Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [24/05/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    JAZZINSIEME 2024 PORDENONE SI TINGE DI JAZZ - JAZZINSIEME 2024 Dal 23 Maggio al 2 Giugno il centro di Pordenone, special guest l'inedito trio Calderazzo, Patitucci, Weckl (EVENTO 2024-06-02)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il nome di Abel
di Andrea Meli
Pubblicato su SITO





Una recensione di Massimo Crispi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 420
Media 79.55%



Il nome di Abel

Il nome di Abel (ma sarebbe Abél, essendo un nome spagnolo) è l’invocazione che la figlia Giulia dovrebbe urlare per evocarne lo spirito. Gli oggetti a lui appartenuti dovrebbero liberare le larve dei pensieri, dell’anima di Abél, come dei lumaconi che rivelassero i suoi segreti. Perché la vita di Abél è un segreto che non si può svelare. Alla sua morte, la moglie Adele caccia tutto ciò che gli appartiene in uno scatolone e lo butta nella cantina della madre: mai e poi mai Giulia dovrà vedere gli oggetti del padre. Ma Adele non elimina i ricordi, semplicemente cambia loro posto, probabilmente ci sarà un momento nella vita futura in cui quel passato dovrà essere riscoperto, ma sicuramente non da lei. Lei col passato chiude sempre, e passa sopra le persone, senza pietà.

Ma perché, cos’ha fatto Abél di così grave? Abél, della cui vita si sa pochissimo all’inizio, ma che si va scoprendo a poco a poco mettendo insieme vari frammenti, è il grande assente-presente del romanzo di Andrea Meli, edito da Augh! nel 2021. Lui c’è sempre, anche quando non c’è, ossia per tutto il romanzo. Intanto per via della trattoria di Ballarò che è il luogo dove continuano a lavorare Adele e Giulia e che appartenne ad Abél. Tutti parlano di lui, soprattutto Giulia, che ha un lontano ricordo del padre. Uno dei ricordi più tragici è una cicatrice in seguito a un pugno sull’occhio che Abél le diede in un momento fuori controllo. Ma quell’Abél violento con la sua amata piccina non era lui, era l’Abél che stava sviluppando un terribile e fulminante tumore al cervello, che lo aveva completamente trasformato e che lo avrebbe portato alla morte in brevissimo tempo. Però, da quel momento tremendo, Adele volle proteggere la bambina. Nonostante quest’oblio forzato, il fantasma di Abél, insieme a quello di una “dama bianca”, sembra aleggiare sempre intorno alle persone che gli sono state vicino quand’era in vita e questi spettri popolano i sogni di chi è rimasto.

Giulia diventa grande e inizia a chiedere in famiglia notizie del padre. Adele nega qualsiasi aiuto mentre la nonna, che vive a Palermo, e soprattutto gli zii, che vivono a Firenze, le raccontano qualcosa. Però non sanno assolutamente nulla di ciò che è accaduto a Madrid, perché bisogna partire da lì, è a Madrid che è successo qualche cosa di strano e inafferrabile che viene evocato in tre lettere, in fotografie enigmatiche, anche quelle finite nello scatolone che poi viene svelato a Giulia. Tre lettere misteriose, in spagnolo, in cui emergono due personaggi che devono essere stati fondamentali nella vita di Abél, Pol e Blanca. E da lì tutte le ipotesi sono possibili, il tempo si mescola, i fantasmi del passato affollano i sogni di Giulia, fortemente decisa ad andare fino in fondo per saperne di più, fino a Madrid, a incontrare i protagonisti, qualora ci fossero ancora, e quindi capire chi fosse questo padre che tutti vogliono tenerle nascosto, forse più per proteggere sé stessi che lei. Il tempo, che viene annientato dalla demenza senile del nonno Attilio e poi forse anche della nonna Dea, i nonni materni, dimensione dove non esiste più il tempo e quindi non esiste più nulla.

Il vero protagonista del romanzo di Meli è il tempo, appunto. Il passato, il presente, il futuro, i loro frammenti si combinano in disordine nell’immaginazione di Giulia e di Ale, il cuoco della trattoria, suo amico-fidanzato, che la stimola per la ricerca e le dice di mettere su carta i suoi pensieri per fare chiarezza. Il tempo, nella narrazione, è quasi una categoria nuova, non cronologica, si muove in tutte le direzioni, segue il flusso dei pensieri dei personaggi e a volte non è semplice seguirli. Il tempo è anche il mezzo utilizzato da Meli per rovesciare la realtà, i rapporti tra i personaggi, la loro percezione del mondo e anche quella del lettore. Il tempo unisce e separa le generazioni, che a volte hanno difficoltà a comunicare, chiuse in visioni impenetrabili o apparentemente invulnerabili, ma le cui ferite, che il dolore ha inferto ai corpi e alle menti, diventano le porte per potervi accedere inaspettatamente. Il passato franchista del periodo spagnolo di Abél, che i giovani di oggi ignorano totalmente, ha un ruolo ben preciso nella vicenda e Giulia inizia a istruirsi, per capire come abbia influito nella fuga di Abél dal suo padre Francisco, franchista convinto, per farsi in qualche modo adottare, scegliendo come padre lo zio Javier, il fratello di Francisco, fuggito a Firenze colla madre anni prima.

L’intreccio è semplice e complesso allo stesso momento, sullo sfondo di una Palermo appena accennata, dove non c’è una concretezza che la caratterizzi, così come anche Firenze è solo una scenografia scolorita. Madrid, al contrario, diventa una scenografia decisiva e ben descritta, soprattutto nella parte finale del romanzo.

I deliri psicologici di tutti i personaggi, persi ognuno dietro le proprie paranoie, s’incrociano, si nutrono l’uno dell’altro, e si abbeverano dell’angoscia, dell’ansia, altra protagonista del romanzo insieme al tempo.

C’è una colonna sonora perpetua, nel romanzo, ed è quella della tromba di Chet Baker, artista proibitissimo nella Spagna franchista, che folgorò prima Blanca, poi Pol e Abél, e che si trascina anche in Italia, attraverso i luoghi lucchesi dove Baker fu imprigionato e che diventano quasi un santuario di pellegrinaggio per Abél, una volta giunto in Italia. E il dolore di Baker, le sue strazianti melodie che lo hanno reso così famoso, è il dolore che permea Abél, come scoprirà Giulia, anche dai racconti dello zio Javier. Dolore che si trasferisce in una tromba comprata da Abél e mai davvero studiata, ma che diventa un feticcio che si passerà di mano in mano, così come le fotografie e le lettere. La catabasi di Giulia a Madrid è piena di ostacoli e fraintendimenti ma lei la porterà fino in fondo, capendo così che significano le frasi di una delle lettere misteriose: “Vuoi compararlo a ciò che hanno fatto a Blanca?” e “Non tutti gli uomini vincono. Qualche uomo muore prima del previsto”.

Unico neo dell’edizione: carattere troppo piccolo e interlinea al risparmio, che non facilitano la lettura. Andare fino in fondo significa che il libro è piaciuto ma è bene far sapere all’editore che vegli sui grafici. Qualche pagina in più non spaventa il lettore, che va rispettato. È molto importante per una casa editrice giovane e con buone pubblicazioni.


Una recensione di Massimo Crispi



Recensioni ed articoli relativi a Andrea Meli

(0) Il nome di Abel di Andrea Meli - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Massimo Crispi

Nessun record trovato

Altre recensioni di Massimo Crispi

(1) Sebastian di Cesare Picco - RECENSIONE
(2) Una musica costante di Vikram Seth - RECENSIONE

Altre recensioni:




-

dal 2021-10-10
VISITE: 1.300


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali