un Cola chi nnu ni voli mancu a brodu di scola.. né di matrimonio cu Tresa … atta di paglialora e littri di scrocco al Cavaliere intelligente, che non si lasciava sedurre dai salamelecchi, Vicarioti, come Nirìa … autoproclamatosi campiere … pericoloso …. Fascista e… nfami, e nna Vanedda chi pari un curtigghiu ed è un microcosmo in cui si sapeva tutto e di tutti … nessuno toccava niente… a sera si raccontavano storie e aneddoti … si vedeva in tv Villa e Morandi … transitava uno zingaro, con una gabbia in mano … che arriminava la vintura … si assisteva al rito di li buttigli… si mangiava supra lu scannaturi.

Nel palazzo rinascimentale di Don Vartulu, aristocratico di giorno e fuorilegge al calar del sole, si confondono passioni e ambiguità.

All’esterno e all’interno baroni, marchesi e visconti tra enormi lumache e profluvi di vino rosso. Visioni oniriche e miraggi trasportano in un universo alternativo a quello agropastorale. 

Queste radici fotografano da dove viene l’ispirazione di Francesco e, a volte, vogliono indicare dove mira ad andare, naufragando leggere come un vento che racconta del passato, ma sbalestra nell’inimmaginabile. Francesco Lo Vecchio, che si auto minimizza un "contastorie", ci fa immergere in una Sicilia lontana, ma, spesso sfumata, senza tempo, ricca di eventi, aneddoti, curiosità e personaggi. La professoressa Tessitore, … per tutti la Signorina …  con la sua permanente ai capelli accuratamente tinteggiati … le esili gambe … le scarpette in vernice, i suoi numerosi gatti in casa, che, innamorata di Dante… da pensionata insegnava per passione, non per i soldi … non amava il nozionismo … … esigeva il ragionamento …, Il pittoresco Principe Luigi Interrante, pastore analfabeta, biondo e dagli occhi azzurri,… lanciatosi dagli archi con un ombrello come fosse un paracadute e "Faruzza: spassu e triulu di la Vanedda", indiscussa protagonista di quel teatro, con i suoi abitini sgargianti, scollati, lo spolverino corto, la casa intoccabile, … la pletora di gatti soriani, sono tra i ritratti più stuzzicanti, complessi e articolati di questo suo libro. Una storia più grande, più misteriosa, ma anche più avventurosa e, a tratti, fiabesca. I suoi racconti inseguono sciascianamente una verità letteraria, in equilibrio con il verisimile, ma, nello stesso tempo, esplorano luoghi, mitologie, pozioni d’amore, incantesimi, leggende metropolitane, scavano detriti di memorie e archeologie di testimonianze, delineano i contorni umani di una complessa società, avezza al dolore e a sofferenze, causate dalla violenza degli uomini e della natura. Nella rievocazione del terremoto del ’68, che stravolse la Valle del Belice la sua descrizione di “ volti sbiancati… scene di panico … fughe in viuzze strette …movimenti ondulatori … distruzioni … cumuli di macerie… morti e sfollati accampamenti nelle tendopoli e in garage… notti insonni … soccorsi generosi … sciacallaggi …lutti … sacrifici, disagi, umiliazioni … demolizioni affrettate… piani di ricostruzione… quartieri spopolati … emigrazioni … ripresa …”  ci vuole lanciare il messaggio di speranza che nella vita è possibile sopravvivere a qualsiasi sofferenza, anche se diveniamo persone nuove o personaggi costretti dalle situazioni a recitare una nuova parte. Sicilia, Sicilianità e Sicilitudine sono protagoniste lapalissiane con abitanti e episodi che ci vengono disegnati in maniera chiara e sincera dal punto di vista dello scrittore, che, avendo assimilato i reconditi messaggi di una "università popolare" nella sua affascinante "vanedda", risulta una voce narrante perfettamente inserita nel contesto. Il tessuto narrativo, inframezzato da bellissime foto d'epoca, è reso vivace anche dall'uso del dialetto e dall'aggiunta di detti popolari, poesie o estratti di testi di autori siciliani, conducendo noi lettori per mano, con studiata dolcezza, in un viaggio simbolico alla scoperta di una terra che fonde storia e mito, fantasia e realtà, entrando nei sogni, nelle illusioni, nelle inquietudini, per svelarci speranze, paure, dilemmi, gioie, errori, desideri, conflitti d’anima dello scrittore. 


Una recensione di Enzo Randazzo



Recensioni ed articoli relativi a Francesco Lo Vecchio

(0) Cola e altre storie di Francesco Lo Vecchio - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Enzo Randazzo

(0) Don Adalgiso e Fantasima Saracina di Enzo Randazzo - Il Parere di PB

Altre recensioni di Enzo Randazzo

Nessun record trovato

Altre recensioni:




-

dal 2023-09-07
VISITE: 917


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali