Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [23/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La grande e inanerrabile riunione gastronomica
di Piero Gurgo salice
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 109
Media 80.37 %



Al gallonato presidente della “Accademia Intercontinentale di Valorizzazione e Conservazione del Patrimonio della Gastronomia Internazionale”, depositario dei sapori delle tradizione, arbitro eccelso e giudice incorruttibile, profondo pozzo di conoscenza alimentare e gastronomica, catalogo vivente delle tremila categorie di  sapori esistenti con corollario dei relativi profumi, depositario delle ricette tradizionali di centoventicinque paesi e e mille quattrocento regioni, conoscitore delle tremila varietà di frutta e verdura, mille pesci, crostacei e molluschi e, cosa interessantissima, estimatore al solo assaggiare, del sapore di ogni carne di tutte le razze bovine, riconoscendone: età, sesso, razza, provincia, alimentazione, tipo di lavoro, antibiotici e ormoni e più uno ne abbia più ne metta, venne un dubbio! Si, proprio a sua Eccellenza venne un dubbio angosciante. Come si poteva cuocere un uovo fritto perfettamente? E si riferiva a un uovo, con la gemma  alla temperatura di 47° e mezzo e l’albume rappreso al punto di avere solo una determinata e tipica lucentezza. Simile alle perle del mare. Con un tremolio non superiore a due gradi e mezzo della scala Richter.

Mille domande incominciarono ad angosciarlo. Il sale prima o dopo  e che tipo? Marino naturale delle famose saline messicane di Guerrero Negro, naturalmente raccolto nel solo mese d'agosto preferibilmente  alle dieci del mattino o la salgemma delle saline di Picara Di Sotto in Sicilia, Italia, a quattrocentoventidue metri di profondità. Quale condimento? Osare, come il famoso Cordone Iridato francese Jean de la Merveille, che consigliava grasso d'oca, femmina di due anni o più semplicemente olio o burro come usava la zia Clotilde! Le domande gli si affollavano alla mente sempre più coinvolgendolo. Mai sarebbe finita. Quante cose da considerare! La padella per esempio di ferro o alluminio? L'uovo a temperatura ambiente e di che grandezza? Di quale razza la gallina? Il guscio rosso o bianco? Che dilemma!

E qual'era  la terminologia esatta? Ben diciotto vocaboli le vennero alla mente. Ma quale scegliere  perché i suoi sapientissimi colleghi e feroci custodi della terminologia non lo criticassero!

Più pensava al suo maledettissimo uovo fritto più si avvicinava alla dura realtà! Non sapeva niente di cucina! Più ne sapeva, meno ne sapeva! Dannazione!

Avrebbe dovuto fare un'interrogazione.

Così ebbe la grande idea: avrebbe convocato tutti i più grandi cuochi del mondo per codificare una volta per tutte la perfetta esecuzione del UOVO FRITTO! O, come suo padre buonanima, nella sua beata ignoranza, lo chiamava quando lui era un giovincello imberbe e aveva appena inventato la sua famosissima “Mousse cade-né”. Le chiamava semplicemente: Uova al occhio di bue! Gli pareva ancora di ricordare la sua mamma che domandava a suo padre gentilmente la sera, prima di cena:

- Che vorresti cenare Giacomino?-  E lui rispondeva invariabilmente: - Due uova all'occhio di bue, mio amore, con due patatine saltate.-

E sempre invariabilmente non si dimenticava di aggiungere dopo un attimo di pausa con un sorriso un dolce e riconoscente - Grazie- 

Si alzò  eccitato all'idea che con questa sua grande e immaginifica idea avrebbe per un altra volta interessato i luminari della padella e si sarebbe posto all'attenzione del mondo intero. Incluso i più grandi e famosi cuochi del mondo, simili a  grandi  dive tutti sorrisi e abbracci che naturalmente si odiavano uno con l'altro, non risparmiandosi critiche feroci  e giudizi offensivi. Tutti erano depositari unici della Grande Cucina e si ritenevano estremamente intelligenti, odiavano gli altri cuochi e li disprezzavano come i peggiori degli sguatteri. Anzi per qualcuno di loro gli altri non erano nemmeno capaci di lavare un piatto  o pelare una patata. 

Non avrebbero partecipato mai a una competizione, la sola idea di potere arrivare secondi in un qualsiasi gara li avrebbe spaventati a morte. Si raccontava che  anni prima uno Chef di origini Franco - Thailandese arrivò secondo in una manifestazione, vinto, cosa inaudita, da un suo ex sub-sub-sub-chef.

Affranto e incapace di superare il trauma lo trovarono la mattina dopo, in coma diabetico, di fronte a un secchio di marmellata di fragole drammaticamente vuoto.

Ma un simposio debitamente propagandato, dove ognuno avrebbe potuto dire la sua opinione per quanto cervellotica fosse, avrebbe funzionato. La sua idea avrebbe finalmente gettato le basi per il primo Codice Internazionale di Alta Cucina. Chi avrebbe accettato tra i “Grandi” di starne fuori? Nessuno. Nessuno avrebbe accettato di essere escluso dalla stesura della prima grande ricetta politicamente corretta che sarebbe stata veramente internazionale, anzi intercontinentale e "global" .

Immediatamente convocò una conferenza stampa  e inviò una lettera spiegando il suo progetto a ben duecento venticinque Chef di fama internazionale. Quelli che secondo la sua Organizzazione e le migliori riviste specializzate venivano considerati i migliori.

La sua idea ebbe un effetto straordinario e riuscì a creare entusiasmo e interesse. La risposta fu unanime. Compiaciuto e gonfio come un tacchino ripieno, ancora felice di essere ancora al centro dell'attenzione, si diede ai preparativi dell'evento.

I duecento ventiquattro Cuochi (uno era così gravemente ammalato che la compagnia aerea si rifiutò di trasportarlo) si riunirono nei Saloni del “Super Grand Hotel Gold and Silver Majestic”, (l'unico al mondo con ben 12 stelle e 8 diamanti), però chiamato familiarmente dagli habitué “l'Hotelito”,  per la straordinaria capacità delle sue cucine. La piccola somma a titolo “contribuzione spese” per ognuno dei cuochi ammontava a circa un anno di stipendio di un direttore di banca  della Mitteleuropa.

Escluso naturalmente il costo della trasferta dello Chef e “dell'entourage”, inclusi segretari o segretarie (dipendeva dai gusti sessuali dei vari partecipanti), sub-chef e vari annessi.

Per ben cinque giorni, a turno i vari rappresentanti avrebbero mostrato al mondo la loro versione e poi al finale avrebbero codificato la ricetta e, a sorte, uno di loro avrebbe avuto l'onore di metterla in pratica.

La tenzone iniziò.

Solo qualche piccolo incidente macchiò il perfetto andamento della manifestazione, ma nulla in paragone a quello che sarebbe successo poi.

Per esempio fu famosa l'ira, per l'ignoranza manifesta di un sottoposto di un famoso chef, che riuscì a svergognarlo davanti a tutti. Il fatto si svolse davanti a ben cinque telecamere accese in Mondovisione.

Alla dimostrazione pubblica il grande Chef delegato del Cile, sotto-delegazione delle Isole Galapagos indicò un pomodoro al  sub-chef entremetier. - Preparamelo!..- Al che, il solerte   giovane rispose alto e chiaro.

-Si Chef. -  e aggiunse timidamente - Come lo desidera Chef ?- spinto dal desiderio di mostrarsi solerte suggerì - in cubetti ?-

Il grande Chef si paralizzò un momento spalancando gli occhi dallo stupore e non credendo alle sue orecchie! Il suo viso rapidissimo prese i vari colori dell'arcobaleno stabilizzandosi infine su un bel rosso paonazzo: - Licenziato! Licenziato!-

Puntando il dito intimidatore verso la porta per indicargli l'uscita.

- Concassé, concassé: si dice concassé! Dov'è la tua professionalità infimo sguattero? Non conosci l'esatta terminologia! E' questa l'arte che ti hanno insegnato? Stalliere, vattene!-

Gli ci vollero più di dieci minuti per riprendersi, solo confortato dagli sguardi dei cortigiani presenti atterriti e pieni di compiaciuta disapprovazione per l'accaduto.

I commentatori televisivi tradussero in ben otto lingue l'increscioso incidente. Molti attribuirono la colpa al Chef delegato per aver ceduto alle pressioni di una lontana zia per aver assunto  l'incapace giovane, altri attribuirono come causa della incauta assunzione colpevoli desideri dello Chef  di natura non confessabile.

Altro incidente, che diede adito ad un intervento del Vaticano che chiese con un'interrogazione internazionale di censurare l'accaduto, fu per colpa di un tonfo.

Uno dei cinque delegati della Francia era particolarmente orgoglioso della sua ultimissima produzione. Uomo ricchissimo e di multiforme ingegno aveva tra le varie attività imprenditoriali in suo possesso, tutte collegate alla gastronomia, una fattoria di produzione avicola, per essere  esatti, di oche. Vi si produceva il famosissimo fois gras marca “super etoile delice”.

In una cassetta di legno foderata di paglia, vennero poste le sei uova d'oca, prodotte dalla sua regina madre, la più bella oca del reame, pardon, della fattoria. Freschissime e arrivate dalla patria  per aereo.

Una hostess elegantissima, bionda naturale (fatto che scoprirono quasi immediatamente), con il corpo splendido fasciato in una “filippina” di lamé argento  e con una minigonna mozzafiato che mostrava il  meraviglioso compasso delle sua gambe, entrò trionfale con la cassetta in mano.

L'aspettativa era alle stelle. Tutti o quasi volevano vedere le uova. Ma il tragico destino colpì a tradimento. La ragazza, che indossava due scarpe dal tacco himalaiano, cadde violentemente in avanti con uno dei due trampoli che la sorreggevano spezzato. La cassetta si aprì nel fatidico volo e le sei uova rotolarono al suolo con un fracasso orripilante. Tutte, senza pietà si frantumarono mostrando il loro rosseggiante contenuto.

Un “oh!” di sorpresa corse per la sala, non solo a causa delle uova rotte, ma anche perché la ragazza cadendo aveva mostrato generosamente i suoi quarti posteriori. La procace fanciulla seguendo la moda e timorosa di mostrare la linea della cucitura delle sue culottes attraverso la gonna aveva preferito non metterle. Così, semplicemente. A più di un presente la scena richiamò alla mente delle splendide  pesche che troneggiavano in un cesto trionfale di frutta messo per decorazione all'entrata del salone.

Il cuoco delegato dell'Inghilterra in filippina e kilt sussurrò ridacchiando felice al cuoco italiano al suo lato.

- Ma non avevano detto uova all'occhio di bue? Questa è una...come dite voi Italiani? Ah si, una “frittata”! Troppo poco cotta, per giunta!-

L'italiano da parte sua non riusciva a staccare gli occhi dalle due splendide natiche.

- Io le preferisco poco cotte!-

Allo sguardo interrogativo dello Chef Inglese rispose, con uno sguardo pieno malizia mal repressa.

- Lei no?-

Alla fine dopo le presentazioni dei vari “modus operandi”dei maestri all'opera, in quella orgia esibizionistica,  incominciò il lavoro serio. Si riunirono a porte chiuse per stendere la prima ricetta codificata mondialmente. Era iniziata, per la storia, la stesura del primo ricettario intercontinentale globale e multietnico.

Dopo due giorni di lavoro estenuante il presidente si presentò di fronte alla stampa trepidante col fatidico foglio in mano. Già dipinto su pergamena con inchiostri multicolori e portante sul retro la firma dei tutti i partecipanti.

- Egregi signori, ho il pregio di presentarvi la prima ricetta che questo Augusto Comitato ha avuto il sommo privilegio di preparare per il diletto di tutti i buongustai del mondo e porre fine alle infinite polemiche sulla preparazione dei piatti base della Cucina Internazionale.-

Un ovazione accolse queste parole, finalmente s'intravvedeva la possibilità di porre fine a tante diatribe, insulti, discussioni tra i vari maestri della Gastronomia.

Il Presidente con il sorriso del trionfatore e con lo sguardo compiacente fece segno alla platea di calmarsi e proseguì:

- É stato eseguito un sorteggio per stabilire quale  Maestro Chef  avesse avuto l'onore di eseguire questa prima ricetta. E il prescelto fu...  il Chef John Piao Mc Eletti di Hong Kong.-

Un applauso accolse lo Chef emozionatissimo, che s'inchinò umilmente giungendo le mani sul petto in preghiera. L'emozione gli stravolgeva i lineamenti e molti testimoni, tra quelli a lui più vicini giurarono che videro una lacrima brillare come un piccolo diamante al lato della palpebra tremolante. Uomo minuto e di straordinaria energia era il proprietario di una catena di ristoranti di nuova concezione che furoreggiavano nel mondo più alla moda. L'inventore della Cucina Multietnica Destrutturata Multiorgonomica. Naturalmente era multimilionario.

Il Chef John Piao fece un cenno alla hostess  incaricata di azionare il cordone che apriva il sipario sulla tavola imbandita in cui troneggiava l'opera maestra.

Guadalupe Silva Gonzales, chiamata dagli amici e colleghi Lupita, incaricata della pulizia della cucina della sala delle conferenze aveva fame. Si accorse che tutti quei signoroni, al di là del telone, avevano dimenticato un bel piatto con due uova fritte molto ben presentato nel bel mezzo di una tavola tutta infiorata.

“Che spreconi” pensò. Si guardò intorno per vedere se per caso ci fosse stata anche una tortilla, ma non ne trovò. “ Peccato” si disse.

Il sipario si alzò che aveva appena finito di divorarsi il contenuto del piatto e, pensandosi sola, persino lo leccava per raccogliere tutto il condimento.

Le trombe trionfali che avevano iniziato a suonare si zittirono di colpo, un silenzio totale invase la sala.

La signora Lupita Silva Gonzalez si guardò intorno, confusa da quelle luci e da tutta quella gente che la guardava allibita. Assunse uno sguardo innocente e mormorò – Non sapevo...- Poi sorrise e disse per cercare di farsi perdonare. - Buone però, buone, veramente buone!-

New layer...
New layer...
New layer...
New layer...

© Piero Gurgo salice



Recensioni ed articoli relativi a Piero Gurgo salice

Nessun record trovato

Testi di Piero Gurgo salice pubblicati su Progetto Babele

(1) La grande e inanerrabile riunione gastronomica di Piero Gurgo salice - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2011-10-26
VISITE: 828


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali