Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [21/05/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    JAZZINSIEME 2024 PORDENONE SI TINGE DI JAZZ - JAZZINSIEME 2024 Dal 23 Maggio al 2 Giugno il centro di Pordenone, special guest l'inedito trio Calderazzo, Patitucci, Weckl (EVENTO 2024-06-02)    Io, Vincent Van Gogh - Presentazione del nuovo libri di Corrado D'Elia (PRESENTAZIONE 2024-05-22)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
17 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
5 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Paperottolandia
di Debora Gatelli
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8108
Media 80.09%



C'era una volta, tanto tempo fa nel lontano 2010, una città non molto grande, ma nemmeno troppo piccola, che aveva un nome normale come tante altre città di quei tempi. In quella città però c'era della gente un po' strana che si vestiva in modo strano, con magliette e pantaloni colorati, capelli corti, faccia senza trucco. Andavano in giro così, come l'arcobaleno, ascoltavano musica strana in luoghi strani pieni di luci. Sembravano sempre tutti felici e contenti anche se non era vero. Di giorno prendevano il sole per abbronzarsi e di notte nessuno pensava mai di uscire a prendere la luna per rilassarsi. Infatti in quella città la luna era triste e a volte si nascondeva dietro alle nuvole e piangeva. Dovete sapere infatti che gli abitanti colorati di quella città avevano tutti le stesse abitudini e non appena la luna si affacciava nel cielo, loro andavano a dormire. Non se ne capiva il motivo.

Un bel giorno, che poi a dir la verità pioveva quindi non era un bel giorno perché alla gente colorata la pioggia di solito non piace, dicevo un bel giorno due abitanti di quella città si stufarono di tutte quelle stranezze e se ne andarono via. Fu così che arrivarono a Paperottolandia. Se chiedete in giro, di Paperottolandia non riuscirete a sapere niente perché quasi nessuno ci è mai stato. Non si sa dove sia, forse non esiste, e comunque nessuno di quelli che l'hanno cercata è mai tornato nella città strana col nome normale e la gente colorata per raccontarlo. Così ve lo racconto io.

Per arrivare a Paperottolandia si può fare qualsiasi strada, tanto non fa nessuna differenza. Un po' come il detto: "Tutte le strade portano a Roma". Il problema è che quasi tutti quando arrivano non se ne accorgono e vanno avanti, avanti, camminano, sbuffano si perdono e poi si stufano e sbraitano e alla fine tornano indietro. Tornando indietro attraversano di nuovo Paperottolandia, ma se non l'hanno vista all'andata che la stavano cercando, figuriamoci al ritorno che sono stanchi e arrabbiati.
Paperottolandia non la vedi perché non c'è, bisogna crearla. Più precisamente, c'è in ogni luogo e in ogni momento, ma solo per chi vuole veramente che ci sia. E per andarci non c'è bisogno di camminare in lungo e in largo, basta camminare col pensiero che però a volte è più difficile e ci si stanca prima di capire quanto lontano potrebbe portarci.

I nostri due amici ci arrivarono un giorno come tanti altri e non se ne andarono più. Avevano sempre desiderato un luogo tutto fatto di paperottolosità, come si chiamavano lì. In quel luogo ogni cosa ha un senso; anche le cose insensate hanno il senso del non-senso che le rende meravigliose più delle altre. A Paperottolandia i pensieri valgono come le parole, le parole vengono sostituite dagli sguardi e i sogni sono considerati come un'anticipazione della realtà. Lì le cose e gli oggetti hanno tutta una serie di significati appiccicati addosso, di quel tipo di significati che di solito i genitori ti staccano e buttano via perché sono infantili "mentre tu sei grande quindi pensa a studiare invece di perdere tempo a inventare sciocchezze".
A Paperottolandia nessuno butta via niente perché non ci sono i cestini e perché non c'è nemmeno la strada per buttar la roba in strada alla faccia del "tieni pulita la tua città". Se vivi a Paperottolandia, le cose non le butti via perché se non sono adatte se ne vanno da sole, non nel senso che spariscono, ma nel senso che non sei obbligato tu a farle esistere dentro di te. Paperottolandia è una città pulita e ordinata anche se c'è un sacco di roba in giro, senza una logica e senza regole. E' bellissimo.
A Paperottolandia ci puoi andare quando vuoi per tutto il tempo che vuoi e con chi vuoi - anche se non è vero del tutto, per via di quel problema che molti non si accorgono di esserci dentro e quindi è come se non ci fossero stati per niente. Ma i nostri due amici, che poi non erano amici ma molto di più e nemmeno fidanzati ma molto di più, insomma erano loro due in una parola sola che per fare un esempio è come dire CAPPUCCINO invece di stare a specificare CAFFE' + LATTE, beh stavo cercando di dire, prima che perdiate il filo, che loro erano paperottolosi di natura e a Paperottolandia ci si trovarono così bene che ci passarono moltissimo tempo. Gli altri non sempre se ne rendevano conto, ma per loro non aveva importanza così come a due delfini che giocano in una vasca non importa proprio nulla di esser presi per pesci dai bambini che li guardano sporgendosi sul bordo.

Se vi capita di incontrare quei due seduti in un bar, appallottolati uno con l'altro e vi sembra che siano in un altro mondo, state certi che è proprio così. Probabilmente stanno giocando a mamma orsa e l'orsetto, oppure ai cuccioli che si leccano la faccia l'un l'altro perché da soli non riescono, o ancora stanno progettando un nuovo modo per comunicare senza usare parole di senso compiuto.
Se vi capita di vederli per strada mano nella mano, che si fermano davanti ad ogni vetrina per specchiarsi nel vetro e non per guardare i vestiti sui manichini, state certi che stanno camminando su quella strada solo in un certo senso. Perché in un certo altro senso sono lontanissimi da tutto ciò che può essere descritto a parole e vicinissimi a ciò che invece di descrivere è meglio sperimentare.
Fate un giro a Paperottolandia e capirete di che parlo.
Fateci solo un giro e non potrete più farne a meno.

© Debora Gatelli





Recensioni ed articoli relativi a Debora Gatelli

Nessun record trovato

Testi di Debora Gatelli pubblicati su Progetto Babele

(1) Torch di Debora Gatelli - RACCONTO
(2) Net Web di Debora Gatelli - RACCONTO
(3) Epitaph di Debora Gatelli - RACCONTO
(4) Black Rose di Debora Gatelli - RACCONTO
(5) Erbacce di Debora Gatelli - RACCONTO
(6) Finta di niente di Debora Gatelli - RACCONTO
(7) Prima colazione di Debora Gatelli - RACCONTO
(8) Paperottolandia di Debora Gatelli - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2010-02-26
VISITE: 15.242


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali