Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [29/02/2024] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Letterario Teresa Cognetta 2023 scadenza 2024-03-02    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Come mio fratello di Uwe Timm     Sul margine di Maria Allo     Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi     La storia alimentare di Porto San Giorgio, tra folklore, letteratura e testimonianze Di Edoardo Mistretta    Racconti     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
21 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Universo
di Cristina Lanaro
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4981
Media 79.88%



Era una calda giornata estiva del 1974. Nelle prime ore del pomeriggio, una bambina di circa otto anni riposava prona, con braccia e gambe distese, come in volo, sul letto dei genitori. I suoi capelli erano corti, ricci, rossi, ma nella penombra della stanza sembravano scuri. Un raggio di luce, proveniente da una fessura delle imposte accostate, finiva tra le pieghe del lenzuolo bianco, vicino alla sua mano chiusa a pugno.
La bimba sbuffò, sollevò la testa con uno scatto, aprì le mani e si sollevò un poco, poi ricadde pesantemente sul letto. I suoi occhi chiari, coronati da folte e lunghe ciglia, erano aperti. Guardò il raggio di luce che, finito tra le pieghe delle sue dita, trasformava la pelle abbronzata e liscia in una strana materia tra l'arancione e il rosa acceso, luminescente e quasi trasparente.
Il lenzuolo, di lino grezzo, formava pieghe scomposte sotto il suo corpo accaldato e cominciava ad irritarle la pelle nuda. La bambina mosse la mano e notò che il raggio di luce pareva attraversarla in punti diversi, poi guardò il continuo movimento delle particelle di pulviscolo lungo la scia luminosa. Era polvere, lo sapeva, però a momenti quei puntini brillavano, o si coloravano e poi scomparivano.
La bambina si girò, ancora sbuffando, supina, le mani e le braccia aperte. La stanza era  bassa, quasi spoglia. Sulla parete bianca davanti al letto poggiava un ampio armadio di legno scuro, con sobri intarsi floreali lungo il bordo. Sulla stessa parete su cui si apriva la porta, una cassettiera di legno più chiaro e lucido sorreggeva uno specchio con bordo dorato, a volute.
Ai lati del letto, i comodini per le lampade da lettura: semplici sfere  di vetro opaco sorrette da colonnine di ottone.
La bambina osservò le venature del legno lucido della cassettiera, per scoprirne la ripetitività nel disegno e le piccole differenze. Riconosceva in esse forme sempre diverse, di animali e persone.
Le finestre, sulla parete opposta alla porta, erano due, strette ma profonde, così che ciascun davanzale poteva ospitare una fila ordinata di barattoli di vetro, contenenti cetrioli e peperoni conservati nell'aceto. Nella semioscurità, dei barattoli si distingueva appena il profilo, ma la bambina ne percepiva la presenza, poiché a tratti l'aria si faceva acre, come se quello fosse l'alito dell'estate.
Dall'esterno, arrivò improvviso il grido sgraziato di un gallo, seguito dal confuso schiamazzare del resto del pollaio. Fuori c'era la campagna, avvolta nel torpore delle ore più calde.
Ora il sole colpiva le imposte con più forza e una larga striscia di luce proiettava sul soffitto l'ombra capovolta della madre, che a quell'ora stendeva i panni in cortile. La bambina ne seguì i movimenti come fosse un film, immaginando la cesta con la biancheria profumata di sapone, la madre nell'abito a fiori azzurri e i capelli raccolti in una grossa treccia rossa.
Quando l'ombra sparì, le sembrò di sentire la fragranza emanata dai tessuti bagnati, sospesi nel sole.
Aveva gli occhi chiusi quando sentì le risate e lo scalpiccio dei giochi dei bambini grandi giù in cortile. Si risvegliò dal momentaneo torpore e pensò che, in fondo, anche lei  avrebbe potuto evitare il riposino pomeridiano, ormai. Però era la più giovane dei fratelli, così i suoi genitori si erano dimenticati di farla crescere.
Restando sempre distesa, cambiò più volte posizione, cercando il punto più fresco, calciando ai piedi del letto il ruvido lenzuolo. Persino i capelli le davano fastidio, appiccicati alla nuca, dalla quale pulsavano vampate di calore.
Si ricordò di quel trucchetto per vedere le stelle di tutti i colori che aveva scoperto tanto tempo prima: bastava chiudere gli occhi e schiacciare forte sulle palpebre. Lo fece e le piacque, come sempre, ma pensò che forse non si doveva fare.
Si mise su un fianco. Aveva meno caldo così e sentiva il suo corpo piacevolmente sospeso. Richiuse gli occhi.
Si immaginò di avvicinare pollice e medio, di unire i polpastrelli e di racchiudere in essi una particella piccolissima, un puntino, più piccolo di un granello di polvere. Tutta la sua mente e il suo corpo erano lì, nell'infinitamente piccolo e poi, come per una esplosione, da lì si espandevano tutto attorno, in un vuoto emozionante, completo. La colse una vertigine intensa, che era stupore e gioia. Fu solo un attimo. Il cuore le batteva forte, quando pensò che un giorno avrebbe trovato le parole giuste per descrivere quell'attimo.
Poi, come succede ai bambini, all'improvviso si addormentò.

© Cristina Lanaro





Recensioni ed articoli relativi a Cristina Lanaro

Nessun record trovato

Testi di Cristina Lanaro pubblicati su Progetto Babele

(1) Universo di Cristina Lanaro - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2009-11-18
VISITE: 10.500


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali