Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    [26/09/2023] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    L'abisso delle fobie scadenza 2023-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del romanzo L'altro io - a seguire lettura a leggio del Monologo della sera (EVENTO 2023-09-30)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Itinerario della mente verso Thomas Bernhard di Martino Ciano     L’intero senso di Rossella Tempesta     Fenomenologia del silenzio di Anna Rita Merico    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     La storia alimentare di Porto San Giorgio, tra folklore, letteratura e testimonianze Di Edoardo Mistretta     Riflessioni sul Barocco letterario     Osvaldo Licini: la sua terra, la malinconia e la follia     Considerazioni su Giovanni Pascoli     Una riflessione sullo spettacolo di Diego Mecenero: la Marca tra folklore e leggende    Racconti     I decapitati di Francesco Ciriòlo     "Sara y la Facultad" di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini     Il castagneto magico di Massimiliano Claps    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
37 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

John Rambo
regia di Sylvester Stallone
Pubblicato su SITO


Anno 2008- USA - GER


Una recensione di Heiko H. Caimi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6777
Media 80.05%



 John Rambo

Titolo originale: Rambo
Con Sylvester Stallone, Julie Benz, Paul Schulze, Matthew Marsden, Graham McTavish, Ken Howard, Rey Gallegos, Tim Kang, Jake La Botz.
Genere Azione, colore 93 minuti.
Produzione USA, Germania 2008
Distribuzione Buena Vista

John Rambo si nasconde in una sorta di ritorno monastico a Bangkok, dove raccoglie veleno di serpenti. In Thailandia viene ingaggiato da un gruppo di missionari cristiani perché faccia da scorta in una rischiosa missione umanitaria: portare aiuti alla popolazione birmana, che da molti anni è oppressa dal regime di Rangoon. Nel corso della missione alcuni uomini vengono catturati dall'esercito e Rambo dovrà reclutare sul posto un drappello di mercenari per salvare le loro vite: un’impresa apparentemente suicida.

John Rambo come John Wayne, il John Wayne imbolsito e crepuscolare degli ultimi film, con aspirazioni mai sopite alla “Berretti Verdi”. Ma un John Wayne al passo con i tempi, con un misticismo new age sopra le righe e una voglia di salvare il mondo che passa attraverso l’ideologia colonizzatrice dei presidenti Bush.

Uno storia fuori tempo massimo, come già lo era Rambo III, patetica e ben lontana dall’eroe ribelle che Stallone aveva impersonato nella prima pellicola della serie. Siamo sempre in una società nella quale la figura nell’eroe non è prevista, ed è quindi emarginata, rifiutata, rimossa, ma le analogie con il primo Rambo si fermano qui: John Rambo, più che un esule, sembra un reduce dall’Isola dei Famosi, con la solita bandana e la solita canottiera di sempre.

Le citazioni da altri film sono innumerevoli (si va da Apocalypse Now a Il Mucchio Selvaggio, dai Magnifici Sette a Gangster Story e a Frankenstein), e dimostrano la pochezza di una sceneggiatura che non sa mai uscire dallo stereotipo o dalla banalità, fornendo allo spettatore un deja-vu tanto nostalgico quanto prevedibile. Ma, nei tempi che attraversiamo, è questo ciò che si presume richiedano gli spettatori. Presunzione che non giova al film, poco più di un souvenir degli anni ottanta aggiornato alla spettacolarità di oggi.

Stallone è espressivo come Lou Ferrigno quando recitava Hulk, e ne imita le smorfi; non contento, si auto-dirige citando se stesso, quasi il suo personaggio fosse un maestro del pensiero occidentale (mentre lo spettatore Vorrebbe recuperare solo i soldi del biglietto). La filosofia profonda del suo personaggio passa attraverso perle di saggezza come “Vivere per niente, o morire per qualcosa”, “Hai la guerra nel sangue, e quando ti spingono, uccidere diventa facile come respirare” oppure “Non si può vivere tutta la vita sopra una sella, bisogna fermarsi da qualche parte” (che ci riporta ancora una volta a John Wayne).

Il film, inoltre, sfrutta commercialmente la strage dei monaci birmani, aprendosi su una scena da cinegiornale che biecamente ricorda quell’episodio per dare giustificazione ad un film che era stato concepito precedentemente. Che il regime birmano sia ingiusto e sanguinario non lo può negare nessuno, ma dare un sottofondo politico ad un film insulso e reazionario come questo è, per lo meno, moralmente eccepibile.

E, alla fine, il ritorno a casa tipico del paternalismo americano e la riappropriazione del proprio nome e della propria identità ci riportano ancora alla mitologia western del più classico eroe d’oltreoceano, quello impersonato in diecine e diecine di pellicole dal già citato John Wayne. Del quale, però, Stallone non ha né la statura attoriale né la dignità.


Una recensione di Heiko H. Caimi



Recensioni ed articoli relativi a Sylvester Stallone

(0) John Rambo di Sylvester Stallone - RECENSIONE CINEMA

Recensioni ed articoli relativi a Heiko H. Caimi

Nessun record trovato

Altre recensioni di Heiko H. Caimi

(1) DanteSka di Giuseppe Ciarallo - RECENSIONE
(2) La vedova Couderc di Georges Simenon - RECENSIONE
(3) Alla periferia di Alphaville - Interventi sulla paraletteratura di Valerio Evangelisti - RECENSIONE
(4) L' orda - The horde di Benjamin Rocher e Yannick Dahan - RECENSIONE CINEMA
(5) Niente da nascondere di Michael Haneke - RECENSIONE CINEMA
(6) Una cosa chiamata felicità di Bohdan Slama - RECENSIONE CINEMA
(7) Imputazione di omicidio per uno studente di Mauro Bolognini - RECENSIONE CINEMA
(8) Atti di violenza di Drew Bell, Jefferson Langley - RECENSIONE CINEMA
(9) Passi di follia di Bill Corcoran - RECENSIONE CINEMA
(10) Pontormo - Un amore eretico di Giovanni Fago - RECENSIONE CINEMA
>>Continua (click here)

Altre recensioni:




-

dal 2008-09-10
VISITE: 20.384


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali