Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [22/04/2019] 16 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Passioni, desideri, tentazioni, fra realtà e fantasia. scadenza 2019-04-23    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
52 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Nel vignòt
di Jacopo Seccatore
Pubblicato su PB12


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6008
Media 79.38 %



C'era il vento tra i filari. Le nuvole si trascinavano nel cielo; sulle colline correvano isole di luce. La langa giocava a nascondersi dietro se stessa; le colline ne celavano altre. Su tutte i colori vivevano intensamente fra luce e ombra e luce. Il verde dei filari era maculato di livido, il violaceo dei grappoli maturi. "Ti prego, fallo ancora" gli disse la ragazza. E lui le cinse i fianchi con le mani e la tirò a se. Erano sdraiati sulla terra fresca fra i filari di dolcetto. Il vignòt veniva giù dal crinale dolce di una collina, illuminata dal sole, e le viti facevano ombra. Lei lo attanagliò alla schiena con le gambe, e le loro urla si udirono fin quasi al paese. Poi si separarono, e rimasero sdraiati sulla schiena con la testa sulle braccia, a guardare in alto l'azzurro ritagliato nella striscia fra le foglie dei filari. "Lo senti?" disse lui, "E' il profumo dell'uva" Il profumo avvologeva l'aria e i suoni. Dal fondo del rio latrava un cane; da dietro la crina del brich, da dove non si poteva vedere, arrivavano i rintocchi d'ottone dal campanile della chiesa, che vibravano fra il profumo dolce d'uva matura e quello fragrante dell'erba gialla fra le vigne, e l'odore fangoso e sapido di terra d'argilla umida all'ombra, e quello polveroso dove il sole l'aveva asciugata. Ora lui teneva il mento sul suo seno, e lei la testa sotto il filare. Lui allungò la mano e afferrò un grappolo basso che sporse verso la sua bocca, e lei ne addentò un acino. "Perché tengono i grappoli così bassi?" chiese lei. "Il sole scalda il terreno, e la terra scalda di più i grappoli più bassi, e li gonfia più di zucchero" "E quelli più alti sono meno buoni?" "A volte sì" rispose lui, e la baciò, e lei staccò un acino e glielo infilò in bocca, e poi lo baciò, sentendo sulla sua bocca il gusto zuccherino del dolcetto maturo. Ricordava la crota dopo la vendemmia dell'anno passato, e dopo la fermentazione dei mosti, quando si faceva il travaso nelle botti di legno, e il profumo di vino giovane che inebriava era dappertutto, e poi per tutto l'inverno e la primavera e l'estate anche le pietre dei muri della crota continuavano a sapere di vino. E ricordava le bottiglie di due anni prima. Appena stupa' le natte, saliva deliziosa nel naso la mora vinosa e il lampone; e il vino scendeva nel bicchiere rubino violaceo, e profumava di mirtillo e di viola; e a berlo subito era acidulo e sapido, e poi se rimaneva un po' nel bicchiere si riempiva di gusto, e dopo lasciava sulla lingua il prufumo del mosto. "Com'è bello stare qui" disse lei. Si alzarono a sedere e guardarono la campagna in mezzo ai tralci e alle foglie della vite. Rimasero a lungo in silenzio, col volto sfiorato dalle foglie e il mento appoggiato sul tralcio. C'è un po' di vento, abbaia la campagna, c'è una luna in fondo al blu. "Com'è bello" ripetè. "Hanno ammazzato mio nonno da partigiano su quel crinale" disse lui, indicando il brich di fronte a loro, decorato di filari e alberi. Lei non disse niente, ma l'abbracciò. "Venivano da un'attacco a una colonna giù sulla strada che va a Dogliani" continuò, "Scappavano su per la collina. Non c'era vigna allora, ci portavano le mucche, era tutto prato. Mio nonno e gli altri correvano su verso la cima della collina, e i tedeschi sparavano da sotto. Mio nonno è stato colpito a una gamba, lì, a mezza costa, vedi, più o meno dove adesso c'è quel martinetto dell'acqua. I suoi compagni volevano prenderlo di peso, ma lui li ha mandati via, e ha detto che avrebbe fermato i tedeschi per un po', e ha dato via il moschetto e si è fatto dare il mitra, e poi è strisciato più in su, sui gomiti, e sparava col mitra ai tedeschi che salivano. Quel castagno, vedi, ce l'ha piantato mia nonna, qualche giorno dopo. Mio nonno l'hanno ammazzato lì, dove adesso c'è quell'albero". La ragazza lo strinse a sé e lo baciò, e disse: "Dobbiamo andare una volta a farci l'amore"


Questo racconto ha vinto il premio letterario Grinzane Cavour per il concorso Scrivi il Paesaggio del Vino

© Jacopo Seccatore



Recensioni ed articoli relativi a Jacopo Seccatore

Nessun record trovato

Testi di Jacopo Seccatore pubblicati su Progetto Babele

(1) Nel vignòt di Jacopo Seccatore - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2004-06-17
VISITE: 16855


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.