Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio ľ 11 Giugno (23/05/2023)    [18/05/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Oceano di Carta scadenza 2024-05-20    CittÓ di Cava deĺ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    LA CITT└ CHE LEGGE - Maratona di Lettura (EVENTO 2024-05-20)    Io, Vincent Van Gogh - Presentazione del nuovo libri di Corrado D'Elia (PRESENTAZIONE 2024-05-22)    URI CAINE Trio featuring BARBARA WALKER - Unica data della Lombardia (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-05-18)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciri˛lo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marc˛ni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirÓ che Ŕ tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciri˛lo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo Lˇpez     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco ů la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     R÷kFl÷te (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Seconda B
di Patrizio Pacioni
Pubblicato su SITO


Anno 2009- Melino Nerella Edizioni
Prezzo € 10- 192pp.
ISBN 9788896311028

Una recensione di Simonetta De Bartolo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8236
Media 80.35%



 Seconda B

Se “Essemmesse” e “Malinconico Leprechaun”, rispettivamente prima e seconda avventura del commissario Cardona, hanno costituito due genuini e gustosi antipasti, “Seconda B”, nuova uscita in libreria di Patrizio Pacioni, costituisce senza ombra di dubbio un sostanzioso piatto forte. Già a partire dalle prime righe del prologo il lettore è calato a forza in un “mondo liquido partorito dal sogno” che a me personalmente ha molto ricordato la forza di dirompente coinvolgimento esercitata dal primo capitolo di “Cadaveri senza volto” di Rubert Corbin: in entrambi i casi (e per tutta la durata della narrazione) si avverte infatti “la sensazione di stare vivendo l’incubo di qualcun altro”. Avviluppato dunque, fin da subito, in una ragnatela di emozioni, il lettore, pur comprensibilmente timoroso di inoltrarsi nel groviglio spaventoso di una trama che non lascia respiro, è sapientemente indotto a desiderare di raggiungere al più presto, pur di sciogliere una tensione che, pagina dopo pagina si fa sempre più insopportabile, il drammatico climax finale. Il vortice ansiogeno dello scorrere delle vicende è sostenuto da una struttura enfatica che si sviluppa in senso verticale verso apici emozionali sempre più intensi e, in un tale quadro, la tragedia che si svolge all’interno e all’esterno della scuola elementare Sandro Pertini appare attraversata da una consapevole aritmia narrativa. Quando l’incalzare degli avvenimenti lo richiede, infatti, la scrittura si fa quasi sincopata, sia mediante l’accorgimento tecnico della snella articolazione dei capitoli, sia attraverso la caratterizzazione essenziale e quasi stilizzata dei personaggi (giornalisti che si fanno concorrenza per sfruttare lo scoop, magistrati indecisi, politici ambiziosi quanto corrotti, delinquenti di bassa lega pronti ad approfittare della confusione, semplici cittadini colti nelle proprie miserie). Quando al contrario il “respiro” si allarga richiedendo una prospettiva più meditata, il ritmo rallenta, fiume impetuoso che si allarga, placandosi, in un’ansa più tranquilla, fatta di vicende di contorno “a macchia di leopardo” , di atmosfere oniriche, dell’indifferente fluire della vita di ogni giorno in una piccola sonnolenta cittadina. Rimangono, sempre e comunque, “brevi ma intensissimi bagliori”, tra i quali emergono, con la forza della suggestione letteraria spine aguzze di rovo: numeri che un bambino in pericolo di vita elenca come se stesse snocciolando un disperato Rosario, disegni sanguinosi che un tossico invasato incide sulla propria pelle… Insomma, nel complesso si tratta di un romanzo che, pur rappresentando un valido esempio di thrilling corale (“Un film che poi regolarmente qualcuno proietta nella grande sala della realtà, quasi sempre un film di paura”), non risparmia momenti di profonda analisi introspettiva: a questo proposito indimenticabile la figura lacerata di Carmen, mamma di uno dei piccoli protagonisti dell’assurda tragedia che colpisce al cuore Monteselva. E che in “Seconda B” ci venga fornita l’ennesima dimostrazione, semmai se ne avvertisse il bisogno, che ricerca intimistica e avventura non sono percorsi inconciliabili anche all’interno della stessa opera, non rappresenta certo una sorpresa: non dimentichiamo che la bella penna che ha scritto “Seconda B” è la stessa che tanto efficace e incisiva si è dimostrata in romanzi pieni di pathos come “Un lungo addio” (opera d’esordio dello scrittore romano nel 1997 che affronta lo scottante tema dell’incesto) e “Mater” (storia tutta al femminile edita nel 2004). Ambienti, situazioni, personaggi emblematici, chi più, chi meno, sono curati dal punto di vista psicologico (in ambito scolastico anche a livello pedagogico) in modo eccellente, con naturalezza e verosimiglianza. Alcuni dei protagonisti, sia principali che secondari, escono scolpiti a tutto tondo dalle pagine del romanzo. Prima tra tutti l’allucinata Eva Antonini, la maestra della “Seconda B” (la cui personalità e il cui comportamento ci fanno pensare ad Edgler Foreman Vess, il folle omicida, che, in Intensity di Dean Koontz, tiene prigioniera in cantina una bambina). Il suo è un metodo d’insegnamento un po’ all’antica (“Alternare gentilezza e rigore è il modo migliore per tenerli sempre sulla corda”), mentre una voce pregna di inquietante maternità le risuona nella “mente avariata” e la perseguita, amplificando a dismisura l’effetto negativo degli influssi ambientali, cui non si sottraggono neanche i bambini. Per esempio il figlio del commissario che, molto più dei compagni, i quali si credono ostaggi di chissà quale commando di terroristi, “conosce quale sia la differenza che passa tra la finzione e la realtà… larga e profonda quanto può esserlo il mare.” Incredibilmente suggestiva la figura di Raul, un visionario ribelle asservito irreversibilmente alla droga (“Non c’è un vero Dio nel suo universo allucinato e distorto”, bensì “un’entità malvagia che gode dei dolori del mondo”), oppure l’attempato don Piero, che supplisce a un’inclinazione conservatrice e retrograda con la sana energia, prettamente contadina, del buon senso (incisive le immagini evocate dalla sua arguta definizione dei peccati “a lunga conservazione” e dalla concezione del sensus culpae.) La scrittura, priva di artificiosità, scorrevole e omogenea, favorisce, senza dubbio, l’equilibrio tra l’action incalzante e dialoghi che sprizzano energia da tutti i pori. Monteselva, immaginaria cittadina in provincia di Piacenza (cui tra l’altro è dedicato un sorprendente e fantasiosissimo blog), appare, con le parole di Patrizio Pacioni, “il cuore e i polmoni di un unico organismo vivente, che di fronte alla minaccia che incombe sulla propria progenie, prima si ferma attonito, poi si commuove, infine si dibatte, ruggendo minaccioso”. I rapporti sociali, la semplicità dei costumi, il chiacchierio, il vociferare e lo scambio di pettegolezzi che serpeggia tra la gente e nelle strade, prima e durante la tragedia, coinvolgono il lettore fino a trasformarlo anch’esso in uno degli abitanti, facendolo sentire protagonista tra i protagonisti. Per questo tutto, ogni più piccolo dettaglio, ogni seppur minima variazione dei toni di voce viene colta con immediatezza al pari dei muti soliloqui, e ci riportano nella mitica Via del Corno della Firenze di “Cronache di poveri amanti” di Vasco Pratolini. E poi ancora e sempre i bambini (“Anime ancora candide fragili, così facili da spezzare…” pensa la maestra Antonini, “…un po’ come i gatti, possiedono un istinto che gli permette di avvertire il pericolo molto prima degli adulti”) fragili come le figurine con cui giocano, ma al tempo stesso capaci di resistere con sorprendente energia al terribile shock. Infine lui, Leonardo Cardona, davvero e più che mai “Leone”, simile in modo singolare, nell’occasione, a uno degli Uomini Specchio de “L’eterna notte dei Bosconero” di Flavio Santi. La missione solitaria che l’Autore gli carica sulle spalle, estrema e disperata carta da giocare nel tentativo di salvare il proprio figlio, ci riporta all’eccellenza di quella svolta da Cyna, ancora nel già citato Intensity di Dean Koontz. Inoltre, proprio come nelle mie più segrete speranze, in questo nuovo romanzo della saga di Monteselva viene finalmente svelato qualche intrigante particolare in più sulla “affettuosa amicizia” che lega il rude poliziotto alla bella e affermata cronista di Tele Radio Farnese, l’affascinante e sensuale Diana De Rossi. Al di là del vortice del tragico evento che si abbatte sulla “seconda B”, al di fuori e al di sopra della follia della “signora maestra”, come una marea sale e tracima l’ansia dei genitori degli scolari, capaci di resistere a lungo, come accennato qualche riga più addietro, prima di cedere, comprensibilmente, al più disperato dei panici. Resta calmo e gelido il carnefice, mentre le sue prede interiorizzano un presagio di morte. Ancora Koontz, e il paragone tiene perfettamente. Chiuso il libro, mentre nel sangue va lentamente pacandosi il flusso dell’adrenalina, cresce la consapevolezza del messaggio che l’Autore riesce a far passare, capitolo dopo capitolo: un amaro esame socio-psicologico di una società in progressivo degrado (intesa come complesso e strutturato intreccio tra scuola, famiglia, lavoro e politica) di cui suo malgrado ogni essere umano è parte integrante, nella quale Patrizio Pacioni affonda le mani senza però restarne contaminato. È forse lui “L’estraneo” di Lovercraft che, dopo aver spaventato a morte tutti, allunga le dita verso “la fredda e dura superficie di uno specchio”.


Una recensione di Simonetta De Bartolo



Recensioni ed articoli relativi a Patrizio Pacioni

(0) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(1) Seconda B di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(2) Essemmesse di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(3) Malinconico Leprechaun di Patrizio Pacioni - RECENSIONE

Testi di Patrizio Pacioni pubblicati su Progetto Babele

(1) Lui, Saddam di Patrizio Pacioni - RACCONTO

Recensioni ed articoli relativi a Simonetta De Bartolo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Simonetta De Bartolo

(1) Bestie di Sandrone Dazieri - RECENSIONE
(2) L' uomo nel quadro di Susan Hill - RECENSIONE
(3) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(4) Il divoratore di anime di Massimiliano Bernardi - RECENSIONE
(5) Le rose si vendicano due volte di Leonard Morava - RECENSIONE
(6) I sassi di Sacha Naspini - RECENSIONE
(7) Essemmesse di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(8) Malinconico Leprechaun di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(9) Laurent di Emanuele Palmieri - RECENSIONE
(10) Mangiami di AA.VV. - RECENSIONE
>>Continua (click here)

Altre recensioni:




-

dal 2009-04-03
VISITE: 17.041


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali