Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [20/04/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Concorso Letterario Thriller Café scadenza 2024-04-28    Premio Drammaturgico Carlo Annoni scadenza 2024-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietà più famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

I divoratori
di Annie Vivanti


Milano, 1943 (I ed. 1910)

I divoratori sono quei figli, specialmente se geniali, che "divorano" forze ed ambizioni di quei genitori (in particolare, ma non necessariamente, madri) che tanto hanno fatto perché i figli possano realizzare i loro sogni, sogni che divengono per simbiosi quelli dei genitori stessi.
Questa la tesi, presentata subito in modo prepotente, con l'immagine di un neonato che ha fame, che apre e chiude circolarmente il racconto, e che riappare sommessamente più volte. Dalla tesi si dipana il filo delle vicende della vita di Valeria e di Nancy, sua figlia, giovane poetessa, presentata ancora giovanissima alla regina "col nome di un fiore", in cui si riconosce parzialmente la stessa Vivanti, presentata alla regina Margherita nel 1890.
Valeria é divorata da Nancy, fino a perdere la vita per lei, quella figlia che ella ha avuto dal matrimonio con l'inglese Tom, morto troppo presto di tubercolosi, e sepolto sul mare di Nervi. Nancy prende il nome di una sorella morta di Tom, in cui il nonno crede di riconoscerla.
In realtà il romanzo é molto più corale: un gran numero di temi sono fatti interagire efficacemente, primo tra tutti le differenze culturali tra gli inglesi e gli italiani e tra gli italiani stessi. Nancy finisce infatti per sposare un napoletano, Aldo, combattuto tra la tentazione del gioco, del "lavoro senza lavoro", e la mentalità del nonno, commerciante in via Chiaia. La prima parte del romanzo é anche dominata dal paesaggio dell'Hertfordshire e dalla maledizione della tubercolosi, che non risparmia nessuno dei fratelli di Tom, nemmeno la dolce Edith, amica d'infanzia, e quasi sorella più grande, di Nancy, che finisce i suoi giorni a Davos, ballando fino a stordirsi nell'approssimarsi della morte. E Nancy si dimenticherà di Edith, come la figlia di Nancy, Anne-Marie, si dimenticherà poi di tutto quel che non concerne la sua carriera, in questo caso di musicista, e che la porterà in giro per il mondo, fino ad avere un figlio a sua volta, una creaturina che si approprierà della sua musica e dei suoi sogni.
Crudeltà della vita, in certo senso, però riscattata dallo stile asciutto e nervoso della prosa dell'autrice, che fonde nel romanzo una serie di ritratti, molto umani ed a volte umoristici, dello zio milanese di Valeria, del cugino Nino, innamorato di Valeria da sempre, e sacrificato, divorato anch'esso da tutte le vicende della vita, e nemmeno della propria, ma da tutto lo svolgersi delle vicende di Nancy.
Nancy, che vive per il suo libro, il libro che dopo la piccola opera giovanile la consacrerebbe, e che per tutta la vita vaga incompiuto per cassetti, bauli, seguendo Nancy per tutti i luoghi dove ella passa, senza che ella mai, per un'altra maledizione che si intreccia con la sua storia, possa trovare il tempo e la ferma intenzione di portarlo a termine. Similmente, Anne-Marie, in cui l'intelligenza della madre sembra cedere a dei tocchi di persistente capricciosità infantile, vivrà per il suo violino, cercando anche, con l'aiuto di Nancy e della governante tedesca Fraülein Müller, di resistere alla tentazione degli impresari di appropriarsi della sua giovinezza, mentre Aldo si defila, non senza vigliaccheria, sullo sfondo, e viene crudelmente sbeffeggiato dalla figlia al suo effimero ritorno.
C'é poi tutto il discorso del femminismo di Annie Vivanti, che cerca, con interessanti esiti, di sciogliere la tesi (i divorati sono o le donne, e quegli uomini che sono più sensibili e migliori, quindi più femminili, in certo senso) in un racconto di ampio respiro. In realtà, si capisce in seguito, ciò che divora non é l'individuo, ma una certa cultura, e la maledizione inizia a gravare su Valeria quando decide, con una frase quasi scherzosa, che la neonata Nancy, che ancora non aveva nome, sarebbe stata un genio. Questa diventa la misura di tutte le azioni, e la fucina di tutte le infelicità familiari, ben riassunte nel personaggio di Aldo che, inetto alla vita, capisce che per tenere moglie e figlia, dovrà guadagnare una crescente quantità di denaro, e si adopera in modo buffo e scostante a questo falso scopo, fino a "uscire dal racconto". Le tre donne protagoniste, e specialmente Valeria e Nancy, senz'altro avanti coi tempi, cercano di uscire dalla vita "oscura" cui credono di essere destinate, con l'ossessione della fama, fino all'approdo, desiderato e temuto, della maternità. La morte di Valeria é il culmine ideale del romanzo, pur nel topos tardo-ottocentesco dell'investimento della carrozza, quando le immagini diffuse che si spargono sul letto di ospedale su Valeria morente segnano di vivido e commovente impressionismo il racconto. Tali pagine vanno accostate a quelle della morte del nonno, che si confonde fino a spegnersi nel respiro della sua amata campagna. Il tocco impressionistico vuole anche confondersi con l'afflato multiculturale ante-litteram del romanzo, che é profondamente sentito, e non ha mai nulla di oleografico. Il tutto é adeguatamente bilanciato dalla componente umoristica, che trova il suo apice nel brano dove sono descritti i Musicisti Veri, che nella snobistica tradizione milanese rappresentano i limiti "invalicabili", e perciò derisi, che una giovane donna, che voglia far musica, come Anne Marie, non può superare.
I limiti: quegli stessi che l'autrice trovò quando, piegandosi alla morale borghese del tempo, si sposò e rinunciò alla letteratura, salvo poi a tornarvi in vecchiaia, quando la leggenda (o era realtà?) della giovane poetessa bionda che accompagnò l'ormai anziano Carducci dalla "regina con il nome di un fiore", era ormai svanita.

A cura di Carlo Santulli


VISITE: 6.005

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali