Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [23/02/2019] 11 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Daniela Cairoli scadenza 2019-02-23    Lorenzo Da Ponte scadenza 2019-02-28    Storie romantiche Contest scadenza 2019-02-28    Senagalactica, edizione 2019 scadenza 2019-02-28    Un Libro per Tutti (ovvero la scrittura per vivere l'emozioni) scadenza 2019-02-28    OBIETTIVO LIBRO scadenza 2019-02-28    Tu, io e i mondi possibili scadenza 2019-02-28    Concorso Letterario Tempra Edizioni - 2019 scadenza 2019-02-28    «Storie di donne» scadenza 2019-03-01    Con gli occhi del cuore scadenza 2019-03-04    VI ed. Premio Letterario Nazionale Bukowski scadenza 2019-03-09    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
60 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Trentanove e mezzo di febbre
di Luca Palumbo
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3703
Media 80.71 %



E' come se avessi sempre la febbre, una fastidiosissima, irritante, dolorosa febbre. Sapete, quei lunghi e interminabili brividi lungo la schiena, quei frenetici tremori, quella sensibilità elettrizzante che se pure qualcuno ti sfiora appena ti sembra ti sferzino addosso, come scapaccioni a mano rovescia, tutti i venti gelidi di questa fetente terra. E nessuna voglia di muovermi, di parlare, di bestemmiare, di recitare il mio bel rosario di parolacce in dialetto. Solo gemiti strozzati, lamenti alitati nel caldo malato di una coperta azzurra chiazzata di sugo crepato nell'olio fatto da mio nonno, una lurida coperta che mi tiro addosso come se provassi terrore per chissà cosa. Ogni tanto butto giù un sorso di vino per rendere la mia febbre anche un po' malinconica, rituffando il dannato cuore nelle dolorose tachicardie passate: atroci sussulti di un tempo che ritorna ogni qualvolta credi di averlo sepolto per sempre. Poi un inatteso balzo dal capezzale, la coperta vola via fino ad atterrare sul pavimento insozzato dalla mia pigrizia, un vorticoso giramento di testa e penso "tra non molto sarai qui, entrerai da quella porta, la stessa di qualche dolore fa, mi sorriderai come sempre e io guarirò finalmente da questa stramaledetta febbre parlandoti come ho immaginato di fare poco fa sotto il caldo malato di quella coperta azzurra". Ma ecco lo scampanellare imbufalito e incazzoso e io mi fiondo ad aprire la porta, sudato e come impazzito. Eccoti, sei arrivata, hai varcato la soglia della porta d'ingresso con un buffo passo di danza, uno sfizioso sculettìo, accennando un debole e graziosissimo saluto incorniciato da un meraviglioso sorriso magicamente scolpito su quelle sottili labbra che di certo devono avere più sapore del vino più buono. Ti saluto con ritrovata calma, azzardo una carezza tra i tuoi capelli neri con una mano ora meno parkinsoniana del solito; un'altra carezza ai tuoi occhioni splendidi con i miei che sprizzano ebetismo e goffo smarrimento. Ma siediti amore mio, siediti dove ti pare, siediti pure sulla mia schiena, che m'importa? Hai le scarpe sporche? Vuoi uno zerbino? Vuoi che mi spalmi sul pavimento? Dici che non sai dove appoggiare il tuo cappotto? Appendilo su di me, non c'è problema. Ecco, poi penso, ora devo soltanto saper cominciare. Questione di parole giuste, di tatto, di buonsenso, di toni accorti, di gestualità misurata, di due parolacce al minuto anziché cinque, mani tra le mani invece che tra i coglioni sudati. Ti sorrido, ebbro d'amore, e l'ultimo brivido di febbre va via, l'ultima fitta alle gambe scompare. Sei lì in piedi, ti guardi attorno, un po' perplessa. Forse non ti piace l'appartamento? Vuoi che cambi tutto? Butto giù quel muro troppo ingombrante? Vado a rubare un divano più comodo? No, forse stai solo aspettando che io ti parli, vero? Ti guardi attorno come per prendere tempo, giusto? E io ti parlo. Perché no? Ho deciso. "Ehm....vuoi un caffè? o preferisci del vino?". "Caffè, grazie ". Oh, misero me! Che tristezza! Vorrei picchiarmi da solo dinanzi a te per quanto sono stupido. Ma va bene, andiamo a prenderci questo caffè. Prendo dei biscottini farciti di schifo, ti conduco nella mia piccola cucina guardandoti sculettare, prendo la macchinetta del caffè eternamente incrostata, faccio frantumare a terra tre piatti, gli ultimi. E due bicchieri, gli ultimi. E tu ridi sollazzata. Ma si, ridi pure della mia sbadataggine, se vuoi mi metto ad imitare Totò o Troisi pur di farti divertire, o pulcinella, o un cagnolino che non riesce a cacare, oppure mi trasformo in un peluche che rutta appena lo accarezzi, vuoi? Poi il caffè sghignazza sguaiato dalla macchinetta che balla sui fornelli. E' pronto, pare. E davanti alle tazzine fumanti apri la tua deliziosa bocca. Mi parli con insistenza di qualcosa, di qualcuno, di pensieri fissi. E fumando una sigaretta continui a parlare di qualcosa, di qualcuno, di pensieri fissi..... E io, sospirando, ti ascolto con amara attenzione, anzi, forse ascolto solo il suono della tua voce e guardo le labbra che danzano. E continui imperterrita a parlare di qualcosa, di qualcuno, di pensieri fissi e dopo un po' i miei occhi si rassegnano. E mi tornano pian piano, languidamente, i brividi lungo la schiena, i tremori, i dolori, l'assenza di movimento e l'alito troppo caldo e cattivo. E come un idiota aspetto che tu te ne vada. Ma un momento, ti prego! Cantami qualcosa, lasciami almeno una nota su cui poter arrangiare tutto il mio amore fantasioso. Dici che ti serve uno strumento? Usa me, io sarò il tuo strumento, prendi il mio corpo e strimpellalo come una chitarra, percuotilo come un tamburo, pigialo come un pianoforte, suonami, suonami e canta, dal mio corpo uscirà tutta la musica che vorrai e che ti serve. Macché, te ne vai via sculettando e io riprendo mestamente il posto di prima, sprofondato nel divano e sepolto dalla coperta azzurra imbevuta nell'olio, di nuovo in preda alla febbre, al sudore che impregna i miei neuroni ormai sulla facile via della demenza e dell'imbecillità. E penso "l'amore non mi vuol bene". Poi affondo ancora le labbra nel vino per alimentare maggiore malinconia e maledico me stesso di non saper guarire. Pochi mesi d'illusione, di benessere ritrovato............e poi?....E poi nuovamente a testa in giù fino a farmi uscire il sangue del cuore dalla bocca. "Ma perché non te ne stai buono per almeno sei sette otto mesi, eh? Perché, una volta guarito, non pensi a fare qualcos'altro che non abbia a che fare con quella bestia dell'amore, eh? Che ne so, pensa a pulire casa che fa schifo, a iscriverti a un corso di cucina maltese, a guardare tutti i film di chuk norris, a fare del volontariato, a parlare di politica con la tv, a giocare al totocalcio, ad ubriacarti in compagnia, a tagliarti le unghie dei piedi che stanno lì dure e affilate da quando l'ultima donna ti ha lasciato col culo a strofinare per bene le scale di un condominio. Non hai sofferto già abbastanza? Non ti sei ridicolizzato abbastanza? Ne vuoi ancora? Che cristo, aspetta ancora un po', no? E poi non lo vedi che con lei non è possibile? Non l'hai ascoltata poco fa? Non l'hai guardata come si deve negli occhi? Dov'eri imbecille con quella testa di minchia che ti ritrovi, eh? già dietro di lei ad urlare brandendo un lazo, vero? Idiota, imbecille, deficiente!". Questo è quanto mi dico spesso nei miei deliri della febbre, nel buio soffocante di quella merdosissima coperta azzurra ricoperta d'olio fatto in casa. Poi mi sorprende un sorriso e penso che non c'è fretta. Ma si, non c'è fretta, la prossima volta ti dirò ciò che devo. Invece di chiederti se vuoi un caffè ti parlerò, e subito, del mio amore, col cuore in mano. Che ci vuole? Non è mica difficile. Ma la prossima volta è sempre la stessa e identica volta. Solito caffè, soliti tuoi temi ammoscianti su qualcosa e qualcuno discussi e ridiscussi e io lì fermo a farmi tornare la febbre e dopo a dirmi che sarà ancora per la prossima volta, fino a quando avrò l'età per vergognarmi della mia stupidità. Ma, a pensarci bene agonizzante con trentanove e mezzo di febbre, non ti ho ancora detto nulla perché semplicemente non voglio dirtelo. Perché? Forse perché ho paura di una tua sberla dolce e consolatrice mentre scuoti la testa e mentre la mia gira veloce sul mio collo. Forse perché ho paura di perdere per sempre la speranza di offrirti almeno un caffè. Forse perché ho paura di amarti toccandoti per mano. Forse perché ho paura di ferirmi, di massacrarmi ancora e ancora e ancora, anche se ho già male dappertutto. Forse perché, più semplicemente e più probabilmente, ho paura del tuo categorico rifiuto, puntualizzato da una pedata in piena faccia. Razza di idiota che sono, non ho ascoltato ciò che mi hai detto? Non ti ho guardata come si deve negli occhi? Non ho dato retta ai tuoi pensieri fissi? Lascia perdere, no? "Alzati, cammina, vai al cesso e scoreggia seduto tutti i tuoi puzzolenti tormenti, tira lo sciacquone e spera di non scorgere il volto di lei riflesso nella pozza d'acqua pulita", penso. Però, quanto mi piacerebbe darti un bacio sul cuore per farlo cominciare a battere come batte il mio! Ma probabilmente, conoscendomi un po', nemmeno allora la febbre sarà andata via, o almeno non del tutto. Forse ora è meglio che sciolga un'aspirina in un bicchiere di vino per riprendere a delirare, che è la cosa che mi riesce senz'altro meglio. E penso che cambierò coperta. La chiazza di sugo crepato nell'olio mi ha disgustato. Proverò quel plaid rosso imbrattato di cioccolato al peperoncino fulminante. Immergerò di nuovo la testa nella febbre, e continuerò ad inventarti fino a quando qualcuno non mi avrà trovato un buon dottore.

© Luca Palumbo



Recensioni ed articoli relativi a Luca Palumbo

(1) Il pianista nano di Luca Palumbo - RECENSIONE

Testi di Luca Palumbo pubblicati su Progetto Babele

(1) Il paziente del dottor Sclerozzi di Luca Palumbo - RACCONTO
(2) Trentanove e mezzo di febbre di Luca Palumbo - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-11-14
VISITE: 6165


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.