Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [21/01/2021] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Storie Vagabonde scadenza 2021-01-24    LUCENERA scadenza 2021-01-24    Parole e Poesia scadenza 2021-01-30    12 CONCORSO LETTERARIO CITTA DI GROTTAMMARE scadenza 2021-01-31    BANDO CONCORSO LETTERARIO PER SCRITTORI E POETI EMERGENTI scadenza 2021-01-31    "Romanzi con le ali" scadenza 2021-01-31    Premio InediTO-Colline di Torino scadenza 2021-01-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Edizione Speciale Online per Il Mitreo - CORVIALE URBAN LAB (EVENTO 2021-01-31)    AUDIOLIBRI     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 06 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo      L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale    Racconti     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Secolo grottesco di Luca Baratta     Un giorno allo Stibbert di Luca Baratta     Profondità d’autunno di Gabriela Verban     Sette poemi di Mervyn Taylor, tradotti da Susana H. Case di Susana H. Case     Dresda 2006 di Luca Baratta    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
34 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
35 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Shanghai baby
di Zhou Weihui
Pubblicato su SITO


Anno 2002 - Editore BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Prezzo € 8 - 320 pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Alessia Marelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5871
Media 80.02 %



Shanghai baby

Mai come adesso si sente parlare (difficile dire come) della Cina. Di cosa fa o cerca di fare, di cosa deve o dovrebbe fare, di come è cambiata o dovrebbe cambiare. Con il risultato che la gente non solo ha le idee ancora più confuse e frammentate di prima, ma non ne può più di sentirla nominare. In mezzo a tutti i luoghi comuni e i disastri che l’hanno resa celebre in Occidente, i bambini bolliti, l’aviaria e la Sars, donnine coi piedi piccoli, Mao, il Grande Fratello (quello vero), le arti marziali, i ravioli al vapore, le bancarelle di vestiti di (basso) costo e (modesta) qualità e molto altro ancora, ultimamente si sente parlare della sua nuova irrequieta generazione, che, in cerca di identità, si è gettata alle spalle le proprie tradizioni e i propri stereotipi, copiando nel bene e nel male lo stile di vita delle metropoli occidentali, cercando di farsi strada in un paese che guarda negli occhi il futuro con la mente ancora saldamente affrancata al passato. Shanghai è una di queste città caotiche e brulicanti, in cerca del suo equilibrio che, ancora incerta sul dafarsi, si lascia cullare da questi giovani inquieti e ansiosi di tutto, che la amano e la odiano. Ed è lo spirito della città che rispecchia Coco, la protagonista poco più che ventenne del romanzo che si aggira per le strade, prendendo di volta in volta direzioni diverse senza conoscerne la destinazione. Il suo sogno è diventare scrittrice, più per raggiungere il successo e i soldi che per una vera aspirazione letteraria. Il libro percorre in prima persona, la sua ascesa, la sua giovinezza, i suoi dilemmi erotico-sentimentali, la sua famiglia e i suoi rapporti con gli altri: Tiantian, il fragile e complicato fidanzato, eroinomane e impotente, che la venera e la ama senza poterla soddisfare sessualmente, l’amante ricco, europeo, sposato e in carriera, che non può e non vuole darle nulla se non la passione fisica, i genitori borghesi, gli amici bizzarri e sbandati. Le giornate di Coco passano così, tra i (leggeri) sensi di colpa verso Tiantian, che la incoraggia nei suoi tentativi letterari, sospettando un suo tradimento, senza mai incolparla, gli incontri saltuari ma folgoranti con l’amante, le notti insonni tra i ristoranti e le feste. Shanghai, rumorosa e infaticabile, come una vecchia amica, sembra accompagnarla di volta in volta in mezzo a queste giornate confuse, malinconiche e nottate di visi estranei e vuoti, baldorie senza fine, sogni senza un domani. Ciò che colpisce, oltre le affettuose e accurate pennellate notturne della città, è il carattere e la personalità della protagonista. Già dalle prime righe introduttive Coco si presenta, con una buona dose di vanità e spavalderia, facendoci capire ben presto di essere decisa e sicura di sé, poco incline alla modestia e alla insicurezza, e molto banalmente, insoddisfatta della sua vita, che non sembra darle tutto ciò che vorrebbe. Nel corso del romanzo Coco si muove tra gli altri personaggi, scrutandoli, conoscendoli, ignorandoli e a volte sfruttandoli a suo piacimento, rincorrendo i suoi sogni senza sosta, con qualche dubbio esistenziale, ma seguendo un percorso pressappoco unidirezionale. Con la sua determinazione e la sua astuzia celata, riesce a ottenere di volta in volta ciò che vuole cha sia l’amore, dolce e altruistico da Tiantan, che non fa domande, accetta, soffre, si crogiola nella solitudine e nella sventura, si sente inferiore, cerca sollievo nella droga, ma continua ad amare, che sia la passione, intensa, inaspettata ma inconsciamente desiderata, da Mark, l’amante tedesco, bello, sconosciuto, perfetto perché non ha identità, non chiede ma neanche pretende, prende, fa, sa, parla poco, ma ha sempre ragione e appare al momento giusto nel posto giusto, e infine il faticato e scontato successo letterario, l’ammirazione della gente e per ultimo i soldi (che arrivano quasi sempre – guarda caso – dai genitori). Più che a una fragile e interessante giovane cinese, Coco somiglia di più alle fredde e insoddisfatte intellettuali newyorkesi, dalla vita invidiabile e dal carattere impossibile e se l’intento dell’autrice era di rendercela simpatica possiamo dire che è fallito miseramente, perché neanche il misero prezzo finale che Coco deve pagare è paragonabile ai traguardi che ha raggiunto. Da questo punto di vista il ritratto della giovane femminilità del nuovo millennio è tutt’altro che bonario e lusinghiero ed è forse questo che sta all’origine dello scandalo che il libro ha avuto in patria, più che della descrizione troppo materialista e superficiale di Shanghai. Coco è tutt’altro che ingenua e spaventata, la sua sicurezza e la sua forza derivano da una vita di agi, comodità date per scontate e la totale assenza di preoccupazione reali, più che da esperienze o iniziazioni che l’hanno maturata e la sua giovinezza non le impedisce di manipolare gli altri. L’aver accettato come compagno di vita un uomo più insicuro di lei, buono e docile, ma incapace di farla felice realmente denota infatti una paura inconscia dell’amore, un desiderio di “prendere tempo”, un bisogno nascosto di sentirsi forte e superiore agli altri, ma la scelta di un amante, che vuole poco e a cui dare poco, è segno di una grande consapevolezza dei propri bisogni e desideri. E’ dunque questo io- narrante che rende spesso il romanzo (eccessivamente lungo) pesante e a volte noioso. Lo stile dell’autrice, per fortuna, è fresco e gradevole, e alcuni lampi di poesia aiutano laddove manca l’originalità come pure sorprendono piacevolmente le ricercate citazioni che aprono ogni capitolo.


Una recensione di Alessia Marelli






Recensioni ed articoli relativi a Zhou Weihui

(1) Shanghai baby di Zhou Weihui - RECENSIONE

Testi di Zhou Weihui pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Alessia Marelli

(1) Lolita di Vladimir Nabokov - RECENSIONE
(3) L' Amante di Marguerite Duras - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-04-20
VISITE: 12869


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali