Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    [16/10/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FIORI D’INVERNO scadenza 2021-10-23    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
42 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La segretaria del prete
di Marinella Giuni
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 23
Media 79.13 %



“La Anna vuole qualcosa di diverso” dice la ragazza shampista che ha appena risposto al telefono. “Deve andare ad una festa a tema e vuole qualcosa di adatto. L’ho segnata per oggi pomeriggio”.

“Sla vo’ fa qualcosa d’adatto, la gà da sta a ca”  risponde Gabriella. “Cosa va a fare alla festa a tema, alla sua età. Ghe mia ad vergogna”!

“Oh su, non essere così rigida” interviene Paola “stai diventando proprio acida come una vecchia zitella. Anche se in realtà la zitella qui è la Anna che, proprio perché è zitella, si permette tutte queste cose. Noi, al massimo, ci chiamano per la sagra delle pesche, o per andare a far da mangiare a casa del prete quando la perpetua va in ferie”.

Che poi adesso il prete, Don Tarcisio, aveva preso l’abitudine di andare in ferie anche lui. No, non è che andava al mare a Rimini o Riccione come la intenderebbe la Casalinga di Voghera, però sapendo che il suo Ordine di appartenenza aveva una Casa in Riviera, una volta l’anno andava dai suoi Superiori e si faceva una settimana là.

Così l’Erminia, la perpetua, era libera e poteva finalmente stare tranquilla. Eh sì, perché Don Tarcisio, un sant’uomo per carità, era davvero pesantuccio. Quando andavano a far la spesa non c’era una volta che andassero d’accordo sulla marca del caffè; per non parlare, poi, del vino. Lui non disdegnava, la sera, una bella Bonarda dell’Oltrepo, ma lei non gliela faceva comprare. Così doveva dipendere da qualche parrocchiano di buon cuore e poi ricordarsi di nascondere il fiaschetto, perché all’Erminia non sfuggiva nulla.

Per fortuna il Don era molto alto e quando doveva imboscare qualcosa aveva le sue risorse: l’Erminia si arrabbiava tantissimo perché, invece, ai pensili, non ci arrivava. Quando avevano arredato la cucina lei aveva insistito molto sull’altezza o bassezza degli armadietti; così si erano accordati in base alle reciproche esigenze ed ora i mobili avevano una disposizione tale da rendere la stanza davvero dinamica.

Poteva sembrare il frutto di un architetto estroso, in realtà ciascuno si era fatto gli affari propri ed aveva deciso, senza repliche, dove far appendere i pensili.

Per il Don era stata la salvezza, perché salame e Bonarda potevano tranquillamente stare in alto.

Quell’estate era successo un fatto che era rimasto nella storia del paese e che le abituali frequentatrici de la petnera raccontavano e tramandavano ai posteri, fiere della tradizione che da sempre sosteneva il loro narrato.

Da poco Don Tarcisio era diventato orgoglioso proprietario di un telefono con annessa segreteria telefonica. Ma non di quelle moderne che ci sono adesso, sul cellulare, con i messaggi preregistrati o quelle che puoi scaricare da Internet, con le voci di attori famosi.

No, no. Era una scatola di plastica e metallo, con addirittura una doppia audiocassetta per la registrazione. C’erano anche dei pulsanti ma solo di due conosceva bene l’utilizzo; gli altri erano riservati a funzioni che non si sognava neppure di utilizzare.

E quell’attrezzo lo aveva stregato!

La sera dopo il vespro, una delle maggiori ore canoniche di molte Chiese cristiane, non lasciava in pace l’Erminia fino a quando non aveva provato a registrare il messaggio audio della Parrocchia.

Lei, naturalmente, non voleva sapere nulla di queste diavolerie anni ’80 ma per toglierselo di torno alla fine aveva deciso che sì, ci avrebbe perlomeno provato.

“Dobbiamo cercare una frase” perché quando non ci siamo è giusto che i fedeli possano lasciare il messaggio. Cosa dice, Erminia?” chiede il Don

“Ma a mi am pias no, sta roba chi. Il fedele se vuole può chiamare quando ci siamo o può venire direttamente qui. Ma che diavoleria è mai questa? E’ solo un’altra cosa da spolverare, ecco cos’è”! – risponde, scocciata, l’Erminia.

Il Don aveva però pensato di condividere la novità coi parrocchiani e durante la Santa Messa aveva anticipato che, presto, la sua Parrocchia avrebbe avuto niente meno che la segreteria telefonica. 

Il grugnito dell’Erminia era giunto dalle retrovie: ormai la registrazione del messaggio non poteva più essere rimandata!

“Il testo, il testo” – insisteva il Don - Cosa possiamo dire?”

“Risponde la Segreteria telefonica della Parrocchia di Sant’Antonio Abate .. ora et semper mi trovate!” suggerisce l’Erminia. 

Il Don, colpito dalla creatività e dalla fantasia della sua perpetua, decide così di premiarla. Quello sarebbe stato il messaggio. Non voleva prendersi il merito, questo no (o forse sì) però pensò che la voce avrebbe dovuto essere la sua, sua del Don ovviamente.

Così dopo dodici tentativi, in cui spensero ed accesero tutti i pulsanti – anche quello della vicina abat-jour che non c’entrava nulla ma nella confusione era stato pigiato – finalmente la Parrocchia di Sant’Antonio Abate ebbe il proprio messaggio.

Adesso sì, che l’Erminia ed il Don potevano andare a fare la spesa senza pensieri, litigare per il caffè e per il vino ed intanto i fedeli, con le loro richieste, sarebbero stati in una botte di ferro!

“Quella volta lì stavano tornando dal LIDL – sostiene Anna, mentre Gabriella malvolentieri la acconcia per la festa a tema. Lo so perché io li ho visti scendere dalla Ritmo, con le borse della spesa. E gli ho detto che cosa erano andati a fare al discount..i duvivan risparmià”?

“Ma no, non dal LIDL. Erano andati da Leroy Merlin che l’Erminia voleva prendere degli specchi” – replica Gabriella

“Ma sì, ma sì. Cosa c’entra poi? –chiude in fretta Gabriella – l’importante è il dopo”!

All’ingresso in casa i due non si erano affrettati ad accendere la luce, così avevano subito notato – nella penombra - la lucina rossa intermittente che proveniva dalla segreteria telefonica.

“Mi a voi savè nient - dice l’Erminia - vado a mettere via la spesa e faccio il caffè. Chiamarlo caffè poi, insomma, questa sottomarca che mi ha fatto comprare”!

Il momento era solenne, il primo messaggio era arrivato. Voleva sentirlo da solo perché tanto all’Erminia sicuramente non importava. Era solo qualcosa da spolverare, no?

Bene. Allora, con in mano un bicchierino di Bonarda, Don Tarcisio si allontana e si chiude nello studio.

“Plei”

E’ Giuseppone. “Buongiorno, buongiorno eh.. ma è il Don Tarcisio? L’è propi lu? Dooon, Don Tarcisiooo. Ben, guardi, parlo io! Volevo venire a fare la confessione ma avevo tanto da fare nei campi, dovevo “dacquare” l’orto e allora, allora la mia Pina mi ha detto -Chiama il Don, chiama e gli dici che vai domani - Ma non posso aspettare. L’ho fatta grossa. Don, l’ho fatta grossa. Avevo bisogno due belle galline per la cena, che viene l’Armando, il mio figliolo. E le ho prese dallo stabi del Giovanni, che ne ha tante. Mica se ne accorge. Va ben, vengo domani, Don. Però sto meglio, sì, sto meglio”.

Don Tarcisio è sprofondato in poltrona! Non sa che fare. La Confessione. Il sacramento istituito da Gesù Cristo per rimettere i peccati compiuti dopo il Battesimo, nella segreteria telefonica.

 Non si aspettava di iniziare col botto.

E così richiama Giuseppone. Subito. Prima che arrivi l’Erminia.

“Risponde la segreteria del Giuseppe. Sono in campagna. Lasciate un messaggio”

Qualche secondo di incertezza, il dubbio se riattaccare o farsi inebriare dalla novità (un regalo del figliolo Armando, chissà?)

E poi, l’automatismo di anni di onorata confessione.

“Ego te absolvo a peccatis tuis in nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen. Tre Ave Maria e un Padre Nostro”.

Biiiip.

“Perdono, perdono” sussurra dentro di sé il Don, pur compiacendosi per il suo primo risultato.

 Intanto l’Erminia piomba nello studio “Chi era”?

“Nessuno, nessuno. Hanno riappeso subito”.

“Ah che diavoleria! Lo dicevo io. Andiamo, Don, andiamo. La cena è in tavola”.

(Contenuto in Racconti seri_severi di Marinella Giuni - Edizioni Pedrazzi, Placebook Publishing)

© Marinella Giuni



Recensioni ed articoli relativi a Marinella Giuni

Nessun record trovato

Testi di Marinella Giuni pubblicati su Progetto Babele

(1) La segretaria del prete di Marinella Giuni - RACCONTO
(2) Tre poesie di Marinella Giuni - POESIA
(3) Io aspetto a casa con le bambine, da brava. di Marinella Giuni - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2020-09-22
VISITE: 156


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali