Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [19/06/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

RECENSIONE
FIGHT CLUB

USA 1999


Recensione di Emiliano Bertocchi

Fight Club
Titolo originale: Fight Club

Nazione: Usa
Anno: 1999
Genere: Thriller
Regia: David Fi ncher
Original story:
Chuck Palanhiuk
Cast: Brad Pitt, Edward Norton

Fight Club è un film molto complesso e ambiguo e si basa sul sorprendente libro di Chuck Palanhiuk. Lo scrittore si inventa un nuovo modo di scrivere, fatto di ripetizioni, di tagli, di nomi esoterici legati alla medicina, di nozioni utili se si vogliono fabbricare esplosivi. Chuck ha un talento letterario unico. Scava dentro la nostra società (consumistica) e si insinua in quei luoghi bui e molte volte nasconti, quegli antri oscuri in cui si ripiegano le incongruenze del mondo in cui viviamo. Chuck ci fa entrare in questi luoghi: gli incontri tra malati terminali, il lavoro delle compagnie automobilistiche durante gli incidenti, la costruzione di esplosivi. Il protagonista del libro si ritrova invischiato in una vita che non sente più propria. Schiavo del lavoro, degli oggetti, delle cose che ha intorno e di cui non ha bisogno.
"Le cose che possiedi alla fine ti possiedono" dice Tyler Durden. Ed è vero. Quella del protagonista è una rivoluzione. Di tipo anarchico e masochista.
La violenza dei fight club è un' implosione-esplosione della propria rabbia. Implosione perchè all' inizio il protagonista picchia sè stesso, esplosione perchè nei combattimenti la rabbia repressa si tramuta in una nuova forza generatrice. Nel libro vengono toccati i più disparati argomenti, che però sono illuminati tutti da una nuova luce, da un nuovo punto di vista. Il merito di David Fincher è stato quello di riuscire a tradurre in un linguaggio cinematografico non banale l' originale impatto narrativo di Chuck e a trasformare in invenzioni visive molte di quelle letterarie.
Fincher si sofferma sugli oggetti, li studia, ci scava dentro, molte volte non li riconosciamo finchè la macchina da presa non si stacca da loro e li riporta al normale rapporto che hanno con la realtà. Molto interessanti sono le riprese dell' immondizia come se fosse un sistema planetario o anche la spiegazione del cambio della pellicola in cui Tyler infila fotogrammi del suo pene.
L' ambiguità del film e del libro si creano soprattutto nel messagio e nel tema del doppio. Alla fine non è ben chiaro cosa il film ci voglia comunicare. La rivoluzione partita da Tyler si trasforma in una sorta di lotta reazionara che riguarda soprattutto le altre persone che seguono i suoi ordini. Come scimmie spaziali. Come automi che non hanno più una loro libertà. Forse la libertà va cercata all' interno di una costrizione. Questo è un tema che lo scrittore tratta in un altro suo libro Survivor. Il tema del doppio invece si risolve forse in maniera troppo banale. Visivamente. Mentre in realtà nella sua sostanza rimane molto interessante. Soprattutto perchè viene descritta la schizzofrenia di una persona. O anche la proiezione dei propri sogni, delle proprie frustazioni e della rabbia repressa per una vita di merda. Anche nel libro il finale, che è leggermente diverso da quello del film, rimane aperto. Ma credo che il mesaggio vada cercato nell' insieme delle cose. Nella miriade di informazioni, nuove angolazioni, aperture di senso che il libro offre.
La regia di David Fincher lavora in maniera ottima nella prima parte del film andando però perdendosi nella seconda, soprattutto da quando viene svelata la vera natura di Tyler Durden. Comunque sia l' immagine finale con i plazzi che crollano è da brividi, soprattutto se pensiamo a quanto è successo alle Twin Towers.
Quello di Fight Club è un tentativo di rivolta, spirtuale prima di tutto e poi anche materiale. E' anarchico perchè si fa portavoce di una distruzione per il ristabilimento di un nuovo ordine. E' masochista perchè parte dalla conoscenza del dolore come conoscenza di sè dtessi. E' un lungo viaggio verso il fondo, unico modo per capire realmente chi siamo.
Gli attori sono tutti molto bravi soprattutto Helena Bonham Carter e Edward Norton che caratterizzano perfettamente i loro personaggi. Comunque un consiglio, se vi è piaciuto il film leggetevi assolutamente il libro.
Scoprirete un grande autore.
E ricordatevi che mettersi le penne nel culo non farà di voi una gallina.

Emiliano Bertocchi

VISITE: 13756

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali