Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [19/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 14 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La predatrice
di Giuseppe Costantino Budetta
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 197
Media 83.53 %



Napoli, 26 novembre del 1968.

Dopo tre giorni tra la vita e la morte, col collo fratturato, potei fornire la mia versione dei fatti al commissario che accanto al letto dell’ospedale dov’ero stato ricoverato, mi ascoltava prendendo appunti. Dissi che l’avevo conosciuta al termine di una delle mie prime lezioni universitarie. Uscito dall’aula e incamminatomi per il corridoio, mentre aprivo la porta dell’istituto, udii una voce femminile che mi chiamava: “Professore, professore Giacinto.”
Mi girai. Era giunonica, come piacciono a me. Alta quasi il doppio di me, imponente e bella. Aveva un seno fenomenale e coscie slanciate. Indossava un elegante cappotto ed una gonna di lana a quadroni, attillata da sopra le ginocchia. Era bella, bionda coi capelli raccolti in un toupèe. Gli occhi di un azzurro perlaceo. Avvicinandosi, con un timido sorriso disse: “Professore, sono una sua allieva. Darò l’esame spero, per giugno. Vorrei chiederle…”
Aveva abbassato lo guardo vergognosa. Dissi: “Prego.”
La sua mole gigantesca mi sovrastava: “Professore, beh, ecco…volevo chiederle se lei fosse disposto a darmi delle lezioni private di anatomia…pagando il disturbo naturalmente.”
Una bella ragazza che avevo sperato da sempre di scopare, ma impossibile, vista la differenza di mole. Tranne il corso di lezioni agli studenti, non avevo altri impegni giornalieri. Non ero sposato e vivevo solo. Accettai. Disse che anche lei viveva sola, in una villa di Via Tasso. Undicenne, aveva perso entrambi i genitori. Mi offrii di accompagnarla a casa sua, dove nel pomeriggio le avrei impartito la prima lezione privata di anatomia. Usciti dalla facoltà, c’erano molti studenti che si assemblavano nel cortile, parlando di occupazione e di rivoluzione. Pranzammo dalla parti di Pozzuoli e poi andammo a casa sua. La ragazza sembrava disponibile ed in auto aveva messo in bella mostra le lunghe cosce. Entrati in casa, chiuse la massiccia porta con due mandati di chiave e mettendomi un braccio sulle spalle, m’invitò a salire nei piani superiori. Una vetrata da sopra l’architrave del portone dava luce. Sul ballatoio, disse tutta rossa, anche per il vino tracannato:
“Professore, perché non ci riposiamo un poco sul mio letto?”
La guardai, pieno di meraviglia. La cosa si metteva bene, oltre le aspettative. Cercai di allungarle la mano sulla faccia. Si fece accarezzare docile e mi sorrise ammiccando. La stanza da letto aveva la balconata che dava sull’antistante golfo. Andò a socchiudere le tende per fare poca luce. Nella penombra, la sua bellezza ambigua era più eccitante. Si spogliò in fretta. Nuda, era come la Venere del Giorgine. Mi spogliai anch’io. Stesa sul letto, disse: “Amore, Non cercare di fuggire. La porta è serrata e buttarsi dal balcone è un suicidio. Inutile è gridare: la villa è isolata dall’abitato.”
Forse non avevo inteso bene. Accanto al letto chiesi timoroso:
“Perché mi dici questo?”
“Amore, tu sei il terzo che cade nella trappola. Se fai come ti dico, ne esci vivo.”
Mi tremava la voce. Pensavo che scherzasse. Forse, era un poco strana. Vidi che sul tavolino tra il letto ed il balcone c’era il telefono. Chiesi con angoscia: “Altrimenti?”
“Muori.”
“Ma…amore.”
Cercai di avvicinarmi al letto e di accarezzarla.
Da sotto il cuscino, aveva estratto una pistola col silenziatore. Mi puntò l’arma contro il petto. Disse: “Fa come ti dico. Piazzati contro la porta da dove siamo entrati. Io mi girerò di spalle. Ogni tanto ti guarderò ed allora ti devi bloccare come una statua.”
“Ma non capisco…”
“Mi spiego, caro il mio professore…”
Era davvero pazza, una pazza armata e di quella mole. Non ne sarei uscito vivo. Sul materasso e con la schiena sollevata dai cuscini, ma con la pistola che mi puntava, spiegò con calma:
“Professore, c’è un tipo di ragno che rischia la vita pur di fottere una femmina del suo rango.”
Mi ero piazzato in fondo, vicino alla porta, come mi ordinava. Cercai di farmi tenero:
“Amore, scusa, che c’entra la scopata tra i ragni?”
“C’è una specie di ragno dove la femmina è molto più grossa del maschio. Spesso, la femmina divora il maschio. Per questo, nell’accoppiamento, il ragno maschio si avvicina a lei con circospezione. Se fa un movimento sbagliato la femmina lo ammazza e se lo mangia. Se tutto va bene, l’accoppiamento riesce. Per evitare di essere aggredito e divorato, il ragno maschio si blocca ogni volta che la femmina si mette ad ispezionare l’ambiente circostante. A volte, il maschio resta immobile in posizioni strane: una zampa in alto…mi capisci amore?”
Coi denti stretti, dissi di sì. Continuò a spiegare: “Se il ragno maschio riesce nelle sue manovre di avvicinamento, salterà addosso alla femmina, la scoperà e la feconderà. Capito? Dopo l’accoppiamento il ragno maschio s’allontana e si salva, senza correre altri rischi. Per cui, se mi salti addosso dalle spalle e me lo infili da dietro, il gioco è fatto e tu sei salvo.”
Era pazza. Una pazza che poteva uccidermi da un momento all’altro. Non potevo che assecondarla. Dovevo fare come il minuscolo ragno maschio in avvicinamento sulla grossa e pericolosa femmina. Feci finta di stare al gioco. Non dovevo pensare ad altro che a scoparla. C’era il pericolo che il pene si afflosciasse per l’angoscia. Allora fissai le sue nudità, la sua schiena, il deretano e la fessura della vulva, nascosta dalla peluria. Si era girata in giù, ordinando:
“Puoi cominciare a muoverti.”
Timoroso feci qualche passo e mi bloccai. Dopo un poco, si girò puntandomi decisa la pistola contro. Stavo svenendo. Disse: “Bene, adesso mi rigiro.”
Avanzai per altri due passi. Attesi un poco. Nella semiombra, sembrava una montagna di carne. La montagna si scrollò facendo cigolare le molle del letto. Eccola, decisa con l’arma contro di me. Mi sentivo il cuore in gola. Trattenei il fiato: “Bene, così. Hai i riflessi pronti. Hai anche un bel cazzo.”
Cercai di schermirmi, ma non c’era da ridere. Dovevo restare immobile. Si rigirò. La montagna carnosa aveva assunto la solita posizione su quattro zampe. Sembrava un rinoceronte. Feci ancora un timido passetto. Si rigirò all’improvviso. Disse:
“Coraggio. Ancora un passetto e mi puoi saltare addosso.”
Mi sentivo mancare, ma dovevo resistere con l’asta del pene ben tesa. Al lato dal letto, mi decisi al grande salto. Abbrancandola ed accarezzandole il seno, stando in piedi sul materasso, visto che le sue cosce erano molto lunghe, glielo infilai dentro dal di dietro. La sentii grugnire come una scrofa, con la nuca sollevata. Disse: “Sì, amore. Così.”
Si era rivoltata di scatto, facendomi cadere. Disse:
Adesso, mi metto io sopra. Mi distesi sotto di lei, rassegnato. Si era accovacciata tutta su di me che quasi mi schiacciava. Cominciò a muoversi davanti ed indietro, strofinando l’umidiccia vulva sul pene. Cominciò ad urlare come una lupa. Era al culmine del piacere. Stavo raggiungendo l’orgasmo anch’io, eiaculando in lei. Fu allora che mi afferrò il collo con le potenti mani a tenaglia. Soffocavo. Disperato, avevo avviticchiato le braccia conto le sue. Mentre perdevo i sensi, avevo allargato le braccia, prive di forza. La mia mano destra fece cadere a terra la rivoltella sul comodino, affianco al letto. Partì un colpo che fulminò lei e salvò me. Mi era crollata addosso. Le sgusciai da sotto. Aveva un foro in un occhio e le lenzuola cominciavano a macchiarsi di sangue. Tossicchiando, arrivai fino al tavolo dove c’era un telefono. Feci il 113 e chiesi aiuto, dicendo che mi trovavo in Via Tasso, numero 13. Svenni.
Il commissario di polizia chiuse il blocco notes, soddisfatto. Disse: “E’ come se avesse fatto tredici al totocalcio. Un unico tredici in tutta Italia. E’ salvo per miracolo.”
Andando via aggiunse: “Stamattina, abbiamo trovato due cadaveri sepolti nel cortile di quella maledetta villa. Erano i poveretti che avevano fatto l’amore con quella pazza prima di lei.”

© Giuseppe Costantino Budetta



Recensioni ed articoli relativi a Giuseppe Costantino Budetta

Nessun record trovato

Testi di Giuseppe Costantino Budetta pubblicati su Progetto Babele

(1) La predatrice di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(2) Elogio al portafogli di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(3) Hanno di Giuseppe Costantino Budetta - POESIA
(4) Elogio al portafogli di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(5) Cento lire di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(6) La tigre dai denti a sciabola di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(7) L'anello di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(8) Una pioggia maledetta di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(9) Uomo scimmia di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(10) Università e ricerca di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(11) La scomparsa dello scienziato Ettore Majorana di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(12) Il teschio di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(13) Meglio di Giuseppe Costantino Budetta - POESIA
(14) Incarnazione di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(15) Ricordo di Giuseppe Costantino Budetta - POESIA



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2012-09-15
VISITE: 1080


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali