Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio ľ 11 Giugno (23/05/2023)    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    [21/09/2023] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    L'abisso delle fobie scadenza 2023-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Bando INTRANSITO - Rassegna di teatro emergente under 35 a Genova - scadenza 22/09/2023 - Giunge alla sesta edizione la rassegna biennale INTRANSITO (EVENTO 2023-09-22)    Festival del Medioevo di Gubbio - Vocifuordiscena (EVENTO 2023-09-24)    Presentazione del romanzo L'altro io - a seguire lettura a leggio del Monologo della sera (EVENTO 2023-09-30)     A tavola con LoRenzo e Lucia - Spettacolo-banchetto teatrale (SPETTACOLO_TEATRALE 2023-09-22)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciri˛lo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Cioccolata a colazione di Pamela Moore    La mappa del destino di Glenn Cooper     La danzatrice di Lucera- Die Tanzerin Von Lucera di Mathilde Von Metzradt    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Riflessioni sul Barocco letterario     Osvaldo Licini: la sua terra, la malinconia e la follia     Considerazioni su Giovanni Pascoli     Una riflessione sullo spettacolo di Diego Mecenero: la Marca tra folklore e leggende     Il concetto di tragedia e la cura di sÚ stessi    Racconti     I decapitati di Francesco Ciri˛lo     "Sara y la Facultad" di Jorge edgardo Lˇpez     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini     Il castagneto magico di Massimiliano Claps    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     NÚmirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco ů la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     R÷kFl÷te (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
38 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Non ci sarÓ tramonto
di Doriana De vecchi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 391
Media 80.56%



Silenzio. Nel silenzio di questa sera, dopo settant'anni, ancora ti scrivo perché non c'è silenzio in me né morte per i miei pensieri. Nel silenzio il tuo respiro roco e stanco è ancora una vela di seta che mi sfiora. Il tuo respiro invecchiato come la mia pelle trattiene ancora indomito, tra i flutti della tempesta degli anni che avanzano, la mia attenzione, la mia passione. I miei occhi a mandorla, celati dietro il fondo spesso di questi occhiali, ritrovano ogni giorno la casa nei tuoi e ascoltano il tuo respiro mentre la tua seta mi avvolge. Istanti di tranquillità. Questà età che avanza mi toglie il respiro mentre il tuo lo conservo e sopravvive nei giorni. Ricordo la tua voce, il primo giorno che ti ho incontrato: era come un intarsio di ebanista; si inarcava come una schiena di donna, elegante e seducente. Mi avvolgeva come un abbraccio caldo. Raffinata come un disegno nel cuore tenero e filamentoso del legno. La tua voce è un disegno che si conserva nel tempo. La tua voce è un disegno scolpito nella mia memoria. Porto le scarpe con il tacco di vernice rossa che indossavo il giorno che mi hai chiesto di sposarti… le indosso pur non potendovi più camminare per il reuma che mi accompagna. Il mio bisbiglio diventa un urlo regalato alle viscere del tempo. Sei la poesia che è ancora nell'inchiostro della mia penna. Sei la poesia che ho letto per anni e che ogni giorno mi ha fatto commuovere. Sei la poesia di una mano che trema prima di sfiorarmi. Sei la poesia che riposa nel letto, tra i miei piedi che ancora vorrebbero cercarti ma a stento si adagiano sotto le coperte. Sei una poesia che non si arresta. Sei un bicchiere che ho vissuto e riempito ogni giorno, di cui ancora ne berrei. La fine chiede permesso tra la folla di parole e di sguardi e di attimi e di momenti rubati e pensieri ingialliti nel tempo. La fine arranca, prepotente, rendendo impervio questo cammino e ancora non ci raggiunge ed io ti ringrazio per questo. Lasciamola lì, a pettinare le bambole, tra i vuoti a rendere ed i giorni mediocri. Lasciamola lì, a sbraitare come un barbone ubriaco tra l’immondizia dei giorni qualunque. Lasciamola lì… come una zingara beffarda che chiede l’elemosina o un tozzo di pane. Lasciamola per strada a mendicare un passaggio. E non facciamola avanzare. Sì, e allora sarai poesia, mentre una voce rauca ancora mi addormenta cantandomi una canzone. Siamo invecchiati ed i nostri occhi scolpiti dagli anni si guardano ancora, con ammirazione e desiderio, mentre le nostre labbra, rugose ma ancora carnose, si uniscono in un abbraccio senza saliva e senza respiro. Guardiamo gli innamorati passare nei viali di un parco e ci teniamo, stretti, tra i bastoni che ci sorreggono, nelle mani che tremano, nello sguardo fiero che continuiamo a regalarci sotto queste due bottiglie che chiamiamo occhiali. Mi abbandono ogni sera sul tuo petto ormai scarno e canuto mentre le tue braccia con debolezza mi stringono; appoggio la mia guancia ormai floscia e mi addormento ogni sera ascoltando il lento scorrere del tuo cuore affaticato dagli anni eppure ancora emozionato. Scivola la mia mano tra i tuoi capelli ormai radi e disegno con le dita scheletriche il contorno del tuo viso eppure i miei occhi sono ancora colmi di emozione. Ci addormenteremo e ci sveglieremo ancora, in lenzuola meno stropicciate del solito, tenendo il riscaldamento acceso solo per poco, perché il nostro calore non verrà mai meno. Le immagini di noi, anni trenta, ora scorrono sul nostro schermo al plasma.

. . .

Ancora sorrido… nel silenzio di questa sera, nel silenzio di te in questo letto eterno, e questo vuoto lo colmerò con il ricordo della tua voce roca che ancora mi sussurra quell'accenno di canzone, ricordandomi che la primavera è sempre alle porte, anche quando i fiori appassiscono ed iniziano a perdere i petali. Vecchia, con gli occhi lucidi per la tua mancanza, aspetterò l'alba, e sarà come se fosse la prima volta.

Il tramonto colora di rosso l'orizzonte eppure, come il mare non si distingue dal cielo, ancora non si definiscono i nostri contorni, i nostri confini. Come il sole ti abbraccio e scivolo nel tuo silenzio che rispecchia ancora i tuoi gesti ed i tuoi pensieri. I miei raggi si incastrano tra i tuoi flutti freddi come il profondo dell'oceano, ed il tuo viso, come uno spruzzo vivace, ancora rinfresca lentamente il mio desiderio. Come sole e mare al tramonto noi siamo. Mi nascondo, nelle pieghe del tuo tempo, e tu mi cercherai tra le tue onde scure come la pece per darmi vita un altro giorno ancora, semplicemente abbracciandomi tra le tue acque al mio risveglio. Come sole e mare. Come terra e cielo. Non c'è confine al tramonto. Né tramonto ci sarà per noi.

© Doriana De vecchi





Recensioni ed articoli relativi a Doriana De vecchi

Nessun record trovato

Testi di Doriana De vecchi pubblicati su Progetto Babele

(1) La distanza che ci divide di Emanuele Serra - RECENSIONE
(2) Carne da macello di Doriana De vecchi - RACCONTO
(3) Non ci sarÓ tramonto di Doriana De vecchi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2011-06-30
VISITE: 2.157


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali