Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    [02/08/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito    Poesie     Lontananza di Jacob Von bergstein     Cielo. di Antonio Parente     Angeli di Manny Mahmoud     Il prossimo della lista di Amedeo Bruni     L’ombra di me di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
54 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Colour from the dark - Il colore del male
regia di Ivan Zuccon
Pubblicato su SITO


Anno 2009 - ITALIA


Una recensione di Gordiano Lupi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 12572
Media 79.44 %


Colour from the dark - Il colore del male

Conosco Ivan Zuccon per aver visto i suoi lavori più recenti, dal claustrofobico Bad Brains (2006) al demoniaco Nympha (2007), raffinate pellicole horror che rendono omaggio alla tradizione gotica italiana. Non ho visto le prime cose: L'Altrove (2000), Maelstrom - il figlio dell'altrove (2001) e La casa sfuggita (2003), ma ho reperito in rete giudizi lusinghieri anche su questi lavori giovanili. 

Zuccon nasce nel 1972, si appassiona al genere horror, gira film in Super 8 e subito dopo in video, si dedica ai cortometraggi e infine spicca il salto verso il cinema professionale. Le sue pellicole nascono quasi sempre in lingua inglese, perché - vista la particolarità del mercato italiano - è più facile piazzare film horror in Europa e negli Stati Uniti. Zuccon è un nome noto a tutti gli appassionati del genere horror, nostalgici di grandi presenze come Lucio Fulci, Joe D'Amato e Mario Bava, che ritrovano in pellicole cupe e spettrali un profumo di tempi lontani. Zuccon si avvale della collaborazione dell'ottimo Ivo Gazzarrini, scrittore e sceneggiatore horror che pesca a piene mani nell'opera di H.P. Lovecraft, inserendola in un contesto contemporaneo. La sua troupe conta su un buon musicista come Marco Werba e validi effettisti come Fiona Walsia e Massimo Storari. Il regista lavora in proprio a un montaggio rapido e serrato, realizzando pellicole ad alta tensione davvero ben costruite.

Colour from the dark è l'ultimo lavoro di Zuccon, interpretato in inglese (sottotitoli in italiano) da buoni attori come Debbie Rochon (Lucia), Michael Segal (Pietro), Marysia Kay (Alice), Gerry Shanahan (Giovanni), Eleanor James (Anna), Matteo Tosi (Don Mario), Emmett J. Scanlan (Luigi), Alessandra Guerzoni (Teresa) e Massimo Storari (soldato nazista).

L'azione si svolge nel 1943, durante la Seconda Guerra Mondiale. La location - suggestiva e tetra al punto giusto - è uno sperduto casolare di campagna. Pietro e Lucia sono due poveri contadini che vivono del lavoro nei campi, insieme ad Alice, sorella sordomuta e handicappata di Lucia. Pietro soffre per una malformazione al piede, zoppica vistosamente, ma è un uomo robusto e manda avanti tutto il lavoro, Lucia si dedica alla casa e alla sorella. Un giorno, mentre Alice prende l'acqua dal pozzo, accade un evento incredibile. Il secchio resta impigliato sul fondo e quando Pietro lo libera sembra venir fuori una luce aliena dalle profondità della terra. Da quel momento succedono eventi straordinari e terrificanti che coinvolgono Pietro e il resto della sua famiglia. Non è il caso di raccontare la trama, perché lo spettatore perde la gioia della visione, ma è bene dire che il film è ricco di effetti splatter e cita più volte L'Esorcista (1973) di William Friedkin e L'Anticristo (1974) di Alberto De Martino. Lo spettatore precipita in una spirale di orrore fin dalle prime scene, quando assiste agli incubi di Alice, terrorizzata dalla cantina, dal pozzo e dalla sua bambola di stoffa. Un trionfo di schizzi di sangue onirico fa capire i problemi mentali di Alice, proprio mentre Pietro e  Lucia la osservano atterriti e cercano di non svegliarla. Regista e sceneggiatore sono bravi a inserire nel racconto una tematica storica come la seconda guerra mondiale e la persecuzione degli ebrei. Il personaggio di Teresa - uccisa da un ufficiale nazista - che si nasconde dai vicini di casa (Anna e Giovanni) serve ad attualizzare meglio la vicenda. Il cadavere in decomposizione della ragazza accompagna lo spettatore nel rapido sviluppo della storia, subito dopo la scoperta di Alice.

Il tema del pozzo che si apre e scatena una forza misteriosa si può ricondurre a vecchi ricordi fulciani contenuti ne L'Aldilà - E tu vivrai nel terrore (1981), ma anche al meno esaltante Le porte dell'inferno (1989) di Umberto Lenzi. Lo scrittore di Providence nel racconto originale parla di forze aliene che si liberano e producono effetti orribili, più che di demoni che entrano da porte infernali. Gazzarrini e Zuccon ci lasciano nel dubbio, ma non è così importante. Il film gode di grande tensione, ottimi effetti notturni, bella fotografia anticata color seppia, eccellenti ricostruzioni scenografiche, perfetta ambientazione d'epoca e caratterizzazione dei personaggi immune da difetti di approssimazione. La ricostruzione di una casa di campagna anni Quaranta, arredata con tavoli in legno, mobili tarlati e candele consumate per leggere a letto, è degna di menzione. Gli effetti speciali sono la cosa migliore del film, tra crocefissi che cadono dopo essere stati contaminati da un alone nero, pomodori che maturano rapidamente e subito dopo vanno in decomposizione, un cielo tetro, nero, quasi infernale che accompagna il crescere dell'orrore. L'entità infernale liberata dal pozzo fa miracoli demoniaci e contamina la zona circostante. La prima persona contagiata dal morbo è Lucia, che cambia carattere, vuol far l'amore come non l'ha mai fatto e mostra occhi neri, diabolici. Gli effetti speciali che presentano Lucia indemoniata sono ottimi: la donna si taglia la guancia e dalla ferita esce un occhio, poi si sveglia insanguinata e non ricorda più niente. Il film è scandito dal passare dei giorni della settimana, ci accompagna in un abisso senza speranza modificando la fotografia che diventa sempre più cupa e abbonda di toni grigi. Lucia si accoltella una mano, sputa al marito, bestemmia, aggredisce un prete che vorrebbe esorcizzarla, ma finisce massacrato a colpi di crocefisso.

Zuccon è bravo a mostrare il progressivo deteriorarsi di uomini e ambiente, inquadrando i campi sempre più distrutti e le persone che modificano il loro carattere. Alicia accoltella la bambola ed è sempre più preda dei suoi terrificanti incubi, pure se come per miracolo ha cominciato a parlare. Pietro non zoppica più, ma si accorge presto che quell'evento straordinario non è opera divina.

Gli effetti speciali esorcistici ricordano il film di Friedkin (il fiato gelido, le grida, il volto che si modifica...) ma sono utilizzati con grande originalità. Anna e Giovanni sono due buoni personaggi di contorno, come vicini di casa coinvolti nella spirale di terrore. Luigi, il fratello di Pietro che torna dalla guerra e resta coinvolto nel massacro, è un altro protagonista interessante.

Uno degli aspetti più interessanti della pellicola resta lo squallore riprodotto in maniera credibile, tra frutti del terreno che marciscono e la casa che va in malora. Il film è una storia nera senza speranza, molto contemporanea, soprattutto perché lo scontro tra Dio e demoni non prevede un lieto fine. La fotografia cupa, angosciosa, nera, squarciata da improvvisi lampi di luce inserisce bene la storia in una campagna desolata che si trasforma in uno spaccato d'inferno. Il demone liberato ti entra dentro, ti succhia la vita e distrugge ogni cosa vivente, senza lasciare traccia di speranza.

Ricordiamo che nel cast ci sono belle presenze femminili, come nel vecchio cinema horror italiano e che non mancano alcune parti erotiche di buona fattura. Debbie Rochon (l'indemoniata Lucia), dopo Valeria Sannino (Bad Brains) e Tiffany Shepis (Nympha), incrementa il numero di attrici sexy impiegate da Ivan Zuccon.

Pare che il progetto di girare Colour from the dark sia stato più volte accantonato da Zuccon, a causa di numerose difficoltà, ma alla fine il film è venuto fuori molto bene. A nostro giudizio è la cosa migliore girata da Zuccon tra quelle viste sino a oggi.

Perché pellicole simili non circolano più nelle nostre sale?

Cast: Debbie Rochon, Michael Segal, Marysia Kay, Gerry Shanahan, Eleanor James, Matteo Tosi, Emmett J. Scanlan, Alessandra Guerzoni
Produzione: Studio Interzona, Arabesque Film
Sito Ufficiale: www.ivanzuccon.com


Una recensione di Gordiano Lupi





Recensioni ed articoli relativi a Ivan Zuccon

Nessun record trovato

Testi di Ivan Zuccon pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Gordiano Lupi

(1) Non muoiono le api di Natalia Guerrieri - RECENSIONE
(2) Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan - RECENSIONE
(3) Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov - RECENSIONE
(4) Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio - RECENSIONE
(5) Raúl Castro di Domenico Vecchioni - RECENSIONE
(6) La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli - RECENSIONE
(7) Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa - RECENSIONE
(8) Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili - RECENSIONE
(9) Il cinema horror italiano 1970 - 1990 di Federico Tadolini - RECENSIONE
(10) Io, Daniela di Daniela Giordano - RECENSIONE
(11) L’alba dello scudetto di Simone Manservisi - RECENSIONE
(13) La piccola cineteca degli orrori di Manlio Gomarasca e Davide Pulici - RECENSIONE
(14) Ore Piccole di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(15) Il Maradagàl, una rivista oltre le mode di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(16) Lamette di Gordiano Lupi - RECENSIONE
>>Continua (click here)

 

Altre recensioni:



-

dal 2009-01-26
VISITE: 32530


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali