Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    Ironicomico2 scadenza 2019-12-06    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

I collezionisti
di Roberto Lacchè
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5366
Media 79.33 %



E’ particolarmente doloroso ricordare…

Quando, tra le luci strobo e i faretti psichedelici di una discoteca, martellato da una musica ossessiva, si riesce a notare uno sguardo di giada fisso su di te con attenzione, si è autorizzati a pensare che la serata possa prendere una piega gradevole.
Mi accadde proprio questo.
Lei aveva una criniera fulva che agitava compostamente nel ballo. Era un bel tipo: alta, slanciata, molto tonica e sensuale nelle movenze.
Ballava e mi fissava con un’espressione tra il sognante e l’analitico.
Le sorrisi e fui abbagliato da una chiostra di denti candidi in lampi verdi di sguardo magnetico.
Si dipanò l’approccio classico da discoteca: due chiacchiere direttamente dentro le orecchie, a trasmettere sensazioni e tepore d’alito in cambio d’odori di splendida pelle sudata e profumo, un drink a schermare occhiate avide reciproche, e poi la fatidica proposta.

“Vuoi venire a vedere la mia collezione?”

Non mi chiese in cosa consistesse la mia collezione e la naturalezza dell’accettare la situazione mi piacque e m’eccitò.
Mi si aggrappò al braccio e si fece pilotare verso l’uscita, completamente fiduciosa.
La bestia feroce dentro di me cominciò a fremere in cattivi pensieri e proiezioni mentali d’immagini forti.
Il viaggio verso casa mia fu soprattutto troppo lungo, ma finalmente arrivammo.
Abitavo da solo in un villino in stile liberty con ringhiere di ferro battuto piene di ghirigori inquietanti e col portone lavorato in spirali e incisioni morbide.
La introdussi direttamente nella sala della collezione, buia, nello scantinato, dopo pochi gradini dall’ingresso.
Lei si dimostrò docilissima e curiosa.
Quando accesi la luce pregustai una reazione di quelle a me molto care, seppure prevedibili, d’urla isteriche e suppliche.
L’immensa stanza, dal soffitto a volta e con, in fondo, un enorme letto a baldacchino con lenzuola nere di seta, era tappezzata da corpi di donne nude imbalsamate.
Erano accovacciate, infilzate al muro con robuste aste d’acciaio, con i volti appoggiati contro la parete, come fossero insetti di una spettacolare collezione.
Un lavoro pulito.
Avevo appeso ogni preda con un’unica sbarra appuntita, a bloccarla a metà della schiena raggomitolata contro la parete, con le ginocchia piegate e le braccia tese sulla testa posta di profilo con occhi vitrei.
Le avevo dissanguate e poi svuotate delle interiora, da perfetto imbalsamatore, ed ogni giorno le spolveravo con accuratezza ravviando le loro capigliature e ritoccando l’incarnato con un buon fondo tinta.
La donna della discoteca, tuttavia, non ebbe reazioni fuori controllo.
Osservò le pareti così originalmente arredate senza lasciare trapelare la benché minima emozione.
Le afferrai un braccio per legarla al letto.
Ero sconcertato dal suo reagire che aveva qualcosa d’affascinante.
Mi dissi in tumulto interiore: ecco una donna con carattere e personalità, finalmente, ecco forse una complice da risparmiare, chissà…
Reagì, invece, all’improvviso, strattonando il braccio e liberandosi, mentre con l’altra mano mi mise davanti al viso una rivoltella brunita.
Mi sorrise enigmatica con una certa aria di sufficienza.

“Interessante, davvero…
Ma non intendo fare parte della tua raccolta, caro il mio collezionista.
Piuttosto sai che facciamo ora?
Andiamo a casa mia, e ti farò vedere cosa colleziono io: sono convinta che rimarrai stupito.
Sono un tipo originale anche io…”

Rimasi imbambolato dalla sorpresa e lei approfittò per rendermi inoffensivo con un paio di manette apparse dal nulla.
Sorrideva sempre, maliziosa e sensuale.
Forse quella sera avrei avuto finalmente la botta di fortuna che un uomo cerca sempre per tutta una vita circa il concetto di complicità.
Era seducente, elegante nel portamento, controllata nelle reazioni.
Contemplò ancora una volta l’enorme salone decorato dalle tante donne imbalsamate e spillate alla parete.
Poi mi spinse via con gentilezza, premendo appena la pistola contro un fianco, senza più parlare.
Salimmo in auto, ma stavolta guidò lei, con una mano sola, senza mai abbandonare l’arma con l’altra.
Abitava in una casa con un muretto di cinta seminascosto da alte siepi, isolata, poco fuori la città.
Anche lei non accese subito la luce.
Mi condusse verso la cantina illuminando le scale con una torcia.
Mentre scendevamo la rampa, la sentivo ansimare e pensai, in stupido narcisismo, che forse certi miei desideri si sarebbero potuti esaudire in ogni modo con l’esaltazione delle sensazioni in un gioco di coppia.
M’introdusse in una sala immensa che in penombra luccicava solamente per una miriade di specchi tutto intorno a quello che presumevo dovesse essere un letto.
Mi spinse, sempre ammanettato.
Era il letto, in effetti, rivestito di un drappo di latex rosso fino a terra.
Con cautela mi legò alla testiera in pesante ferro battuto.
Poi cominciò lentamente a spogliarmi, con delicatezza, mentre mi vezzeggiava facendo le fusa con voce roca.
Mi tolse le scarpe e le calze.
Poi mi sfilò i pantaloni e gli slip, sospirando appena.
Infine materializzò dal nulla un rasoio e lacerò la camicia senza scalfirmi, con attenzione.
Nello scuro notai il suo sguardo di gioia farsi febbrile.
Accese infine la luce.
E vidi.
Una stanza mostruosa.
Aveva le pareti foderate di specchi, come il soffitto.
A parte il letto, era arredata solamente da un numero esagerato di mensole, su ognuna delle quali era poggiato un gran barattolo di vetro.
L’orribile era nei vasi.
Ognuno di questi conteneva una testa d’uomo in una soluzione trasparente.
Alla luce, ora che mi stavo abituando, potevo notare occhi spalancati, labbra stirate in un’ultima espressione di dolore, di sorpresa, di paura.
Non riuscii a contare quante teste ci fossero in quella stanza che ora luccicava in un rimando di immagini di specchi.
La donna mi sorrise con un fare equivocamente materno.

“Ti piace la mia collezione?
E’ originale quanto la tua, vero?
Nasce dal fatto che fin da bambina ero soprannominata ‘Mantide’, per il mio modo di trattare i maschietti…”

Non mi disse più nulla.
Urlai impotente, in adrenalina pura, mentre la donna balenava il rasoio alla luce.
Supplicai e piansi, e infine proposi, atterrito e disperato, un sodalizio.
Lei tagliò l’aria con un gesto rapido e vissi l’ultima sensazione del fiato che si disperde senza più pressione mentre la vista diviene opaca e la vita s’affievolisce in un soffio di trachea.
Un colpo di tosse, fiotti di sangue, un vano risucchiare aria.
Poi il buio con ultimi bagliori di lama nel cervello, specchi, luce e riverberi di vasi e pupille spente che mi guardavano.

E’ doloroso ricordare, senza più il corpo, chissà dove, affogato per il capo dentro un barattolo di vetro poggiato su una mensola, talvolta osservato con un’espressione che a suo modo potrebbe essere chiamata anche d’affetto, dalla mantide fulva dagli occhi di giada, e talvolta testimone dell’acquisizione di un nuovo esemplare per una collezione da completare per chissà quando…

© Roberto Lacchè



Recensioni ed articoli relativi a Roberto Lacchè

Nessun record trovato

Testi di Roberto Lacchè pubblicati su Progetto Babele

(1) I collezionisti di Roberto Lacchè - RACCONTO
(2) Adesso sanno e sanno anche attendere di Roberto Lacchè - RACCONTO
(3) TI SPIEGO DI UNA TETTA INTERMITTENTE di Roberto Lacchè - RACCONTO
(4) La poltroncina n.123 di Roberto Lacchè - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2007-03-30
VISITE: 13933


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.