Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [25/07/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Sulla stessa barca: l'amore ai tempi del coronavirus scadenza 2024-07-31    Tema “Poesia e ricerca della Pace nel XXI secolo” e tema libero scadenza 2024-07-31    5 edizione Concorso Nzionale scadenza 2024-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Le interviste di Progetto Babele
MIRCO RIZZI


Una intervista di Davide Riccio


ELECTROSOUNDPHRASESYNTH
CONVERSAZIONE CO N MIRCO RIZZI di D.R.

Davide
"Cameriere"… Sovraincisioni di chitarra classica, qualche percussione discreta, aria di improvvisazione… A' la Jean Guilou? Memorie prima citate a parte… Ricordo anch'io un concerto di Jean Guilou a Torino e un disco, improvvisazioni dedicate all'equipaggio dell'Apollo 8, con copertina argentata, che sono andato a ripescare e riascoltare… Beh, nel senso migliore, folle davvero! (Come collezionista e ascoltatore onnivoro, direi, folle anch'io). Ascoltando il tuo brano d'apertura, ho subito ripensato agli albori di questi linguaggi sonori altri, a Webern in primis, al suo Klavierstuck di un minuto e mezzo in cui concentrò tutto un modo-mondo nuovissimo, astratto e rarefatto, quindi ineffabile (o per i più semplicemente incomprensibile) di fare e fruire musica. Dinanzi a un brano tradizionale sappiamo come ascoltare, riconosciamo e riconduciamo a quella unitarietà che la nostra memoria è capace di costruire: tonalità, melodia, ritmo, timbri consueti... Tu però, a differenza di un Webern, improvvisando (mi pare) un asolo su una seconda chitarra dietro un basso continuo precomposto, atonale, ti affidi alla varietà di accostamenti contrastanti, a volte, qui del tutto generati dalla casualità. Forse c'è più il Berio delle Sequenze… Ma, ecco, in ogni caso alzi da subito la posta in gioco e domandi: tu, ascoltatore, sei preparato, sei educato ad altre possibilità-realtà sonore, musicali? Vuoi, puoi continuare a seguirmi? Hai voglia di metterti in gioco?

Mirco
"Cameriere" l'ho pensato come un qualcosa che porta a qualcos'altro...un intro? L'arrivo di un cameriere che ti porta la prima pietanza ("Mu")... E' un immenso piacere (e forse il modo in cui io intendo suonare una chitarra o un altro strumento) quello di improvvisare. Moltissime cose che ho fatto sono improvisate. Giocare registrando minuti di tracce lasciandomi trasportare da una tonalità, da un suono, da un ritmo è il mio piacere di suonare, specialmente nel progetto Ashtool dove il tutto è strettamente personale.

Davide
"Mu": con questo titolo sono andato - passando però con la mia astronave per un tunnel spazio temporale, per il famoso ponte Einstein-Rosen (suggestione indotta dalla tua musica che qui tanto mi ha richiamato in causa i "Future Sound Of London"), nel Deserto di Gobi (Sha-mo in cinese). Nel 1868 Churchward, archeologo in India, trovò strani bassorilievi e incontrò un sacerdote che lo aiutò a decifrarli e gli parlò dei Naacals, i "grandi fratelli", venuti in tempi antichissimi a portare la loro saggia parola da Mu, la terra madre altamente progredita, continente perduto, colpito da catastrofe immane e definitivamente sommerso. Da allora in poi molti se ne interessarono, ma nessuno poté mai individuare dove fosse stato esattamente Mu con le sue sette grandi città, favoloso continente quanto Atlantide… Sempre che fosse, sia mai esistito. La razza ariana, si dice, sarebbe poi discesa dalla stirpe dominante su Mu. Se fra 20.000 anni, il seguito di noi ormai sepolto da altrettanta catastrofe immane, dovesse fra l'altro sopravvivere questo tuo cd, una volta trovato di nuovo il modo e la tecnologia per decifrarlo, ascoltarlo… Chissà cosa potrebbero pensarne i nostri epigoni?

Mirco
Mu... se il mio poco sapere non mi inganna, si ipotizza che ci fosse stato uno scontro prima di quello che noi conosciamo (o così crediamo) tra Mu e Atlantide... Un crash..."Mu" è questo, giochi di ritmi ed esplosioni di synths... Amo i FSOL e le loro atmosfere. E' nato come gioco e puntualizzo gioco, anche perchè la sua prima forma l'ha presa su una consolle per videogiochi... Preferisco non pensare (oggi come fra 20.000 anni) a chi ascolterà le mie cose; io suono fondamentalmente per me stesso, anche se poi questo pensiero si scontra con il mio piacere di suonare e fare delle cose in mezzo alla gente, di "fronte" alla gente...

Davide
"Onefilter 1.0" è il mio pezzo preferito. Atmosfera alla Brian Eno del miglior periodo Ambient Music, quello di Music for Airport, per intenderci. Se lo ascolti con concentrazione, ti infonde pace, neutralità (vi puoi fare dello yoga, o della vecchia M.T., la meditazione trascendentale, tipo quella praticata ancora da quell'altro grande folle di David Lynch, che io amo spassionatamente… scusa, divago facilmente, eppoi sono un nostalgico dei Settanta), ma è anche un brano che potrebbe arredare spazi diversi (o installazioni), accompagnare in attività diverse. Accoglie, accompagna. A volte penso che la gran parte della musica oggi sia invece per lo più violenta, ti impone l'attenzione, l'ascolto, o peggio ancora se stessa per se stessa… Con questo tipo di musica invece il consumo può avvenire contemporaneamente ad altre attività, senza disturbo… e mentre suona diventa quel che accade in te e fuori di te, migliora e armonizza perfino le tue percezioni e appercezioni tra le realtà esterna e interna…

Mirco
Sto tentando di fare cose musicali che creino accompagnamento, colonna sonora (vedi i miei primi tentativi videomusicali)...Onefilter1.0 è nato suonando la classica sdraiato sul divano... facendomi trasportare dai fumi inebrianti di uno spinello (disdegno droghe "pesanti" ma non quelle "leggere")... L'ho suonato per ore, in totale trasporto, senza accorgermi di quello che le mie dita facevano... Un bel sogno
Nel video di Onefilter1.0 (scaricabile dal sito) c'è un tentativo di creare con immagini quella sensazione...

Davide
Saleccia 5… Man mano che il cd procede devo confessarti che mi piace davvero. Non sentivo cose così di qualità venire dall'underground italico da parecchio tempo (vi includo "Blu/viola" di Brusaschetto, anch'esso davvero un buon disco). Qui, si vira verso l'electro-lounge, direi. Mi imbarazza dover trovare delle etichette, ma sono punti cardinali per chi leggerà l'intervista. La musica non è soltanto l'arte di abbinare i suoni e i rumori, e la sua primordialità non si è mai lasciata cogliere del tutto dalla descrizione in parole e teorie, non è definibile completamente né lo sarà mai senza la sua creazione-esecuzione e il suo ascolto diretti, talmente è perfetta nel suo regno. La musica penetra e permea anche altri mondi o loro parti: emozioni, pensiero sottile, intuizione estatica, vibrazioni fisiche a vario livello, ispirazione musicale, ricordi e identità sonora, l'insondabilità del mistero creativo o ri-creativo… aspetti fisici, energetici, psico-emotivi, mentali e sopramentali, intuitivi… J.S. Bach diceva che "noi intuiamo appena la vera Musica". Tu cosa pensi che sia la "vera Musica"?

Mirco
Non so molto delle differenti classificazioni, ma non mi dispiace se qualcuno mi "affibbia" delle "etichette"... io faccio musica perchè ho ascoltato e ascolto musica (anche se non più come una volta). E' naturale che quello che faccio possa essere etichettabile... se poi si parla di etichettare per il business non me ne frega niente... La musica è musica, tutti i suoni per me sono musica... La "vera musica"? Il rumore del mondo è dir troppo? Non so, tutto quello che sento mi porta musicalità o viceversa, canticchio e giocherello con i ritmi in continuazione...

Davide
Qui, in "Meeting a friend", ha suonato anche Brusaschetto… Due chitarre ipnotiche e sognanti che mi ricordano Fripp&Eno in "Evening star" e la Frippertronic, quindi gli effetti, i rumori di vita quotidiana da una strada… Clacson trattati quasi come trombe di Jon Hassel. Scrisse Eric Satie nei "Quaderni di un mammifero": "Bisognerebbe comporre una musica d'arredamento, che conglobasse i rumori dell'ambiente in cui viene diffusa, che ne tenesse conto. Dovrebbe essere melodiosa, in maniera da addolcire il suono metallico di coltelli e forchette, senza troppo imporsi, senza volervisi sovrapporre. Riempirebbe i silenzi, a volte pesanti, fra i commensali. Risparmierebbe il solito scambio di banalità. Neutralizzerebbe, nello stesso tempo, i suoni della strada che penetrano, indiscreti, all'interno".

Mirco
Meeting a friend è nato così, in mezz'ora… A proposito di Satie , colpito!

Davide
Segue Passeggiata… Nonostante tu abbia suonato nella musica varia, ma pur sempre dura di Brusaschetto (ed anche, direi, "maledetta"), e i tuoi trascorsi di passione per Motorhead e affini di metal estremo (secondo me anche per i CSI), sembra che tu sia infine vocato ormai a un'opposta musica. Dunque, gli estremi infine coincidono, come nell'uroburo, il serpente che si morde e inghiotte la coda?

Mirco
Passeggiata è uno dei pezzi con la più lunga gestazione, le chitarre risalgono a 10 anni fa. Anche in passato ho fatto cose che sembrano "meno aggressive e violente" ma non lo sono, dal mio punto di vista. Mi ha sempre interessato avere un filo conduttore e trovare il "quid" anche con bidoni e bottiglie di birra riempite con acqua a livelli differenti... E' tutto un cerchio ("cerchireprise")... Tutto torna, qualcosa torna sempre e con frequenza....

Davide
"Nulla mi è dovuto", "La vite", "Cerchireprise"… A questo punto, a metà cd, dopo averci coccolato con suoni minimali, calmi, alchemici distillati sintetici… ecco arrivare una ormai inattesa sferzata destrutturata, de-evoluta (con qualche reminiscenza di Einsturzende Neubauten, Nitzer Ebb, Fortran 5 e Laibach…). Ad ogni modo, c'è una coerenza con il progetto che riassumerei con il motto "ordo ab chao" del rito massonico scozzese. Qualunque ordine deriva da un caos primario, lo stato caotico della materia originaria non ancora investita dallo spirito creativo. Ma in questo brano non c'è il puro caos: direi piuttosto che si sente il passaggio dalla materia prima alla nobilitazione per intervento dello spirito creativo, una fase intermedia. Come componi? Senza prevalenza del macrocosmo diatonico o cromatico temperato, tonale, lineare, quando senti che il pezzo è risolto, concluso, completo?

Mirco
Non esiste il caos... Ancora idee radicate nel tempo e nell'anima... "Nulla mi è dovuto" e "Cerchireprise" sono gli unici due pezzi con con un parlato, qualcosa da dire "a voce"... Ashtool è nato come un progetto senza vocals, ma legato al passato ho deciso diversamente perchè avevo qualcosa da dire, non so in futuro... Sono ricordi di progetti passati mai finiti su cd, presi, trattati, giocati... "La vite" è un'altro momento di mio personale svago nel ricordo di chitarre distorte, momento di strippo da suonare dal vivo. Per quanto riguarda il mio modo di comporre, banalmente, tutto parte da due note, un suono e poi vedo dove il tutto mi porta.
Canticchio molto, come dicevo, così gioco con la voce, con la chitarra e nascono le cose: il pezzo è finito quando per me acquista un senso, un senso personale.

Davide
"Sexes3", "Overflowunguento". La musica è la sola arte grazie alla quale l'uomo smette di vivere se stesso in un succedersi di compartimenti distinti: il corpo fisico, le nostre energie, le emozioni, l'intelletto, e così via, tutto come se corrispondesse a stati separati nei diversi momenti del vivere. La musica soltanto riesce a coinvolgere e attivare nello stesso momento ogni livello vitale. Per la stessa ragione Beethoven disse che non c'è religione più elevata, o filosofia più elevata, della musica. Però, niente di nuovo sotto il sole, questa era un'idea già tramandata fin da Socrate e Platone. In questi due brani, dietro arpeggi più evidenti di chitarre in primo piano, si sentono altre cose, alcune appena udibili, che sembrano essere altro, ognuna un compartimento distinto di cui dicevo prima, ma che invece l'arte musicale condotta consapevolmente, creativamente, riesce comunque a raccogliere, collegare, unificare, armonizzare…

Mirco
"Sexes3" è uno dei miei preferiti: tante chitarre appena accennate... "Overflowunguento" è il ricordo di una serata caldissima (io ero in mutande) a registrare tracce improvvisate da 10 minuti l'una con Daniele Brusaschetto; alla fine abbiam riascoltato il tutto, il tutto aveva un senso, ci è piaciuto, così ho deciso di metterlo nel cd...


Davide
"Ridolini/thoughts", un finale con vena ironica, buffa, anche un po' misteriosa, non priva di tenerezza… Mi ha fatto ricordare Frank Zappa (specie alcuni lavori con Boulez o al Synclavier) e i King Crimson di alcune prime improvvisazioni… Ma ora, per chiudere: la tua musica è eufonica, nel senso che vi dava il musicologo Daniel Levy, per la riscoperta della nostra realtà udibile e altresì inaudibile, un collegamento tra "io Suono" e "io Sono". Per capire tutta la musica dovremmo fare come gli acustikòi della Scuola di Pitagora: reimparare ad ascoltare per poter intendere, sapendo fare anzitutto silenzio nell'agitazione della mente. Esiste musica dunque che agita la mente riempiendola di cose che sono anche altro da noi, e altra musica per cui occorre fare silenzio nella mente con dentro le sue categorie instillate, radicate, quadrate. La tua appartiene a questo seconda categoria, più "sferica". Ma è anche una seconda categoria a cui la maggior parte dei "fruitori" di musica non è preparata, a cui non sa lasciarsi andare, per cui non sa fare silenzio e predisporsi. Tu fai quello che senti, liberamente, ma come ti poni dopo tanta purezza dell'atto creativo rispetto al pur sempre legittimo bisogno umano di riconoscimenti di varia natura?

Mirco
Ad oggi posso sentirmi soddisfatto di quello che ho fatto e sto continuando a fare. Ho suonato davanti a centinaia di persone e davanti a 10 persone: entrambe le situazioni mi hanno dato "riconoscimenti". Nel momento di un applauso, di un sorriso, del fermarsi, sedersi e ascoltare io ricevo "riconoscimenti"... Se si parla di soldi, io lavoro per vivere e mangiare...
Episodio curioso in una kashba (nel senso di locale dove si serve il the, con tappeti indiani etc.) n.d.d.r.), a Tucson in Arizona, ricordo di persone che hanno appoggiato dei dollari come mancia sul mio flightcase...eh eh… "riconoscimenti"...
Ho incontrato tanta gente, tanti musicisti e continuo a farlo, questo è il bello, il "riconoscimento"...

 

Una intervista di Davide Riccio
Per gentile concessione dell'autore


 

Mirco Rizzi

Mirco Rizzi è nato a Torino nel 1974. Si avvicina alla musica attraverso la classica (i suoi fratelli suonavano l'organo liturgico e a canne). Probabilmente fu allora l'incontro appassionante con la sperimentazione classica contemporanea a indirizzarlo verso un futuro di musicista creativo. "Ricordo Fernando Germani, Daniel Chorzempa o il "folle" Jean Guillou cimentarsi con alcuni organi torinesi scascioni e maltrattati". Rizzi viene quindi sempre più affascinato dall'esatto opposto musicale, quello delle avanguardie "non musicali" (nel senso contrario a tutte le concezioni tonali e di "estetica della musica" ancora oggi diffusamente ferme all'Ottocento libellistico di Eduard Hanslick). Quindi l'adolescenza con tutto il suo bagaglio di inquietudini, l'approccio a generi musicali e tipologie di concerti sempre diversi, la musica che diventa vieppiù rifugio. "Anche perchè in quegli anni in famiglia ebbimo un bel pò di casini, ed io incominciai ad andare contro, rifugiandomi nella musica per darmi un alibi alla realtà. Il disagio mi porta a buttarmi nella musica e (meno male!) a evitare la droga (quanti amici persi!). Non c'è dubbio, la musica, ancor più se stimola ad essere suoi adepti creativi, anche in questo caso dimostra di saper svolgere il suo potere terapeutico e sanamente catartico. A metà anni Ottanta arriva il rock "con le sue chitarre distorte, i concerti in megawatt e i drummers funambolici e incazzati (incazzatura parola fondamentale per descrivere il mio primo approccio suonato con la musica e con il voler comunicar qualcosa): furono i Motorhead al palazzetto dello sport a Torino. Bang! Colpito. Tre mesi di volantinaggio e mi acquisto la mia chitarra classica, ore di esercizi, ore di fuga, subito la voglia di formare una band...".
Nel 1988 forma la prima band di rockmetal estremo e incomincia a conoscere la realtà musical torinese... centri d'incontro, Dracma sale prova e studio di registrazione (anche etichetta specializzata in heavy metal). Alcuni problemi di salute gli fanno abbandonare gli studi e inizia a lavorare in Dracma, da tuttofare a manutentore strumentazione, a capire come funziona uno studio di registrazione e le attrezzature per i concerti.
"Crescendo incominciai a maturare nuovi piaceri musicali, diversi, ma sempre improntati all'aggressività (hardcoremetal, death, grind, noise): una escalation verso la non musicalità (o presunta tale)". Incontra molti musicisti, partecipa a differenti progetti (Blackened e Cube, 1990/92), fonda la sua prima "micro" etichetta e si addentra sempre più... Ma la svolta da quello che poteva essere ancora definibile un hobby a qualcosa di più arriva con Daniele Brusaschetto, geniale musicista torinese deluso dallo squagliamento della buonissima band Mudcake. "Brusaschetto si butta in un suo progetto estremo, omonimo con il supporto del primo 7inch "- Paturnie - ", fa qualche gig da solo ma è dura, ha bisogno di un altro strumentista, ci incontriamo ed è intesa sonica dai primi momenti, ore di suoni in sala prove e centinaia di gigs, in Italia, in Europa fino a toccare gli USA (per maggior info vedi sito di Daniele Brusaschetto www.danielebrusaschetto.com ), bellissime e faticose esperienze ma piene di vita e di puzza di piedi in furgone… Ho suonato in varissime situazioni: dai teatri al club, dalla casbah al marciapiede, dalle installazioni futuristiche, facendo solo ambiente sonoro, ai peggio squatt italiani (puntualizzo italiani, perchè in Europa ci sono squatt della Madonna!). Non ho mai suonato per soldi, ma più volte ho guadagnato e anche perso dineros...".
Mirco ha quindi suonato chitarre, basso e tastiere in tutti i dischi di Daniele Brusaschetto, fino al penultimo "Blu viola" (per la label statunitense Radon).
Mirco Rizzi, con il nome-progetto di Ashtool, ha ora appena finito di registrare e dare alle stampe il cd "Electrosoundphrasesynth" per la sua etichetta "Into my bed".

Sito
https://space.virgilio.it/ashpool


Dal sito di Mirco "Ashtool" Rizzi si possono scaricare due brani dall'ultimo cd (Nulla mi è dovuto e One filter), nonché alcuni filmati.

E-mail
ashpool@tin.it

A cura di
Davide Riccio


Discografia

BLACKENED :
"Timeout" - '90 - (tape ) - autoprod
"SO Real" - '91 - (tape ) - autoprod
"Promo" - 92" - (tape ) - autoprod

CUBE
"La Tua Carne In Me" - '95 - (tape) - autoprod

DANIELE BRUSASCHETTO
"Bellies/Pance" - '97 - ( cd ) - Hax,

HHETHH, RRRecords (usa), Snowdonia, Soundbuster (ger), Zona Libera Records
"Mama Fottimi" - '99 - ( cd ) - ZZZ... Production, RRRecords (usa)
"BluViola" - '01 - ( cd ) - Radon
"Scassatolive" - '02 - ( cd 9 live songs + 5 remixes by Sandblasting ) don Studio(usa)

ALL SCARS ORCHESTRA
"3 Way Split" - '00 - ( cd split w/ Recalcitrant + Napalmed ) - LNP (hol)

ASHTOOL
"Electrosoundphrasesinth(ou)gh(t)s" - '04 - ( cd ) Into my bed rec.




 

 

VISITE: 9964

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali