Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/09/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il libro
di Maddalena Lonati
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4114
Media 80.1 %



Ho percorso gli ultimi metri che mi separavano dalla stazione correndo trafelata sui tacchi, il respiro corto da ragazza sedentaria e lo sguardo implorante all’orologio. Sempre così. Mai che riesca a prepararmi più velocemente, c’è sempre un dettaglio che mi indispettisce e devo ritoccare, un orecchino che non si trova, un’ultima occhiata severa allo specchio. Sempre perfetta. Per chi, non si sa. Cinquanta metri e mi odio per non usare scarpe basse. Venti metri e maledico la collana che non si intonava alla camicia. Mi affanno con la borsa e l’ombrello a fiori in una mano, il biglietto nell’altra, sperando di recuperare i secondi e intanto vedo sfrecciare un intercity. Il mio, di certo. Invidio la puntualità altrui, ma arrivando sento la voce gracchiante:
“ …proveniente da Torino per Milano Centrale è in ritardo di venti minuti.”
Mi siedo esausta e cerco di ricomporre i capelli umidi mentre mi guardo attorno. I soliti nonni con i soliti nipotini nel passeggino che chissà perché adorano veder passare i treni, li osservano ipnotizzati ignorando che fra qualche anno anche loro diventeranno pendolari nevrotici e allora i vagoni stipati perderanno il loro fascino; un gruppetto di matricole chiassose che gesticolano ampiamente commentando il primo esame dato con quel docente odioso; una signora di mezza età impeccabile nel tailleur grigio piombo e i capelli biondi appena liberati dai bigodini; una donna avvenente parla concitata al cellulare camminando avanti e indietro sotto la pensilina lasciando la scia del profumo troppo speziato; due ragazzi trivellati dai piercing e gli abiti informi ascoltano gli MP3; un cinquantenne anonimo con una ventiquattrore dozzinale legge il Corriere. Nessun soggetto interessante sul binario uno. Gli incontri fatali che cambiano la vita appartengono ai libri. Ai libri…ai libri… Cosa c’è su quella panchina? Un libro? Mi avvicino con fare indifferente e prendo il volume. E’ molto rovinato, ha la copertina strappata, i fogli ingialliti e un po’ ondulati come se avesse preso un acquazzone, un odore di stampa a basso prezzo. Mi incuriosiscono quelle pagine rimaste orfane di titolo e di lettore e insieme mi inteneriscono come un gattino fradicio abbandonato. E’ morboso il rapporto che mi lega ai romanzi, e trovarne uno dimenticato mi indigna e stimola insieme.
“ Allontanarsi dal binario 3, treno in transito.”
Nessuno lo reclama, inizio a valutarlo con interesse cercando di immaginare quali dita lo abbiano sfogliato, quali occhi lo abbiano letto. Giro velocemente le prime pagine per tentare di individuarne l’autore, ma mi è impossibile riconoscerlo da quelle righe. Frasi sottolineate, fitte note a margine, qualche asterisco che non so dove conduca, sporadiche parole evidenziate in giallo o in verde. Un libro vissuto, di certo studiato a fondo, forse amato. Ed ora è rimasto qui, su questa panchina di una stazione di paese come tante, in attesa che altri occhi lo facciano vivere di nuovo. Chi lo ha posseduto lo ha buttato come un oggetto che non serve più o è stata una dimenticanza ora dolorosa? Leggo, leggo affascinata quei caratteri un po’ sbavati dalla pioggia, guardo con affetto quelle sottolineature frettolose, tutte storte, che mi suggeriscono un carattere impulsivo, mi soffermo sui commenti acuti, su quella scrittura da ragazzo disordinato e creativo insieme. Un’occhiata distratta agli studenti che si precipitano al sottopassaggio e poi sono di nuovo catturata dal romanzo. I treni continuano a riversare passeggeri che non mi interessa più osservare, vedo solo le loro sagome sfuocate con la coda dell’occhio, dall’altoparlante arriva sempre la voce sgraziata che non mi curo di decifrare, non bado neppure all’ombrello che mi gocciola sulla scarpa. Avverto distrattamente un fruscio di porte che si chiudono davanti a me, capisco che si trattava del mio treno quando ormai è in marcia, ma anche l’impegno che avevo a Milano non mi sembra più così importante. Fra le pagine trovo come segnalibri tre biglietti obliterati per Novara, intuisco che Mister X deve vivere lì. O forse lì studia. O lavora. Chissà. Sento l’impulso di voler ascoltare il mio istinto, mi suggerisce che questo ritrovamento è un segno, uno di quegli attimi da cogliere. Dibattendomi fra razionalità e sesto senso continuo a leggere voracemente, i capitoli si susseguono rapidi. Sull’ultima pagina un numero di telefono segnato a matita, ed in quel momento mi giungono le ultime parole della voce metallica: “ …per Novara è in arrivo al binario 2.” Mi precipito sul treno e subito compongo il numero. Forse gli incontri interessanti davvero appartengono ai libri.

© Maddalena Lonati




-

dal 2005-09-15
VISITE: 11019


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.