Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [17/06/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Lo schermo della morte
di Sandro Fossemò
Pubblicato su PB20


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 289
Media 84.57%



Lo schermo della morte

"In questa vita ci mostrano soltanto i trailer"
(Philip K. Dick)

Ero seduto in una scomoda sedia di legno, posta in un angolo oscuro e isolato di un vecchio e malconcio cinema dove c'erano pochi spettatori. Ad un tratto, cominciavo a sudare e a sentirmi stordito. Avevo bevuto moltissimo e non stavo per niente bene. Nell'aria avvertivo la presenza della solitudine dello spirito umano che emanava il proprio vuoto dentro a quel locale chiuso e buio.

Mi sentivo molto solo e in qualche modo imprigionato da una tetraggine deprimente che non mi lasciava quasi respirare tanto che avevo la sensazione di soffocare irreparabilmente ma, nonostante tutto, non avevo voglia di andarmene. Ormai ero entrato in quell'odioso cinema e ci dovevo restare. L'alcool mi aveva senz'altro turbato. Se fossi uscito non avrei di certo migliorato la situazione sapendo di aver perso l'occasione di guardare un bel film ma, naturalmente, nel caso lo spettacolo non mi fosse piaciuto fin dall'inizio, di certo allora me ne sarei andato subito via. Quindi, sopportai quel malessere che non mi lasciava libero e tranquillo con la speranza che tra qualche istante sarebbe iniziato, finalmente, lo spettacolo.

A volte mi annoiavo così tanto che avevo voglia di dormire senza chiedermi come mi sarei sentito una volta svegliato in quel luogo senza aver visto bene il film. Forse mi sarei addormentato di nuovo ma non potevo chiudere gli occhi e lasciarmi rapire dal sonno dopo aver pagato il biglietto.

Molto probabilmente quella indifferenza o noia era causata dal fatto che ero entrato senza sapere bene di quale film si trattasse. Lì dentro non solo non conoscevo neanche una persona ma non potevo nemmeno farmi notare da qualcuno a causa di quella separazione indistruttibile che il buio generava.

«Non si potrebbe» provai a domandare per scherzo a uno che mi dava l'impressione di conoscere vagamente e che si era accomodato accanto a me, «accendere la luce?»

Quello rispose a bassa voce: «Con la luce non puoi guardare bene lo spettacolo, non credi?»

Gli risposi con una battuta: «Sì è vero... ma possiamo guardarci noi che, dopotutto partecipiamo allo spettacolo.»

«Potremmo pure farlo, certo, però ciò non avrebbe senso.»

«Perché?»

«Scusa, ma non ho alcuna voglia di scherzare con te! Sono venuto qui per vedere il film e non per ascoltarti. Adesso lasciami in pace e per favore non venire più al cinema ubriaco!»

«Come s'intitola questo film?», chiesi a una coppia di fidanzati che si stava sedendo proprio di fronte a me.

«Ma non lo sai!»

«No»

«Reality Shock!»

« Oh mio Dio! Che brutto titolo!», risposi inorridito.

Gli spettatori stavano quasi immobili e un po' annoiati. Nessuno notò il mio stato di sofferenza psicologica. Avevo bevuto davvero follemente ed ero del tutto fuori di testa. Non vedevo l'ora che iniziassero a far girare la pellicola, così avrei potuto immaginarmi, sognatore pazzo come sono, di essere l'attore principale del film e, in quel modo, tutti si sarebbero concentrati su di me, dandomi la soddisfazione di farmi sentire un personaggio importante, ma purtroppo ben presto rimasi deluso perché non riuscivo a seguire lo spettacolo in quanto il film proiettato scorreva molto rapidamente e con una trama insignificante e sconnessa.

Alzai la testa e, appena vidi il fascio di luce del proiettore, mi accorsi quanto fosse inutile quel raggio luminoso che proiettava uno spettacolo futile e quasi impossibile da seguire.

Un pipistrello di colore bruno era entrato, stranamente, dentro la sala del cinema e svolazzava in modo agitato. Ad un tratto, si fermò per qualche secondo in alto al centro. Il chirottero, improvvisamente, riprese a volare dritto fino a penetrare e scomparire sulla superficie dello schermo.

Sul capo mi cadde un mozzicone di sigaro. Me l'aveva gettata addosso uno strano uomo dal palco di sopra che barcollava un po' come se fosse una marionetta. Mi osservava silenziosamente come se attendesse una mia reazione nervosa o aggressiva. Più esattamente sembrava, o meglio avevo la sensazione, che volesse sfidarmi. Quello che mi dava fastidio era che, pur sapendo che era stato lui, non ero in grado di poterlo identificare perché il buio rendeva irriconoscibile il suo volto e la sua sagoma.

Mi alzai, lo guardai con un po' di rabbia e gli esclamai: «Perché butti la cicca qua sotto!»

L'uomo rispose: «Oh!, ti prego di scusarmi ma credevo di essere solo, come puoi vedere qui non c'è nessuno.»

«Cooosa!.» Mi voltai subito e vidi che il cinema era diventato, improvvisamente e inspiegabilmente, vuoto. Non c'era proprio un'anima viva e persino quello strano signore era, all’istante, scomparso.

Quando mi girai a guardare il film, vidi che gli spettatori erano, misteriosamente, diventate dei manichini per vetrine di negozi ed erano situate molto vicino alla base dello schermo del cinema. I manichini venivano assurdamente mutilati da brevi filmati con i bordi simili alle pellicole cinematografiche. Quelle riprese erano delle proiezioni che ritraevano trailer di film famosi o eventi storici importanti come il nazismo o la guerra del Vietnam. I filmati duravano pochi secondi e scorrevano nello schermo, incessantemente, dall'alto verso il basso come grandi e affilate lamiere taglienti. I manichini che qualche istante prima erano persone in carne e ossa ora rimanevano calmi e passivi, dato che non davano alcun segno di sofferenza ma neanche di piacere. I movimenti dei loro corpi di plastica davano l'impressione che fossero carenti di un proprio controllo mentale poiché quando venivano fatti a pezzi non reagivano minimamente.

Non credendo a ciò che vedevo, gridai a quei manichini insensibili: «Ma cosa vi sta succedendo!»

Essi ruotarono lentamente i propri corpi mutilati e, quando si voltarono un attimo verso di me, mi dissero: «Ssssh!.. Sssh.!... Fai silenzio...Non distrarci... Guarda il film e stai zitto!»

Terrorizzato mi alzai e tentai di andarmene. Alcune teste decapitate di manichino fuoriuscirono dallo schermo come le palle di un cannone e mi piombarono vicino ai piedi. Mi fermai. Appena mi videro pietrificato e inorridito, si misero a ridere sadicamente a squarciagola, ma una mi fissò freddamente negli occhi e, appena mi notò così agitato da essere prossimo alla follia, fece un sorriso macabro e mi chiese con alterigia: «Non finisci di guardare il film?»

Ero frastornato e sentivo d'impazzire. Quella maledetta testa continuava a insistere: «Non mi rispondi? Ti ho chiesto se non finisci di guardare il tuo film!»

Non avevo più la forza di rispondere.

«Allora?», insisteva quel volto ripugnante.

Rimasi in silenzio.

«Mi devi rispondere!»

«Quale film? Io vedo solo trailer confusi o filmati storici casuali. Questo spettacolo è senza senso oltre che disgustoso.»

«Per noi è il film giusto al momento giusto. Anzi è la nostra vita»

Mi feci coraggio e a stento dissi: «Questo... questo cinema è terribile, davvero terribile!»

«Invece è bellissimo! Mi devi credere.»

«No! Fuggirò via da qui!»

«Fallo, fallo pure ma ricordati che la porta d'uscita coincide con la porta d'entrata di un altro cinema all’infinito... Non hai via di scampo!»

«Sì, forse hai ragione... ma perché devo per forza guardare?»

«Perché, come ti ho detto, è anche il tuo film o meglio è il nostro film. Comunque puoi sempre andare verso la base dello schermo e partecipare anche tu così ti adatterai alla realtà prendendone parte totalmente e la smetterai di lamentarti come uno sciocco e di voler scappare come un matto.»

«Ma temo che quei filmati mi ridurranno in mille pezzi, oppure diventerò anche io un manichino come voi! Non voglio fare quella brutta fine!»

«Ah! Ah! Ah! Non sentirai niente! Fidati di me. Avvicinati allo schermo e poni fine al tuo dolore per sempre.»

Tremante e sconvolto feci qualche passo in avanti verso il grande schermo.

Quando giunsi lì vicino non ebbi più il coraggio di avvicinarmi ancora perché sospettavo che fosse molto pericoloso.

La testa continuava imperterrita a fissarmi e, nel vedermi indeciso, mi chiese: «Perché ancora ti ostini?»

«Perché? Vuoi sapere davvero perché? Te lo dico subito. Evidentemente sono un diverso!»

«E con ciò? Essere diversi non significa di certo essere migliori o liberi.»

«Sì, certamente,» indietreggiai e tornai con calma a sedermi, «ma attenderò tranquillamente la fine del film, o meglio di queste maledette riprese e poi... si vedrà.»

La testa rimase inquieta e silenziosa, ma continuava a osservarmi in modo diabolico.

«Davvero? Non lo sai che il film non termina mai?», udii dire di nuovo dall'alto con una voce cupa e tremula. Era sempre lui, l'uomo irriconoscibile, quel dannato individuo ombroso che stava al palco di sopra.

«Ancora tu!» gridai. Infuriato dalla sua presenza nascosta e occulta gli dissi ad alta voce: «Perché non scendi e non ti fai vedere così parliamo faccia a faccia?»

«Come vuoi», rispose con molta tranquillità.

Saltò giù al piano terra e si avvicinò a me con calma. Finalmente, potevo riuscire a vederlo da presso. Era una creatura infernale! Era orrendo! Aveva un volto inespressivo e senza lineamenti. Al posto degli occhi c'erano due piccoli fori, non aveva naso e capelli, la sua bocca non era altro che un grosso buco vuoto. Era realmente una specie di pupazzo vivente, proprio come mi era sembrato appena l'avevo intravisto.

Dopo esserci guardati da vicino, quell'abominevole mostriciattolo si sedette accanto a me e disse: « Adesso ci vedremo...» e sfilò dalla tasca il suo accendino di ferro in stile gotico che ritraeva un teschio, «insieme il film!» Subito dopo accese il sigaro e continuò a dire con quella sua tetra boria: «Non credi che sia una bella idea?»

«Ma tu... da dove vieni e dove vivi!»

«Io, caro, vengo dall'oltretomba e vivo nella morte.»

«Chi diavolo sei!»

«L'hai appena detto... Il diavolo!», rispose sorridendo in modo sarcastico.

Gli afferrai rapidamente dalla mano l' accendino e corsi via. Lanciai immediatamente quell'oggetto metallico in alto verso l'obiettivo del proiettore che, appena si ruppe, fece cessare quegli odiosi filmati.

Senza la luce del proiettore la sala del cinema divenne semibuia perché lo schermo cinematografico si era trasformato in una gigantesca lampada che emetteva una flebile luce come un vecchio neon. Avevo la profonda sensazione di essere osservato da un imponente e avverso occhio cupo.

Non avvertivo più nulla di pericoloso. I manichini e quel malvagio fantoccio che mi perseguitava scomparvero, finalmente.

M'incamminai, molto agitato e incuriosito, verso il grande schermo per osservare bene da vicino quella luce così rigida, tetra e terribilmente aliena. Mi venivano i brividi quando sfioravo con le dita il materiale sintetico di quella superficie bianca, illuminata internamente da qualcosa di artificiale e di ignoto ma allo stesso tempo grandioso e pauroso. Lo schermo sembrava l'occhio di un dio feroce.

La mia tragica sorte, però, non era ancora finita. Appena mi girai vidi che erano tornati gli spettatori di prima. Essi mi applaudirono, ma osservai che al posto degli occhi avevano due piccole telecamere con l'obiettivo illuminato di una luce rossa come quella del led. Erano dei cyborg. Notai, in quel momento sconcertante, anche il mio corpo immobile come se fosse privo di vita, esattamente nel posto in cui ero stato seduto. Forse mi ero addormentato e stavo vivendo solo un brutto sogno. Quando tentai di tornare indietro, mi accorsi che non potevo avanzare o indietreggiare perché ero completamente bloccato sulla superficie centrale dello schermo. Era come se fossi rimasto incollato a quella parete luminosa che gradualmente mi stava divorando, o meglio mi stava assorbendo. Le mie energie fisiche diminuirono rapidamente. Notai con la coda dell'occhio che sullo schermo, dietro alle mie spalle, c'era un filmato cinematografico d'epoca. I fotogrammi ritraevano le ali maestose e scure di un pipistrello ed erano in bianco e nero, tremolanti, con delle righe, leggermente sbiaditi e a tratti un po' sfocati e sgranati. Due enormi canini si trovavano un po' in alto, esattamente ai lati e dietro la mia testa. Osservai pure che le mani e le gambe stavano diventando gradualmente di plastica. Ancora una manciata di secondi e sarei stato trasformato in un anonimo manichino da vetrina di negozi. Ero finito nelle fauci di uno spettrale vampiro sintetico e non riuscivo a liberarmene. Una fine orribile che non avrei mai voluto fare. Profondamente turbato da un forte stato di angoscia e di delirio incontrollabile, urlai nell'abisso del cinema con la speranza di svegliarmi da quel terribile incubo.

 

© Sandro Fossemò







-

dal 2014-10-30
VISITE: 1.814


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali