Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [10/04/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Jean De La Fontaine: Fiabe, Favole, Poesie, Racconti Brevi dedicati agli animali scadenza 2021-04-12    Memorial Giovanni Leone - I valori della famiglia scadenza 2021-04-15    Concorso Lucetto e Pietro Ramella scadenza 2021-04-15    Coprifuoco scadenza 2021-04-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 06 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo      L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale    Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie sparse di Leonardo Taverni     Non per molto di Amedeo Bruni     Maledetta allegria di Amedeo Bruni     Lili Marlene di Jacob Von bergstein     La luna di Francesco paolo Catanzaro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
22 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
37 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La viaggiatrice
di Karla Suárez
Pubblicato su SITO


Anno 2007 - Guanda
Prezzo € 16 - 360 pp.
ISBN 9788882469214

Una recensione di Gordiano Lupi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7185
Media 79.42 %



viaggiatrice;La

Karla Suárez è una giovane scrittrice cubana che vive tra Roma e Parigi, viaggiatrice come la protagonista della storia, di tanto in tanto torna all’Avana, dove è nata e conserva le radici, ma forse non è la sua città, per parafrasare un pensiero espresso nel romanzo.
La viaggiatrice è l’opera seconda di Karla Suárez, dopo il più esplicito e politico Silenzi (Guanda, 2005), sulla ribellione di una ragazzina nei confronti della retorica di regime e sul rovesciamento dei miti rivoluzionari. La viaggiatrice è un romanzo sull’amicizia tra donne, ma anche una storia sul tema del viaggio vissuto come fuga e scoperta dell’ignoto, come ricerca di un posto dove vivere che rispecchi il nostro essere. Lucía e Circe sono profondamente diverse, ma proprio per questo amiche, abbandonano L’Avana per motivi opposti, ma non sanno spiegare la loro scelta di vita. Lucía scappa a Roma con un italiano, ma vive di nostalgia, rimpiange la sua Cuba, l’allegria della gente e persino come amano i cubani. Circe non vive di nostalgia, sogna il futuro, la scoperta, l’amore, fa un figlio, abbandona il compagno, cerca una città che non trova e passa da un luogo all’altro senza mettere radici.
Karla Suárez fa letteratura. Basta leggere qualche frase del romanzo.
È l’aria, Lucy, è l’aria la depositaria di tutti i segreti. Bisogna respirare una città per riempirsi di lei. È dai primi dieci minuti che si capisce se sei di passaggio o sei arrivata a casa… Quando L’Avana ha smesso di parlarmi ho capito che non era più fatta per me. In realtà non è che ha smesso di parlarmi, è un po’ diverso, i suoi incroci mi seguiranno ripetendo “sei stata qua”, le vie “sei passata di qui”, posso riconoscere la mia sagoma dietro l’angolo di ogni strada, ma questo significa ricordare, non comunicare.
Nel romanzo c’è tutta la nostalgia che prova il cubano lontano dalla sua terra, ci sono le feste a base di nostalgia nazionale, quando tutti parlano di Cuba e non sanno pensare ad altro, non esiste niente di più importante, ci sono le persone che cambiano un poco ogni giorno e diventano grandi, le vite troppo complesse per stare in una cartolina, miscugli di ricordi e passioni. Un romanzo che risente della maledetta circostanza delle acque ed è un peccato che il pubblico italiano non conosca un poeta come Virgilio Piñera, grande autore boicottato dal regime, costretto a una pubblica abiura, ridotto in silenzio, ma che la Suárez ama profondamente. Circe ha bisogno del mare, come Piñera, soffre di quel maledetto fattore acqua, la sua anima richiede il mare per rigenerarsi e continua a cercare una città che le parli. Sono sola in una giornata senza parole ad amarmi tremando di piacere, dice Piñera. Nelle serate grigie tutto il mondo è solo, tutto il mondo è piano, aggiunge. Ed è così per molti cubani che fuggono e non trovano la loro città, restano con poche cose in mano, perdono il loro passato, non trovano un presente e tra le mani trattengono tantissima solitudine da regalare.
La viaggiatrice si ispira anche a Le città invisibili di Calvino (cubano pure lui, anche se solo di nascita), indaga sui sentimenti, sulla convivenza, afferma che è facile innamorarsi di chi è completamente diverso da noi, più difficile è viverci insieme giorno dopo giorno. Circe respira Parigi, ricorda che L’Avana era il suo ambiente, la sua storia, forse è davvero la città più bella del mondo, anche se adesso rappresenta solo rovine, sbiadite e lontane. Roma è bella e nevrotica, le sue rovine raccontano storie remote come una nonna intenta a resuscitare tutti i morti di famiglia, è una città radiosa e maleducata, sporca, scandalosa, casta e affascinante. Roma è una città che ricorda L’Avana, ma non è la città che lei sta cercando, perché non le parla. Circe se ne va, intraprende un nuovo viaggio, alla ricerca di Itaca, un luogo che non sa dove sia, lo sta ancora cercando. Non vuole ammalarsi di nostalgia, preferisce la speranza di trovare la sua Itaca, perché la nostalgia è una droga che in dosi eccessive nuoce al futuro. Circe sta cercando L’Avana, una città che non esiste più, un miraggio, la città che porta sempre con sé, come Odisseo con Itaca. Un giorno vorrebbe tornare a vivere all’Avana, ma non adesso, soltanto quando le cose cambieranno.
La viaggiatrice è uno stupendo romanzo intriso di nostalgia, amore, avventura, tormento e sofferenza che esprime bene l’angoscia di chi è lontano dalla terra natale e sa che non può tornare.


Una recensione di Gordiano Lupi






Recensioni ed articoli relativi a Karla Suárez

(1) La viaggiatrice di Karla Suárez - RECENSIONE
(2) Con L’Avana nel cuore di Antologia a cura di Lucía López Coll - RECENSIONE

Testi di Karla Suárez pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Gordiano Lupi

(1) Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov - RECENSIONE
(2) Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio - RECENSIONE
(3) Raúl Castro di Domenico Vecchioni - RECENSIONE
(4) La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli - RECENSIONE
(5) Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa - RECENSIONE
(6) Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili - RECENSIONE
(7) Il cinema horror italiano 1970 - 1990 di Federico Tadolini - RECENSIONE
(8) Io, Daniela di Daniela Giordano - RECENSIONE
(9) L’alba dello scudetto di Simone Manservisi - RECENSIONE
(11) La piccola cineteca degli orrori di Manlio Gomarasca e Davide Pulici - RECENSIONE
(12) Ore Piccole di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(13) Il Maradagàl, una rivista oltre le mode di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(14) Lamette di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(15) 8 e un quarto di Paquito Catanzaro - RECENSIONE
(16) Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2008-03-13
VISITE: 13672


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali