Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [21/06/2024] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Cuba dopo Fidel Castro
di Gordiano Lupi


Cuba sta vivendo un torrido mese di agosto segnato da una mobilizzazione totale delle forze armate, mentre i fratelli Castro non si fanno vedere e l’incertezza regna sovrana. Tra i giornalisti indipendenti circolano leggende metropolitane attorno alla presunta morte di Fidel, si specula sulla sua grave malattia e si fa a gara a chi la spara più grossa. Il 31 luglio Fidel Castro ha ceduto i poteri al fratello e subito sono cominciati a proliferare analisi politiche ricche di dettagli impossibili da comprovare. C’è chi dice che Castro è morto e che il regime nasconde questo fatto per guadagnare tempo e per consolidare la dinastia nella persona del fratello. Altri affermano che la malattia è solo un trucco di Castro per passare i suoi poteri al fratello prima di morire. Altri ancora contraddicono questa tesi e dicono che è pericoloso giocare con il popolo e che è incompatibile con la propaganda eroica sul Comandante inventare un’infermità intestinale. D’altra parte il fatto che il successore Raúl Castro non compaia in pubblico diffonde incertezza. I giornalisti di regime raccontano alla televisione solo buone notizie e augurano a Castro un pronto recupero, ottimismo incompatibile con una delicata operazione su un uomo anziano. Tuttavia, insieme agli auguri di pronto recupero per il Comandante, inviano elogi all’astro nascente Raúl e parlano di Fidel come se fosse morto e la sua opera continuasse nel successore. Un altro elemento incompatibile con la calma apparente è la mobilitazione militare generale: l’esercito e la polizia sono in stato di allerta e sono stati richiamati sia i riservisti che i militari in licenza. All’Avana le strade sono presidiate da un gran numero di poliziotti, in abiti civili e in uniforme, a piedi e in motocicletta, ma questa volta non escono per far retate di jineteras che abbordano turisti. Le discoteche sono state chiuse e il carnevale cancellato, così come sono stati annullati i festeggiamenti per il compleanno di Fidel. Il 2 di agosto ha cominciato a diffondersi la voce di una retata massiccia di oppositori che doveva servire per sedare ogni tentativo di ribellione interna. Una volta di più la propaganda interna si è messa a sventolare il fantasma dell’invasione imperialista come giustificazione allo Stato di polizia. In realtà si tratta di puro terrorismo di Stato per portare al mulino del regime l’acqua del patriottismo. Molti dissidenti democratici, soprattutto i cattolici del progetto Varala, hanno raccomandato la calma per evitare azioni violente. La maggior parte dei cubani non commenta quello che sta accadendo e ha paura di parlare, perché la gente sa bene che nelle situazioni difficili il regime tira fuori il suo volto più spietato.
In questi giorni si è diffusa la notizia che il delicato intervento al quale è stato sottoposto Fidel Castro sarebbe stata una colostomia, forse per esportare un tumore, con successiva creazione di un ano artificiale. La convalescenza di Fidel Castro dovrebbe durare circa un anno, secondo El Nuevo Herald di Miami, quotidiano in lingua spagnola molto diffuso nella comunità cubana della Florida.
Le prospettive politiche del dopo Castro non sono positive perché con Raúl restiamo nell’ambito della continuità e della restaurazione più conservatrice. Il fratello del Comandante è da tempo l’erede designato, solo che ha meno carisma e poca personalità da statista, oltre a non garantire nessuna apertura democratica. Mariela Castro, la figlia di Raúl, sta lavorando molto nel campo dei diritti umani legati alla comunità gay e ai transessuali, ma non crediamo che il padre sia portatore di simili idee progressiste. L’unica via di salvezza per Cuba sarebbe quella segnata dal Progetto Varela (la dissidenza cattolica interna al paese): apertura democratica, libere elezioni, attenzione verso i diritti civili, il tutto accompagnato da uno sviluppo economico che favorisca la libera iniziativa privata. A Cuba va ridotto lo statalismo accentratore che ha portato solo danni e una società piena di contraddizioni dove chi lavora per lo Stato non ha nessuna certezza, ma deve inventare il modo per campare. In economia Raúl è statalista al cento per cento e vede con occhio benevolo il modello cinese all’interno di una società formalmente comunista, ma di fatto autoritaria e repressiva. Il partito comunista cubano, in questa nuova situazione, assumerebbe un ruolo molto importante e il governo risulterebbe spalmato su diverse figure che stanno lottando per guadagnare la loro fetta di potere. Raúl Castro resta il capo designato, ma non avrà mai lo stesso potere assoluto del fratello e dovrà contentarsi delle forze armate. Non ci sono grandi speranze che la dittatura cubana faccia un passo indietro rispetto a uno Stato di polizia che ha già raggiunto livelli di guardia. Una maggior partecipazione al potere da parte del partito comunista può solo aumentare burocrazia, statalismo e autoritarismo. D’altro canto pure il dissenso interno non è tutto da salvare, così come non sono migliori dei governanti cubani coloro che a Miami inneggiano alla morte di Castro come se la loro squadra avesse vinto una Coppa del Mondo. Non sarebbe certo una buona soluzione americanizzare Cuba e rompere in modo traumatico con il passato, perché il cambiamento deve essere graduale, garantendo una continuità e correggendo la rotta dove il regime ha preso una deriva troppo autoritaria. Dobbiamo tenere di conto che la maggior parte della popolazione cubana è nata dopo il 1959 e quindi non vive nel mito della Rivoluzione, ma al contrario ne attende la caduta come un evento auspicabile. L’unico modo per recuperare i giovani alla causa rivoluzionaria sarebbe quello di favorire un’apertura democratica, di incentivare l’iniziativa economica privata e di far capire ai cittadini cubani che sono anche soggetti di diritti oltre che oggetto di doveri. Sarà mai possibile?

Gordiano Lupi


L'autore

Gordiano Lupi
(Piombino, 1960)

Capo redattore de Il Foglio Letterario e Direttore Editoriale delle Edizioni Il Foglio. Collabora con Mystero e con la Casa Editrice Profondo Rosso di Roma. Collabora con Contro Radio di Firenze per recensioni sul cinema italiano anni Settanta. Pubblica racconti per X Comics, Blue e Underground Press. Scrive soggetti e sceneggiature per fumetti realizzati graficamente dal disegnatore Oscar Celestini (pubblicati su X Comics, Blue e Underground Press). Di argomento cubano ha pubblicato: Il mistero di Incrucijada (Prospettiva, 2000), Il giustiziere del Malecón (Prospettiva, 2002), Nero Tropicale (Terzo Millennio, 2003), Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un'isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Tomas Milian, un attore cubano in Italia (Profondo Rosso, 2004). Ha tradotto i romanzi del cubano Alejandro Torreguitart Ruiz: Machi di carta (Stampa Alternativa, 2003), La Marina del mio passato (Nonsoloparole, 2003) e Vita da jinetera (Il Foglio, 2005).

Pagine web: www.infol.it/lupi

E-mail per contatti:
lupi@infol.it


VISITE: 4.611
dal 13/06/06

 

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali