Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [02/10/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Letterario Nazionale Streghe Vampiri & Co. scadenza 2022-10-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
9 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Zoé Valdés e la poetica della nostalgia


Zoé Valdés, libro dopo libro, continua a raccontare nel suo stile originale, libero e torrenziale, un'assenza che oramai somiglia a una vera e propria malattia. Cuba, o meglio quell'isola, come viene chiamata dall'autrice, intesse con lei, e lei con la terra nativa, la sua Itaca, un dialogo interiore che ci riporta in ogni pagina le onde del mare che scoppiano in schiume impalpabili, l'odore del mango e della canna da zucchero ma soprattutto una miriade di rapporti umani intessuti di sentimenti vorticosi, fondendo mirabilmente vita vissuta e letteratura.
Esule per disperazione, la scrittrice, nata a L'Avana nel 1959 e approdata a Parigi nel 1993, dove ha lavorato alla delegazione cubana dell'Unesco e nell'ufficio culturale dell'ambasciata cubana a Parigi, in realtà non ha mai lasciato l'isola. Affetto e rancore, per una terra generosa ma inospitale verso i principi, segnano la sua identità, come una cicatrice congenita che getta una vena di malinconia su ogni ricordo, anzi su ogni parola.
'Quando ti hanno privato della possibilità di scegliere, quando hai ingoiato il boccone amaro della mancanza di libertà, fino a farne indigestione, non potrai mai più assaporare la libertà senza che il morso della memoria ti ferisca le labbra.'
Per queste affermazioni e le interviste rilasciate, Zoé Valdés, insieme al marito regista cinematografico, si può considerare una scrittrice attivamente impegnata nel campo della dissidenza politica.
La rievocazione diventa uno scavo interiore che dà concretezza al filo inconsistente del passato e allora si comprende la predilezione dell'autrice per Proust, incontrato per miracolo o per sbaglio in una libreria della capitale, senza che l'opera fosse completa. La lettura, come racconta, le procura la febbre a quaranta, un'esaltazione da rifiutare cibi solidi per quasi due mesi e un'estraneità al mondo da cui è in grado di accogliere solo una tazza di tè russo.
Neanche il rientro a Cuba negli anni successivi le riporta il tempo perduto perché, come se non fosse tornata, l'isola non le restituisce niente se non la medesima amarezza e l'antica miseria. L'unico luogo stregato in grado di custodire il ricordo è dunque solo la propria mente perciò, tra i suoi amici cosmopoliti ed esiliati allo stesso modo, Zoé Valdés diventa la musa che si occupa di tendere la catena invisibile che li lega indissolubilmente ad un mondo e a un'innocenza che tutti hanno perso.
La soffice carnalità che esprimono tutti gli scrittori dell'America latina si versa in uno stile di fisicità totale, ebbro di sensazioni, dove ha la sua parte il sesso vissuto senza ipocrisie e i sensi sempre pronti a versarsi nelle cose, in un amalgama continuo tra realismo e magia. La scrittrice adombra quasi che la capacità percettiva degli abitanti dei paesi occidentali sia incompleta e altrettanto colpevolmente restii i rapporti umani. Lei invece possiede una segreteria che gracchia come in un sortilegio voci da tutta la terra, lettere cui non fa in tempo a rispondere e ancora fax e altri strumenti elettronici nel suo cenacolo privilegiato, perché la sua patologia non si manifesta con l'inamovibilità, ma on the road di in un parossistico bisogno di nuove professioni e di viaggi.
Donne forti e consapevoli, insofferenti a impacci e compromessi, in pace con la propria sensualità, come Dànae, in tu mio primo amore, non temono di riappropriarsi della propria storia e delle lontane passioni per consentirsi il gusto di una vita autentica, ma il romanzo più solidale e felice rispetto alle sue tematiche resta Café nostalgia, luogo fisico di Miami, per artisti e intellettuali cubani strappati dalla dittatura alla propria consuetudine.
Autrice di raccolte poetiche, sceneggiature e romanzi, tra i quali annotiamo anche Il nulla quotidiano, tradotto in sei lingue, la scrittrice è ritenuta una delle personalità privilegiate della narrativa intorno ai Carabi.
Con La vita intera ti ho dato, del 1996, Zoé Valdé ha vinto il premio Planeta, che l'ha imposta all'attenzione mondiale e l'ha avviata al successo.

© Fortuna Della Porta
fortunadellaporta@virgilio.it

Vedi inoltre:

>>La vita intera ti ho dato di Zoé Valdés (recensione di Gordiano Lupi)

Altri testi (possibile minore rilevanza):

(1) Zoe Valdes e la politica della nostalgia di Fortuna Della Porta - ARTICOLO


VISITE: 13642


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali