Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [22/06/2024] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Joe Henry
Tiny Voices
2004 ANTI


Non compro molti CD, piuttosto ne scambio con amici, li prendo in
biblioteca. Più economico.
Ma quello di Joe Henry l'ho acquistato. L'avevo ascoltato per la prima volta su Lifegate Radio. Non sapevo chi fosse. Mai sentito prima. Ma quell'ascolto casuale mi colpì molto. Qualche giorno dopo un'altra canzone dal suo album TINY VOICES. Un altro centro. Le atmosfere notturne da 'afterhours', le armonie essenziali, la voce un poco strascicata, il fruscio jazzy degli arrangiamenti, il sostegno quasi minimale dell'accompagnamento erano motivi più che sufficienti per farmi mettere sulle sue tracce. Chi è? Cos'altro ha inciso? Chi suona con lui?
La prime ricerche le effettuo su internet e salta fuori che Joe Henry incide da molti anni. Ma non il genere sentito alla radio qualche giorno prima. I dischi precedenti sono di country soul rock. Beh, penso, un bel pastone musicale! Ma questo disco è qualcosa di diverso eppure ci ho sentito dentro armonie, stati d'animo che conosco (ciò, di solito, viene additato come il segno del genio: proporre in modo semplice ed essenziale qualcosa che in molti riconoscono), melodie che posso aver già sentito magari in qualche disco di... Tom Wiats, quello degli esordi.
Eppure Joe Henry paga pegno al celeberrimo caposcuola, ma senza ripeterne pedissequamente le tracce (altri, in Italia hanno fatto fortuna riproponendone atteggiamenti e sonorità). L'artista propone, invece, una sua visione intima, poetica e sognante della propria concezione musicale.
La ricerca su internet svela che le mie impressioni hanno fatto centro.
Innanzitutto il disco precendente, SCAR, è stato inciso presso la stessa casa discografica in cui Tom Waits ha inciso i suoi ultimi quattro lavori. Se ciò non bastasse come refernza, in quel disco hanno suonato musicisti del calibro di Ornette Coleman, il padre del free jazz, e Marc Ribot, un chitarrista che si è cimentato su molti fronti musicali (dal latin jazz al root al rock jazz…).
Beh, la mano corre quasi automaticamente al portafogli!
Ascoltare musica significa seguire delle tracce esili che sono fatte soprattutto di emozioni, di conoscenze e di un po' di memoria. Nel momento in cui queste tre componenti si mischiano a dovere, allora le coincidenze si presentano in modo quantomai numerose. La legge karmica musicale all'opera non conduce per forza in un megastore di CD, anzi di solito porta molto distanti da esso. Così, acquistato il CD, per prima ne ammiro la copertina: un gruppo di artisti circensi fuori da un edificio. Il retro: un particolare di un ritratto di una donna (una madonna che suona un organo). Il piatto del CD è giallo. Lo inserisco nel lettore, schiaccio PLAY e Joe Henry inizia a cantare. Il primo brano un po' mi spiazza, l'approccio è vagamente molto dance. Mi sarò ingannato? Il booklet, sul fronte, ha due sfere rosse (una più grande e una più piccola), sul retro, il primo piano di un jukebox (?). L'interno: la prima pagina contiene un primo piano di Joe Henry: un ragazzo piuttosto giovane, di bell'aspetto, lo sguardo penetrante (devo averlo, mi dico, è il suo CD, è la sua ultima fatica, deve trasmetterti la sua convinzione che sia il miglior lavoro fatto fino a oggi).
Ascolto la sua voce. Lo guardo mentre mi osserva dal suo (ormai mio) libretto. La sua voce procede indolente attacca il suo secondo brano: ANIMAL SKIN. Leggo alcuni versi delle sue canzoni ma, soprattutto, sono le canzoni che mantengono le promesse di quel primo ascolto radiofonico.
Sfoglio le pagine del libretto arrivo alla penultima dove sono riportati i nomi dei MUSICIANS. E, ancora una volta, le coincidenze, la karmica musicale, hare hare hare. Gli ascolti fatti fino a oggi, mi danno una volta di più ragione. Ritrovo, e solo per farla breve, Don Byron, clarinettista/sassofonista ecclettico e poliedrico, il trombettista Ron Miles e lo special guest Jim Keltner.
E la canzoni si susseguono, e penso che ho fatto bene ad acquistare TINY VOICES, che si tratta di uno dei migliori CD degli ultimi tempi, che vorrei ascoltare sempre musica come questa: nuova eppure già nota.

Alessandro Tacconi

 

VISITE: 6.110

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali