Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [19/05/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Oceano di Carta scadenza 2024-05-20    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    LA CITTÀ CHE LEGGE - Maratona di Lettura (EVENTO 2024-05-20)    JAZZINSIEME 2024 PORDENONE SI TINGE DI JAZZ - JAZZINSIEME 2024 Dal 23 Maggio al 2 Giugno il centro di Pordenone, special guest l'inedito trio Calderazzo, Patitucci, Weckl (EVENTO 2024-06-02)    Io, Vincent Van Gogh - Presentazione del nuovo libri di Corrado D'Elia (PRESENTAZIONE 2024-05-22)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
19 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
6 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Storia di un lombrico umano irriverente e istrionico
di Massimo Temperini
Pubblicato su SITO


Anno 2023- Luoghi interiori
Prezzo € 13,00- 99pp.
ISBN 9788868644178

Una recensione di Riccardo Renzi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 489
Media 79.04%



 Storia di un lombrico umano irriverente e istrionico

Nota critica a un libro d’altri tempi, Pipò. Storia di un lombrico umano irriverente e istrionico, di M. Temperini

Il presente lavoro sorge, almeno in origine, come una recensione del volume del prof. Massimo Temperini[1], Pipò. Storia di un lombrico umano irriverente e istrionico[2], edito da LuoghInteriori nel 2023, ma sia per la grandezza della scrittura del Temperini, sia per i temi trattati, si è ritenuto opportuno optare per una Nota critica che potesse al meglio contenere un’adeguata analisi dell’opera. 

Temperini, in un agile volumetto di meno di cento pagine, ripercorre l’eroica vita del padre, Pipò, fatta di fatica, sudore e sacrificio. Fin dalle primissime righe si riscontra un richiamo al Verga de I Malavoglia[3], e volendo andare al di fuori del panorama letterario nazionale, per quanto concerne il ritmo della narrazione, forte risulta essere l’ammiccamento al Màrquez di Cent'anni di solitudine[4]. Le realtà narrate dal Temperini sono quelli appartenenti a un mondo ormai non più esistente, dove la vita, quella contadina, era scandita dal ritmo delle stagioni «Esse delineavano confini precisi tra il dare e l’avere e per secoli erano state la clessidra vitale del contadino»[5]. Questo è un mondo ormai sommerso, completamente inglobato dall’industrializzazione e dalla globalizzazione, che si può ricostruire solo attraverso la memoria di pochi anziani. Il lavoro dell’autore origina proprio dalla ricostruzione della memoria del padre, Pipò, un contadino di altri tempi, ribelle, estroso e segnato dalla malformazione fisica. Egli però aveva sempre aborrito i lenti ritmi della vita contadina ed era alla continua ricerca di un’occasione di riscatto, «In paese si aveva bisogno di manodopera. I nuovi edifici poggiavano su palificazioni scavate a mano: ecco allora profilarsi la possibilità di farsi notare»[6]. È proprio da questo episodio che prende le fila la metamorfosi dell’uomo Pipò in “lombrico umano”, dalla quale deriva anche il titolo dell’opera. La fatica disumana fatta da quest’uomo nell’atto di scavare a mani nude la dura terra, è intuibile dal passo successivo, che è opportuno riportare nella sua interezza: «Tra l’umida terra, come un lombrico, si scivolava in profondità. Il respiro diventava affannoso e le reni erano ricoperte di melma. In quell’asfittico spazio, l’aria a dodici e fino a quindici metri di profondità, arrivava a fiotti e occorreva mantenere un ritmo convulso fatto di movimenti rabbiosi che con le corte gambe lui riusciva a imprimere alla pala ricurva»[7]. Temperini in tutto il testo riesce, con gran successo, ad imporre un ritmo e una musicalità delle parole costanti, che incollano il lettore alle rocambolesche vicende della vita di Pipò, dalla vita contadina, all’incidente causato dalla “maledizione della bionda badessa”, sino al tanto agognato riscatto sociale. Assieme alla vita del padre, l’autore, ci narra le vicende legate a un mondo che in quegli anni[8] stava mutando rapidamente. È proprio in questi anni che si va a cambiare profondamente il paesaggio rurale, quello di piccoli borghi, che vengono spesso demoliti senza alcun criterio, per fare spazio alle moderne abitazioni in cemento armato, come nel caso del Torchiaro[9]. L’Italia narrata da Temperini, in particolare nella prima parte del volume, è la medesima di quella raccontata nelle denunce sociali anti capitalistiche di Pasolini. Con un complesso lavoro di immedesimazione, l’autore, attraverso gli occhi del padre fa rivivere al lettore tutto quel mondo, fatto di tradizioni, religiosità, rapporti famigliari[10] e fatica, tanta tanta fatica.

A partire dal V capitolo, i richiami a di Cent'anni di solitudine si fanno sempre più forti, è proprio qui che si inizia a ricostruire la storia del piccolo Pipò e del borghetto dei “casanaolanti”[11] in Contrada San Girolamo[12]. In questo luogo al di fuori del tempo, è ambientata la storia di persone imbevute di miseria, ma ricche di inventiva e speranza, che da nullatenenti si fanno abili mercanti. Pipò, oltre alla miseria, fin da piccolo dovette sopportare il su stato di malformato, ma questo non lo frenò mai. Egli non si arrese mai e combatté per tutta la vita come un leone, «odiava quel piangersi addosso da donnicciole che scrollavano le spalle e pronunciavano la formula magica sunpo’  si riavviavano al lavoro a testa bassa più sottomesse di prima»[13]. 

Non voglio però anticipare al lettore ulteriori informazioni, poiché questo è un libro che va letto, assaporato e saggiato sino in fondo e che nella degradazione dell’editori d’oggi, costituisce una vera e propria rarità, è un libro d’altri tempi che narra un mondo ormai scomparso. Buona lettura!


Note:  
[1] Massimo Temperini si laurea nel 1979 alla facoltà di Architettura dell'Università di Firenze.
Nel 1986 è vincitore di cattedra per l’insegnamento di Storia dell’Arte che impartisce nel Liceo Classico tranne un breve periodo (1991/96) all'Istituto d'Arte di Fermo dove è fondatore e Direttore di Laboratorio nel corso di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali. Nello stesso lasso di tempo Fonda una società che si occupa di Catalogazione Informatica e Multimedia e ottiene una menzione speciale a Media Save Art '91 rassegna internazionale tenutasi a Roma. Pubblica come co-autore Progetto software per la fruizione multimediale di opere d'arte negli atti di DIDAMATICA '91, Università degli Studi di Bologna. Nel 1998 pubblica, come ideatore, regista e autore dei testi, il CD-ROM Botticelli: mito, fede e natura, edito da Jaca Book e L'immagine esemplare, approfondimento filologico-scientifico sul «Polittico di Porto San Giorgio» di Vittore Crivelli. Scrive e pubblica di storia e arte locale. Nel 2011 cura il volume La Cavalcata dell’Assunta e la Città di Fermo, Storia- Arte- Ritualità- Araldica. Oltre all’ininterrotta attività professionale è continuamente impegnato in progetti di Formazione Regionale attinenti i settori storico-artistici e professionali-artigianali. Dal 2004 al 2008 è docente a contratto all’Università di Macerata nel Corso di Studi in «Mestieri dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo», dipartimento di Filosofia. Dal 2015 ricopre il ruolo di Presidente della Società Dante Alighieri Comitato di Fermo, celebrando il 130° anno di vita del sodalizio con una imminente pubblicazione.
[2] M. Temperini, Pipò. Storia di un lombrico umano irriverente e istrionico, Città di Castello, LuoghInteriori, 2023.
[3] G. Verga, I Malavoglia, introduzione e note di Nicola Merola, Milano, Garzanti, 1989.
[4] G. G. Marquez, Cent'anni di solitudine, Milano, Mondadori, 1996.
[5] M. Temperini, Pipò., cit., p. 7.
[6] M. Temperini, Pipò., cit., p. 8.
[7] Ibidem.
[8] Si parla degli anni cinquanta del Novecento.
[9] È un piccolo agglomerato urbano della provincia di Fermo, divenuto a partire dal 1860 frazione di Ponzano di Fermo. Il nome, di origine longobarda, richiama il concetto di unità di distribuzione di prodotti agricoli. Torchiaro nel 1300 era uno dei castelli di Fermo. Il Castrum Torchiarii era di piccole dimensioni. La parte più antica del XIV sec. è ancora documentata da un porta a sesto acuto, con rifacimenti ancora visibili del secolo successivo. Nel 1833, con la suddivisione territoriale dell'epoca, divenne comune appodiato della Comunità di Ponzano. Nel 1860, con l'Unità d'Italia, ebbe titolo di frazione del comune di Ponzano di Fermo. A Monterubbiano è conservato un atto di transazione per la determinazione dei confini tra questo Comune e il Torchiaro, risalente al 1763.
[10] In particolar modo nel IV capitolo l’autore ricostruisce il rapporto tra il protagonista e il padre.
[11] Sono coloro che vanno in affitto.
[12] Contrada periferica del comune di Fermo.
[13] M. Temperini, Pipò., cit., p. 43.


Una recensione di Riccardo Renzi



Recensioni ed articoli relativi a Massimo Temperini

(0) Storia di un lombrico umano irriverente e istrionico di Massimo Temperini - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Riccardo Renzi

(0) On the road: per una fuga dalla realtà a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO

Altre recensioni di Riccardo Renzi

(1) Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia - RECENSIONE

Altre recensioni:




-

dal 2023-05-07
VISITE: 1.035


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali