Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [22/07/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Sulla stessa barca: l'amore ai tempi del coronavirus scadenza 2024-07-31    Tema “Poesia e ricerca della Pace nel XXI secolo” e tema libero scadenza 2024-07-31    5 edizione Concorso Nzionale scadenza 2024-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Avamposto dell'Inferno
una intervista a ... Fabio Monteduro



Intervista all'autore
a cura di Marco R. Capelli

Caro Fabio, sono lieto di risentirti in occasione dell'uscita di questo tuo secondo libro, per il quale ti auguro un grande successo.
“So chi sei” nasceva da una precisa ispirazione, da un luogo reale trasformato dalla tua fantasia. E' un discorso che può essere applicato anche ad “Avamposto dell'Inferno” o questo secondo romanzo nasce invece da suggestioni differenti e si colloca in un mondo totalmente immaginario?

Grazie degli auguri, fatti da te (che alla fine puoi dire di essere il mio “scopritore”) hanno sicuramente una valenza maggiore.
E’ vero, “So chi sei” è nato da ispirazioni di ordine “architettonico”, vista la reale esistenza del luogo descritto nel romanzo, ma la stessa cosa non si può dire per “Avamposto dell’Inferno” che ha, sì, una sua collocazione geografica, ma di reale, per fortuna, c’è poco questa volta.

Ho notato, e lo noteranno anche i lettori, un progresso costante nel tuo modo di scrivere che si è fatto più maturo e consapevole. Anche le situazioni ed i dialoghi sono più realistici e curati. Una chiara dimostrazione del fatto che a scrivere... si impara scrivendo! Come affronti tu la fatica quotidiana della scrittura? Sei un metodico (come Avoledo, che dedica due ore ogni giorno alla stesura dei suoi romanzi) oppure un istintivo che alterna notti insonni trascorse battendo freneticamente sulla tastiera a lunghi periodi di inattività?

Ancora grazie per i complimenti che mi fai e che spero di meritare. E’ senz’altro vero che scrivere “insegna” a scrivere, ma anche è soprattutto leggere aiuta molto. Poi è normale che scrivendo si affilano le armi, si entra più nella storia, nei personaggi… come dice Stephen King, si migliora la propria cassetta degli attrezzi.
Va detto però che non sono un metodico, nel senso che non scelgo i periodi in cui scrivere. Se dicessi “quando posso e me la sento”, direi una stupidaggine? Una cosa è certa, quando comincio, poi è difficile che mi fermi; entro in una specie di “trans” in cui “vivo” realmente le situazioni, cioè non mi limito a descriverle. In quei momenti, la realtà e la finzione si scambiano di posto…
Quindi, alterno momenti in cui sono completamente rapito dalla storia che sto scrivendo, ad altri in cui la lascio maturare dentro di me.

“Avamposto dell'Inferno” è un romanzo di una certa mole, molto più complesso ed articolato di “So chi sei”. Com'è stato il passaggio dal racconto lungo al romanzo e quali sono state le principali difficoltà che hai dovuto affrontare e superare?

Con sincerità devo dirti che non ho avuto grandi difficoltà e, d’altra parte, “Avamposto dell’Inferno” è nato prima di “So chi sei”, passando vari livelli di revisione e le “forche caudine” della mia collaboratrice più efficiente, quella Sabina Marchesi che anche tu conosci bene e che ormai considero a tutti gli effetti la mia editor.
L’idea di fondo, comunque, è la stessa che ha uno scultore quando ha davanti un blocco di marmo: lui lo sa che lì dentro la statua c’è, deve solo limitarsi a togliere le parti in eccesso. Allo stesso modo credo funzioni la scrittura, soprattutto se è di fantasia. La storia c’è già, va solo cercata e redatta nella maniera giusta, togliendo tutto ciò che appesantisce ed è inutile. I dialoghi, poi, ritengo che siano una componente fondamentale della storia, perché danno realtà alla finzione.

Come già nel libro precedente, alcuni dei personaggi chiave del racconto sono religiosi o comunque legati al mondo della Chiesa Cattolica. E' una pura casualità oppure c'è un motivo specifico?

E’ vero, riconosco che si abbia l’impressione di una mia certa acredine verso alcune figure religiose, ma posso assicurarti che non c’è niente di vero. Insomma, la mia è un’educazione cristiana. Il fatto è che quando parli del Male (quello con la M maiuscola) non puoi esimerti di parlare anche di chi, questo Male, dovrebbe combatterlo. E’ la storia del bianco e nero, della luce e delle tenebre, dell’Yin e del Yang.
Adesso che mi ci fai pensare, anche il mio ultimo romanzo “Anima Nera” (o forse sarebbe meglio dire il mio prossimo romanzo, visto che attualmente è alla valutazione di una casa editrice importante), alla fine ha a che fare con la religione. Forse il vero motivo è che non c’è niente di più spaventoso di qualcosa che dovrebbe proteggerti ed invece ti si rivolta contro. Fa più paura uno psicopatico sconosciuto o il fatto che un tuo parente o amico sia uno psicopatico? Certo, fanno paura tutti e due, ma non è più terribile che il pericolo arrivi da chi dovrebbe esserti amico?

Come introdurresti “Avamposto dell'inferno” ad un potenziale lettore che non conosca i tuoi lavori precedenti?

“Avamposto dell’Inferno” è un romanzo particolare, a mio modo di vedere, di facile lettura (quindi non un mattone da digerire) che si svolge in vari piani temporali, fino a farci capire che dietro ogni comportamento, ogni figura e personaggio, c’è qualcosa e il loro modo di comportarsi ne è sempre conseguenza. Insomma, nulla di sporadico o di inspiegabile. Tutto ha una sua logica, pur nell’irrazionalità della situazione… d’altronde è pur sempre un horror.
Considero “Avamposto dell’Inferno” come una spirale che lentamente si va chiudendo verso l’imprevedibile finale. Un po’ horror, un po’ thriller, un po’ giallo… proprio come piace a me.

Progetti per il futuro?

Come ho già accennato, un mio romanzo “Anima Nera” (che ritengo, spero a ragione, la mia opera migliore, finora) è attualmente “in mano” ad una casa editrice piuttosto importante. Quindi mi auguro che vada in porto questa “collaborazione” e che quest’ultimo romanzo abbia la rilevanza che merita. Ovviamente non mi fermo qui, visto che ho già cominciato un nuovo romanzo. Poi resta in piedi il progetto di un film (o forse sarebbe meglio dire, il sogno) tratto da un mio romanzo o racconto. Sono stato contattato da un gruppo di registi che hanno chiesto qualcosa su cui lavorare… quindi, spero che qualcosa si muova.
Per il resto va detto che ho intenzione di continuare a scrivere, ad inventare, a creare personaggi che siano, come le storie in cui “vivono”, il più possibile credibili e che ci si sempre più gente che si appassioni al mio lavoro.
Chiedo troppo?

Intervista a cura di Marco R. Capelli
per gentile concessione di F.Monteduro


LEGGI LA RECENSIONE DE
"AVAMPOSTO PER L'INFERNO"



VISITE: 3.285
dal 08/12/05

 

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali