Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [19/05/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Oceano di Carta scadenza 2024-05-20    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    LA CITTÀ CHE LEGGE - Maratona di Lettura (EVENTO 2024-05-20)    JAZZINSIEME 2024 PORDENONE SI TINGE DI JAZZ - JAZZINSIEME 2024 Dal 23 Maggio al 2 Giugno il centro di Pordenone, special guest l'inedito trio Calderazzo, Patitucci, Weckl (EVENTO 2024-06-02)    Io, Vincent Van Gogh - Presentazione del nuovo libri di Corrado D'Elia (PRESENTAZIONE 2024-05-22)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
19 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
6 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il libro
di Maddalena Lonati
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4587
Media 80.16%



Ho percorso gli ultimi metri che mi separavano dalla stazione correndo trafelata sui tacchi, il respiro corto da ragazza sedentaria e lo sguardo implorante all’orologio. Sempre così. Mai che riesca a prepararmi più velocemente, c’è sempre un dettaglio che mi indispettisce e devo ritoccare, un orecchino che non si trova, un’ultima occhiata severa allo specchio. Sempre perfetta. Per chi, non si sa. Cinquanta metri e mi odio per non usare scarpe basse. Venti metri e maledico la collana che non si intonava alla camicia. Mi affanno con la borsa e l’ombrello a fiori in una mano, il biglietto nell’altra, sperando di recuperare i secondi e intanto vedo sfrecciare un intercity. Il mio, di certo. Invidio la puntualità altrui, ma arrivando sento la voce gracchiante:
“ …proveniente da Torino per Milano Centrale è in ritardo di venti minuti.”
Mi siedo esausta e cerco di ricomporre i capelli umidi mentre mi guardo attorno. I soliti nonni con i soliti nipotini nel passeggino che chissà perché adorano veder passare i treni, li osservano ipnotizzati ignorando che fra qualche anno anche loro diventeranno pendolari nevrotici e allora i vagoni stipati perderanno il loro fascino; un gruppetto di matricole chiassose che gesticolano ampiamente commentando il primo esame dato con quel docente odioso; una signora di mezza età impeccabile nel tailleur grigio piombo e i capelli biondi appena liberati dai bigodini; una donna avvenente parla concitata al cellulare camminando avanti e indietro sotto la pensilina lasciando la scia del profumo troppo speziato; due ragazzi trivellati dai piercing e gli abiti informi ascoltano gli MP3; un cinquantenne anonimo con una ventiquattrore dozzinale legge il Corriere. Nessun soggetto interessante sul binario uno. Gli incontri fatali che cambiano la vita appartengono ai libri. Ai libri…ai libri… Cosa c’è su quella panchina? Un libro? Mi avvicino con fare indifferente e prendo il volume. E’ molto rovinato, ha la copertina strappata, i fogli ingialliti e un po’ ondulati come se avesse preso un acquazzone, un odore di stampa a basso prezzo. Mi incuriosiscono quelle pagine rimaste orfane di titolo e di lettore e insieme mi inteneriscono come un gattino fradicio abbandonato. E’ morboso il rapporto che mi lega ai romanzi, e trovarne uno dimenticato mi indigna e stimola insieme.
“ Allontanarsi dal binario 3, treno in transito.”
Nessuno lo reclama, inizio a valutarlo con interesse cercando di immaginare quali dita lo abbiano sfogliato, quali occhi lo abbiano letto. Giro velocemente le prime pagine per tentare di individuarne l’autore, ma mi è impossibile riconoscerlo da quelle righe. Frasi sottolineate, fitte note a margine, qualche asterisco che non so dove conduca, sporadiche parole evidenziate in giallo o in verde. Un libro vissuto, di certo studiato a fondo, forse amato. Ed ora è rimasto qui, su questa panchina di una stazione di paese come tante, in attesa che altri occhi lo facciano vivere di nuovo. Chi lo ha posseduto lo ha buttato come un oggetto che non serve più o è stata una dimenticanza ora dolorosa? Leggo, leggo affascinata quei caratteri un po’ sbavati dalla pioggia, guardo con affetto quelle sottolineature frettolose, tutte storte, che mi suggeriscono un carattere impulsivo, mi soffermo sui commenti acuti, su quella scrittura da ragazzo disordinato e creativo insieme. Un’occhiata distratta agli studenti che si precipitano al sottopassaggio e poi sono di nuovo catturata dal romanzo. I treni continuano a riversare passeggeri che non mi interessa più osservare, vedo solo le loro sagome sfuocate con la coda dell’occhio, dall’altoparlante arriva sempre la voce sgraziata che non mi curo di decifrare, non bado neppure all’ombrello che mi gocciola sulla scarpa. Avverto distrattamente un fruscio di porte che si chiudono davanti a me, capisco che si trattava del mio treno quando ormai è in marcia, ma anche l’impegno che avevo a Milano non mi sembra più così importante. Fra le pagine trovo come segnalibri tre biglietti obliterati per Novara, intuisco che Mister X deve vivere lì. O forse lì studia. O lavora. Chissà. Sento l’impulso di voler ascoltare il mio istinto, mi suggerisce che questo ritrovamento è un segno, uno di quegli attimi da cogliere. Dibattendomi fra razionalità e sesto senso continuo a leggere voracemente, i capitoli si susseguono rapidi. Sull’ultima pagina un numero di telefono segnato a matita, ed in quel momento mi giungono le ultime parole della voce metallica: “ …per Novara è in arrivo al binario 2.” Mi precipito sul treno e subito compongo il numero. Forse gli incontri interessanti davvero appartengono ai libri.

© Maddalena Lonati







-

dal 2005-09-15
VISITE: 13.000


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali