© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [19/07/2017] Lacrime d’Inchiostro    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [25/04/2015] Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [20/07/2017] 9 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Yoga della risata a LAlba Big Fish scadenza 2017-07-27    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 20/07/2017    Recensioni     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli     L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski    Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini     Sesso, droga e Rococò di Massimo Di Vincenzo    Il parere di PB     Sesso, droga e rococò - Storia del falsetto dai castrati all di Massimo Di Vincenzo     C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco     Frantumi di Edoardo Firpo    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: EXPO DI ARTE CONTEMPORANEA di Marche Centro d'Arte - parte la V edizione inserito il 2015-04-11 (ultimo aggiornamento 2015-04-11)    Ultimo post: inserito da dariociferri il 2015-04-11 sul topic EXPO DI ARTE CONTEMPORANEA di Marche Centro d'Arte - parte la V edizione    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 2
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
96.194.396
esposizioni

 
     

Er davenì
di Enrico Meloni




Recensore Carlo Santulli
Ricevuto 13/01/2008
Recensito il 13-01-2008

Pubblic.su n.a.

 

Anno 2007 - Progetto Cultura
Prezzo € 10 - 96 pp.
Le scommesse - Poesia

ISBN 9788860920591

 


Chiamatela scommessa, come dal titolo della collana di Progetto Cultura che lo pubblica, o chiamatela sfida, un termine che piace senz'altro di più nel mondo anglosassone, la verità è che questo poemetto romanesco, “Er davenì”, con cui mi sembra che Enrico Meloni trovi una sua misura giusta ed adeguata di narratore in poesia, esce fuori per una serie di motivi dalle vie battute nel passato recente dalla nostra letteratura.
Prima di tutto c'è la necessità di una poesia civile, o meglio di una poesia che spieghi la storia, partendo dai sentimenti, quindi nascendo da un campo lirico e personale, e facendo leva sul fatto, indubitabile, che alla storia non ci si sottrae: al meglio la si sopporta, come nel caso di un soldato che parte, più o meno malvolentieri, per la guerra.
Una vittima senza vittimismo, si potrebbe definire quel militare “[...] de stanza/sur mare de Croazzia a Sebbenico“: senza vittimismo, e pieno di una dignità, che non esclude la nostalgia, ma virile, intensa, cerca di spiegare cosa non va nella guerra dai fatti che man mano gli accadono, più che lamentarsi alla cieca. Catturato dopo l'armistizio, e finito in quella categoria, che ben conosciamo, per esempio dai ricordi ostinatamente agrodolci di Guareschi, degli Internati Militari Italiani (IMI), il bersagliere Luigi non perde la propria fisionomia, il proprio calore umano, pur tra le mille traversie della fame e della prigionia. Un calore, che predice ed ispira quasi una piccola epica, nel furto di carichi di patate, nella possibile cattura di un capretto.
Il secondo aspetto essenziale è proprio nell'uso diacronico e civile del dialetto: di entrambi, in certo senso, aveva dato esempio Cesare Pascarella, nei sonetti de “La scoperta dell'America” dove tra la voce e le vicende del narratore e quella dei fatti narrati corrono quattro secoli, ed in quelli di “Villa Gloria”, dove l'epopea garibaldina è fatta scendere dal piedistallo della retorica nazionale tardo-ottocentesca con un solido afflato realistico. Ecco, vorrei dire che Meloni muove un passo oltre, nel senso proprio della pregnanza del racconto, scindendo i due piani temporali, anche dal punto di vista del linguaggio. Non ha paura di riconoscere che il dialetto degli anni '40 è molto faticosamente ricostruibile nella parlata attuale, e quindi lo storicizza, mentre utilizza quest'ultima, con una struttura da tragedia greca, nei corettacci, che con cadenza prevalentemente di senari, aprendosi poi a lasse d'endecasillabi, il che ricorda metricamente ed anche un po' foneticamente certi passi di Arrigo Boito librettista, commentano non solo il passato, ma il futuro, “er davenì” appunto. Ma non siamo capitati in un coro d'opera, che non fa che inveire, e lanciare malefici. E' vero che un po' di rimpianto lo danno dei distici come “Se so' penzati d'arivortà er monno/de monnallo da chiaviche de zzelle/quarcuno l'ha pagata co la pelle/che d'è cambiato?...Jé toccato er fonno”. Invece, il corettaccio sa anche aprirsi ad effetti più rapsodici, in certo senso, come per esempio quando riflette sul fatto che “chi semina vento raccoglie buriana”: “(Potrebbero avecce/bojaccia miseria/e vento e bburiana/l'istessa banniera?)” ed anche a neologismi come la “gnunquità”, l'essere nessuno e chiunque. “Gnunquità” che esprime forse bene l'essenza di questo poemetto che vuole porsi fuori dal tempo e dallo spazio, paradossalmente utilizzando la lingua parlata dal popolo, che è necessariamente incatenata sia al proprio tempo che al luogo dove si manifesta. Credo che questo, alla scuola di Franco Loi, il grande poeta dialettale milanese, giustamente citato da Meloni nella “Nota dell'autore” che precede il testo, indichi che niente esprime meglio il senso della letteratura che il rifiuto della letterarietà, travolta dalla vita: in quel momento, l'unica lingua può essere quella che l'autore ha dentro, anche subliminalmente, in molti casi un dialetto, ma desublimato ed in certo senso epicizzato.

© Carlo Santulli

 

Recensioni ed articoli relativi a Enrico Meloni

(2) Quando gli squali mangiano vento di Enrico Meloni - IL PARERE DI PB
(3) Er davenì di Enrico Meloni - IL PARERE DI PB
(4) Arca allo sbando? di Enrico Meloni - IL PARERE DI PB

Testi di Enrico Meloni pubblicati su Progetto Babele

(1) Canto del pescatore di Hammamet di Enrico Meloni - POESIA
(2) La corsa del bosco di Enrico Meloni - RACCONTO
(3) Ginger di Enrico Meloni - RACCONTO
(4) Naghib di Enrico Meloni - RACCONTO

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Caos calmo di Sandro Veronesi - RECENSIONE
(2) Aspre e calde montagne, dolci e fredde pianure di Pietro Sergi - RECENSIONE
(3) La flaqueza del bolchevique di Lorenzo Silva - RECENSIONE
(5) Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone - IL PARERE DI PB
(6) Il grido della terra. Missione Emilia di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(7) Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - IL PARERE DI PB
(8) Amore ai tempi dello stage. Manuale per coppie di precari. di Alessia Bottone - IL PARERE DI PB
(9) A piedi scalzi dentro l anima di Sergio De Angelis - IL PARERE DI PB
(10) Lucide ossessioni di Valeria Francese, Roberta De Tomi, Claudia Barbarano - IL PARERE DI PB
(11) Quando gli squali mangiano vento di Enrico Meloni - IL PARERE DI PB
(12) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo - IL PARERE DI PB
(13) Il senso del viaggio. Viaggiando nei sensi. Atlante poetico di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(14) Scrivere sceneggiature per il cinema e la TV di Francesco Spagnuolo - IL PARERE DI PB
(15) L apostolo sciagurato di Maddalena Lonati - IL PARERE DI PB
(16) Le parole e la pietra di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(17) Due ali nel buio di Alessandro Annulli - IL PARERE DI PB
(18) Leggerezza di Sergio De Angelis - IL PARERE DI PB
(19) Heartjob di Marco Mazzucchelli - IL PARERE DI PB
(20) Il dottor Maus e il settimo piano di Nino Genovese - IL PARERE DI PB
(21) Vento scomposto di Simonetta Agnello Hornby - IL PARERE DI PB


Il Parere di PB, le recensioni dei libri ricevuti in redazione
470 i libri ricevuti, di cui 363
recensiti ( 362 rec.pubbl, 1 da pub.) ,
27 in recensione, 43 da recensire
.

 







VISITE: 6633