Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [16/06/2024] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Convegno internazionale a Ragusa  - Migrazioni e grandi vie della storia. (EVENTO 2024-06-16)    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
5eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     


La profezia di Celestino
di James Redfield


a cura di Claudio Palmieri

Editore: Corbaccio
Anno: (1993 1° Ed.) 1998
Pagine: 248
Costo: Euro 4.13
ISBN 8879721046


Vi sentite aperti all'illuminazione? Avete un animo disposto alla scoperta spirituale? Vi state ponendo i tre quesiti fondamentali: Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andiamo?
Se avete risposto sì ad almeno una di queste domande, la lettura de "La profezia di Celestino" di James Redfield riuscirà forse a nutrire il vostro bisogno spirituale ed a sedare la vostra sete di sapere mistico. Se le vostre risposte sono state tutte dei no, allora mi rammarica dovervi dire che, a mio parere, il romanzo di James Redfield non vi aprirà la mente e non vi sconvolgerà lo spirito.
Eppure come l'editore Corbaccio si premura di specificare, oltre che nel risvolto della quarta di copertina, anche in un paragrafo messo opportunamente alla fine del romanzo, questo libro ha venduto milioni di copie, otto mi pare, in tutto il mondo. Questo dovrebbe farci pensare che qualcuno ci ha effettivamente trovato qualcosa…
Comunque, se qualcosa c'e', deve essere qualcosa di diverso dalla narrazione perché, se guardiamo al romanzo in sé, bisogna dire che esso non è proprio un capolavoro della letteratura contemporanea.
Il romanzo di Redfield ha gli elementi classici del romanzo d'avventura: un tesoro nascosto (la nona illuminazione), i buoni che vogliono trovarla (il protagonista e i vari amici che incontrerà nel suo cammino), i cattivi che vogliono arrivarci prima per impadronirsene loro (il governo peruviano e la chiesa locale), l'ambientazione rocambolesca (la foresta peruviana e le rovine Maia), il tutto condito da un po' di magia (il misticismo del messaggio spirituale), fughe, inseguimenti e una storia d'amore.
Il guaio però è che gli eventi accadono seguendo un copione fin troppo evidente che fa spesso perdere di credibilità alla storia. Accade più di una volta che prima di leggere una pagina si sappia già cosa stia per accadere (un incontro, un ritrovamento, un inconveniente) il che lascia poco spazio alle sorprese.

Poi bisogna considerare che un libro che parla di coincidenze (la prima delle nove illuminazioni indica proprio di far caso alle coincidenze che costellano la nostra esistenza) non può che avere una trama solidamente basata sulle coincidenze stesse. Vero, ma, il gran numero di queste, che tempestano le vicende de "La profezia di Celestino", mette a dura prova la verosimiglianza della storia.

Leggendo questo libro ho avuto l'impressione che lo scopo di Redfield sia stato quello di diffondere un messaggio più che di scrivere un gran romanzo. Mi è sembrato che egli, volendo comunicare un qualcosa di importante, abbia imbastito una storia con lo scopo primario di veicolare il messaggio spirituale facendone pagare lo scotto alla trama, che così risulta intrisa di prevedibilità e forse anche di ingenuità narrativa.
Si capisce così tanto che "La profezia di Celestino" ha deluso le mie aspettative? Bene, se è così evidente, forse è meglio che cambi registro e m'impegni obiettivamente a riferirvi di cosa parla questo libro
La storia è quella di un'avventura rocambolesca vissuta da un personaggio, credo autobiografico, che va alla ricerca della Nona Illuminazione, l'ultima di

una serie di precetti sulla vita e sul futuro dell'umanità' contenuti in un antico documento, un Manoscritto in lingua sanscrita, ritrovato in Peru'.
Il Manoscritto, a detta di coloro che ne hanno letto dei tratti sulle poche copie che circolano clandestinamente, contiene un messaggio che dovrebbe svelare all'uomo l'essenza della vita ed il futuro dell'umanità'.
Il governo peruviano, in accordo con le autorità ecclesiastiche locali, sta però cercando di bloccarne la diffusione. Infatti, secondo il governo e la chiesa, il Manoscritto, la cui versione ritrovata contiene solo otto delle nove illuminazioni, promulga teorie pericolose sia per la religione che per la società civile e quindi la sua diffusione deve essere stroncata a tutti i costi. L'esercito viene mobilitato ed i seguaci del testo proibito vengono ricercati alla stregua di pericolosi rivoluzionari. Chi viene trovato in possesso di copie del testo o di singole parti di esso viene incarcerato o addirittura passato per le armi.

In quest'ambientazione da golpe sudamericano, il protagonista, uno statunitense venuto a conoscenza del manoscritto tramite un'amica che non vedeva da anni, molla tutto ciò che stava facendo e vola in Peru'. Lì, con una serie di coincidenze a dir poco incredibili, viene coinvolto nella ricerca dell'illuminazione mancante: la nona. Questa missione che si svolge tra sparatorie, incarcerazioni, fughe, incontri mistici ed incontri romantici, lo porta ad apprendere, una dopo l'altra, le prime otto illuminazioni ed a capire qualcosa di più di se stesso e degli altri.
"La profezia di Celestino", nonostante tutto, è una storia che riesce ad incuriosire il lettore. Nel mio caso particolare, lo scetticismo iniziale è stato castigato dal buon livello di suspance che deriva dal ritmo della storia nella ricerca della fantomatica nona illuminazione. L'idea di fondo è quindi buona, ma è il dispiegarsi della narrazione che spesso inciampa. Ciò capita quando la coincidenza di turno è proprio quella "veramente giusta" o quando lo svolgersi degli eventi è troppo prevedibile. In qualche passaggio mi è addirittura sembrato di essere alle prese con la lettura di un romanzetto per ragazzi. Purtroppo anche il finale non mi è apparso all'altezza del po' di buono che c'e' nel libro. La conclusione del romanzo è un volo di fantasia che ha il sapore di un sogno adolescenziale. In esso, la ricerca avventurosa che ha trainato tutto il romanzo perde di consistenza dissolvendosi in una visione del futuro dell'umanità' che ricorda i romanzi di fantascienza dell'inizio del secolo scorso. Inoltre, e forse questo poteva essere evitato perché non aggiunge nulla al romanzo, l'autore usa sapientemente le ultime righe per aprire uno spiraglio, o meglio uno squarcio, verso un inevitabile seguito alla sua opera prima.
Nella lettura di questo testo divenuto di culto per il popolo New Age, ho notato un altro punto che mi sembra importante. Nel suo romanzo Redfield sembra adattare certi argomenti della nostra esistenza ad una visione spirituale attraverso una loro estrema semplificazione concettuale. Come esempio cito la teoria dei "drammi", cioè dei comportamenti di ciascun individuo per "l'approvvigionamento" di energia spirituale. Infatti, secondo il Manoscritto, gli esseri umani sono in competizione per soddisfare il loro bisogno di energia e il loro comportamento nei confronti degli altri rispecchia la specifica modalità, maturata nel rapporto con i genitori, con cui essi riescono a soddisfare questa necessità. Questa teoria mi ha fatto pensare ad una rielaborazione semplificata dei contenuti di un manuale di psicoterapia. In particolare, è come se la teoria del Manoscritto derivasse da una semplificazione dei principali copioni di comportamento dell'individuo e da un'ipersemplifacazione delle loro origini all'interno della famiglia.

Per completare il quadro vorrei dare una rapida occhiata alla tecnica: la scrittura di Redfield (o la sua traduzione in Italiano) non è purtroppo delle migliori e non aiuta a superare certe debolezze della trama. Mi riferisco, per esempio, a passaggi descrittivi che sono "ruvidissimi" e suonano come forzature o a passaggi quali quello in cui "un cattivo" arriva ad "imbracciare una pistola" (pag. 107) o a frasi quali (pag. 109): "A un certo punto mi accorsi che il sole tramontava ad ovest." (!)
Se infine, vogliamo spostare brevemente l'attenzione sul messaggio spirituale de "La profezia di Celestino", bisogna affermare che esso nel romanzo ha una ben precisa collocazione temporale che oggi a dieci anni dalla pubblicazione della prima edizione (tra l'altro ammirevolmente edita a spese dall'autore) perde la sua attualità. Le previste rivoluzioni non sono accadute, anzi, a guardarci bene intorno, la consapevolezza e l'illuminazione che avrebbero dovuto estendersi a macchia d'olio sul nostro pianeta sono saldamente soppiantate dalla forza schiacciante degli interessi economici e dalle velleità guerrafondaie di qualche potente. Anche se il messaggio di fondo sulla nostra spiritualità rimane sempre valido e se le considerazioni di Redfield sulla natura e sul nostro modo di porci verso di essa e verso gli altri sono ancora attuali, la forza della speranza che questo libro poteva infondere dieci anni fa, oggi si è purtroppo gravemente indebolita.


L'incipit

Mi Fermai davanti al ristorante e parcheggiai, appoggiandomi un attimo al sedile per pensare. Charlene mi aspettava già dentro, voleva parlarmi. Ma perché? Non la sentivo da sei anni: chissà per quale motivo si era fatta viva proprio una settimana dopo che mi ero ritirato a vita solitaria nei boschi. Uscii dal furgone e mi avviai verso il ristorante. Alle mie spalle l'orizzonte inghiottiva gli ultimi bagliori del tramonto e lame di luce color rame attraversavano il parcheggio bagnato. Soltanto un'ora prima un breve temporale aveva inzuppato ogni cosa, rinfrescando la serata estiva che la luce morente del crepuscolo rendeva quasi irreale. In cielo era intanto comparsa la luna. ...

Claudio Palmieri, Febbraio 2003
claupalm@yahoo.it



Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali