Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [17/06/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

RECENSIONE
Che pasticcio, Bridget Jones

UK 2004


Una recensione di Claudia Scopino

Che pasticcio, Bridget Jones
Titolo originale:
Bridget Jones: the edge of reason


Nazione: Regno Unito
Anno: 2004
Genere: Commedia
Regia: Beeban Kidron
Cast: Renée Zellweger, Colin Firth, Hugh Grant


Torna l'eroina single che tanto successo ha avuto nel 2001: la goffa e sbadata Bridget Jones. Con una differenza: adesso è felicemente fidanzata con un bellissimo ed affascinante avvocato, Mark Darcy. Se le carte vincenti del primo film erano il diario del titolo e la ricerca di un'anima gemella, in questo sbiadito sequel si racconta delle difficoltà amorose nel tenersi un fidanzato, con esiti assai meno convincenti. Bridget è sempre la stessa, ma ancora più imbranata e forse un tantino meno simpatica, a causa delle ripetute e stucchevoli gag che vanno a sostituire i brillanti dialoghi e gli impossibili propositi che tanto avevamo amato. Certo, Il diario di Bridget Jones non era affatto un capolavoro, ma aveva dalla sua ritmo e soprattutto una storia frizzante, non esente da qualche sentimentalismo di troppo ma decisamente divertente e ben strutturato. Tutto questo si perde nel seguito, tant'è che dopo la visione poco rimane e poco si ricorda: solo un susseguirsi di gag già viste alternate a dialoghi e scene seriose e prevedibili. Bridget non è certo la prima donna nella storia del cinema ad essere gelosa nei confronti di una bellezza dalle gambe lunghissime e tanto meno inadeguata di fronte alla raffinatezza del fidanzato, per questo la storia richiedeva molto più impegno e inventiva per essere portata sullo schermo senza stancare e apparire noiosa. Si ride anche talvolta, ma il film perlopiù è annacquato da una comicità banale e anche abbastanza sciocca, e poco salva la deliziosa Renée Zellweger, ancora più in carne rispetto al Diario (ma, lasciatecelo dire, notevolmente più bella rispetto alla versione grissino di Chicago) ma assai meno convinta nel tratteggiare un personaggio che da amorevolmente spensierato e ingenuo diventa quasi fastidiosamente grossolano. Insomma, poco si salva di questo stinto sequel, pure l'ottima colonna sonora viene utilizzata come commento ad un qualcosa che non c'è, come per riempire un vuoto di idee e una briosità che purtroppo stenta ad arrivare per riportare nei nostri cuori la dolce Bridget.

 

VISITE: 5.077

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali