Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [17/06/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La badante di Bucarest
di Gianni Caria
Pubblicato su PB20


Anno 2012- Robin Edizioni
Prezzo € 12- 151pp.
ISBN 9788873719014

Una recensione di Lorena Curiman
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 37
Media 79.46%



La badante di Bucarest

Una storia con romeni e italiani. Una storia per romeni e italiani. Una storia come le altre, una storia in più. Per capire meglio quanto poco siamo diversi e quanto poco basti per comunicare nonostante le barriere linguistiche e culturali. Forse l’unico modo per non sembrare così diversi e asociali in qualità di emigrati agli occhi del paese ospitante.

Il titolo ci fa pensare, erroneamente e sorprendentemente questa volta, alla solita badante romena, stereotipo ben radicato nella mentalità italiana e alla pari in quella romena, e l’aggiunta della dedica sulla prima pagina (A Elena, Otilia, Leana, Ana e a tutte le altre che lasciano la loro casa e di cui ignoriamo i sentimenti) consolida la convinzione che stiamo per leggere la storia drammatica di una donna costretta dalle difficoltà economiche a fare la serva in un paese di cui i cari rimasti a casa  hanno un’idea vaga, ma di cui si fidano cecamente che la mamma, la moglie, la sorella riusciranno a vivere meglio di loro e manderanno ogni mese un bel gruzzolo per le loro necessità.

Invece la situazione è diversa: la badante è italiana, ex insegnante, costretta dalla crisi economica, che ha portato l’Italia fuori dall’euro, a lasciare Roma e la sua famiglia, dimenticarsi di tutto e di tutti e accontentarsi di uno stipendio mediocre, ma sicuro, in una città lontana e sconosciuta. Non posso voltarmi per non tornare indietro, con queste parole lascia gli affetti e le sicurezze. Starò meglio quando estirperò i sentimenti senza lasciare radici, convinta che con il passare del tempo farà abitudine alla lontananza del mondo che ha sempre conosciuto e dove non esisteva la parola emigrato se non per le povere persone disgraziate e incomprese che per anni sono arrivate nel suo paese alla ricerca di un lavoro.

All’inizio del viaggio verso una terra sconosciuta e verso un lavoro necessario per la sopravvivenza, si rende conto che non ha finito di strappare via tutto dalla pelle, continua a ragionare sulla sconfitta sociale e sul modo strano, indifferente nei suoi confronti della sua famiglia di far fronte a questa situazione anomale. Si chiude sempre di più nel suo dolore, rifiutando la compagnia delle altre persone in viaggio verso la stessa terra sconosciuta: Ho diritto al silenzio, un silenzio tutto mio. Non quello dei giorni passati, il silenzio colpevole si Enzo, quello punitivo di Irene, quello indifferente di Carlino. Mi appoggiavo a quei silenzi, corrimani di scale ripide e senza sbocchi. Il non sentire gli altri mi serviva per non sentire il dolore. Ora ho bisogno di sentire il mio dolore, perché è tutto mio e non voglio darlo a nessuno, me lo voglio coccolare il mio dolore, farlo crescere.

La consapevolezza della sua mancanza accanto ai figli che cresceranno anche nella sua assenza e dovranno fare a meno del suo aiuto immediato e naturale, la fa sentire in colpa per la scelta obbligata e forzata di allontanarsi da loro: Non sarò là ad annaffiare le loro crescite.

Sentimenti contrari e di incapacità la pervadono per tutto il lungo viaggio in pullman, da Roma a Bucarest, durante il quale riesce dopo tanti anni a fare una breve e reale analisi della sua vita e soprattutto dei meccanismi bugiardi della società e la falsità delle persone nella comunicazione dei propri sentimenti: Protezione, barriere, tutto contro gli altri. Ora sono gli altri a usarle contro di noi. (…) Io cerco in questo viaggio che odora di silenzi stanchi qualcosa di me a cui non so dare ancora un nome proprio.

L’ostilità e il rinnego del posto che l’ha ospiterà per un tempo indeterminato sono di fatto il disagio, la paura dello sconosciuto, l’inadeguatezza a una cultura diversa dalla sua e implicitamente la confusione del perché e come sia arrivato un paese come il suo a prestare gli stessi servizi allo stesso paese dal quale solo qualche anno fa arrivavano sempre per sopravvivenza, non capita fino in fondo allora pure da lei, persone guardate e giudicate con sufficienza, senza la pietà e la curiosità di scoprire chi sono in realtà, che lavoro facevano a casa loro prima di essere stati costretti a emigrare, che aspettative, passioni e conoscenze avevano, ma principalmente quanto grande era il loro dolore, separati dai figli, annullati completamente come persone dalla necessità di mandare alle loro famiglie tutti i soldi guadagnati e non accettati socialmente per i preconcetti. Non guardo fuori, non m’interessa, non sarà questo il mio posto.

Come mi sentivo bene, noi italiani e loro stranieri. Adesso sono prigioniera in terra straniera. La consapevolezza degli sbagli del passato, nei confronti dei rapporti umani sia all’interno della famiglia che fuori, nei rapporti con gli stranieri incontrati a ogni passo e trattati con indifferenza e a volte con arroganza, la fa riflettere e capire allo stesso tempo i sacrifici e il calvario di tutti gli emigrati nell’adattarsi a un’altra realtà, integrarsi in un’altra società e adottare un’altra cultura da oggi a domani, più in fretta possibile, che gli piaccia o no, perché è l’unico modo di sopportare lo sconvolgimento che hanno subito: Quanto ci sbagliamo sulle culture altre, che presunzione manifestiamo.

Lo smarrimento vissuto da tutti gli emigrati davanti alla lingua del posto dove sono arrivati per sopravvivere, non per stare meglio, confonde ancora di più i sentimenti dell’ex insegnante:

Lo sanno tutti, il romeno è una lingua neolatina: mi facevo coraggio, come se in Romania bastasse parlare un italiano arcaico per farsi capire. Vedevo qua e là qualche parola simile all’italiano e mi attaccavo a quella zattera linguistica perché mi salvasse. Ho cercato subito casa, casa, come da noi. La mia casa avrà solo un accento strano, ma si pronuncia nella stessa maniera (…) Servo, servitor, solitudine, solitudine. Tutta la mia prossima vita ( … ) Ieri, ieri, oggi, azi, domani, maine. Ieri è uguale, oggi mi è estraneo, domani si può capire e non capire.

Il lavoro umiliante di badante, l’ostacolo della lingua e quindi l’incapacità di comunicare e di esprimere qualsiasi suo pensiero, il trattamento basilare e apatico della famiglia ospitante, l’immobilità dell’anziano che ha in cura, gli cambiano la visione della vita e la gerarchia dell’importanza delle cose: Si può provare un piccolo amore  in un lavoro servile, nel far bene una cosa sola, minima. Non salverò il mondo, quindi non modificherò menti e situazioni. Non salverò neanche i miei cari, neanche me stessa, a pensarci bene. Ma conquisto una modesta sensibile soddisfazione del lavoro ben fatto (…) Ora apprendevo del risparmio di dieci centesimi come se fosse un notevole miglioramento delle mie condizioni economiche.

Dopo due mesi al servizio della famiglia romena, che confinava i suoi territori dai suoi, sia per gli spazi dentro la casa che per qualsiasi forma d’interazione (Non faccio un lavoro intellettuale, non mi posso lamentare di come non vengano considerate in maniera adeguata la mia intelligenza e la mia preparazione), nonostante avesse superato il brusco impatto con la realtà, si sente isolata lo stesso dal grande amore della sua vita:

Non mi manca certo la confidenza con i libri, però mi frenava l’impotenza di non sapere cosa ci fosse scritto, di non dominarli (…) Il libro, i libri sono stati la mia vita e il mio scopo, i miei sogni raggiunti. Ne ho fatto motivo di studio e poi un lavoro (…) Mi fa male leggere, mi fa molto male, perché i libri mi hanno fregato. Mi hanno fatto credere che potessero spiegare tutto e che in esso fosse tutto.

Con orgoglio e sollievo manda il primo stipendio al resto della famiglia e immagina le loro facce un po’ più serene per qualche difficoltà in meno, ma: So che quelli che li riceveranno non distingueranno nella filigrana delle banconote la trama sottile della mia umiliazione.

Con amara ironia, la protagonista mette in primo piano il riposizionamento sociale e psicologico, filtrato da una razionalità acuta e di riflessioni tra il nostalgico e il cinico, ma sempre impregnate di dolore: il dolore dello sradicamento, della solitudine e dell’abbandono,dell’esclusione,dell’incapacità di comprensione e di rapportarsi. Il mio percorso a ridosso del muro, da formica dispersa, mi conduce dentro e fuori alla scoperta del nuovo esteriore e interiore.

Mettersi nei pani dell’ex insegnante italiana significa mettersi nei pani delle badanti, romene, italiane e di qualsiasi altra nazionalità, significa lanciare uno sguardo intorno a sé stesso, significa aprire i propri orizzonti, rabbrividire e riflettere.

La storia di Caria presenta una situazione improbabile e paradossale, ma è il suo talento di entrare e capire perfettamente le miriadi dell’universo femminile rapportato al mondo che sta cambiando, a sorprenderci piacevolmente, partendo da una realtà immaginata ma che «se non stiamo attenti non è poi troppo lontana», come dice l’autore stesso, e arrivando alla fine del libro con sorprendenti confessioni e decisioni inaspettate da parte della protagonista.

La badante di Bucarest è uno di quei libri che ci presenta la realtà in modo duro, freddo, tremendo. «Ho scritto di un mondo rovesciato per parlare della mancanza di certezze, di come gli equilibri di una vita familiari e sociali possano essere illusori, di come in Italia siamo illusi del fatto che il benessere sia un dato acquisito e non da conquistare giorno per giorno: è un po’ l’immagine dell’orchestra che suona mentre il Titanic affonda» (Gianni Caria).

Il messaggio di Caria è chiaro: in Romania come in Italia e ovunque, le persone sono esposte ai colpi della vita, ma qualunque sia la nazionalità, la religione e il modo di vivere che apparentemente li divide,possono capirsi, parlarsi e aiutarsi.

Gianni Caria (Sassari, 1960) è magistrato e presta servizio come Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Sassari. 
Ha esordito con il romanzo La badante di Bucarest.       
Ha tradotto insieme a Isabel Espinosa Arronte il romanzo Gli anni falsi di Josefina Vicens (Angelica Editore).


Una recensione di Lorena Curiman



Recensioni ed articoli relativi a Gianni Caria

(0) La badante di Bucarest di Gianni Caria - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Lorena Curiman

Nessun record trovato

Altre recensioni di Lorena Curiman

(1) Lungo la via incantata (Viaggi in Transilvania) di William Blacker - RECENSIONE
(2) Il sorriso sardo di Petru Dumitriu - RECENSIONE
(3) Coada (La fila) di Dragos Voicu - RECENSIONE
(4) De vita beata di Teodoro Lorenzo - Il Parere di PB
(5) Candidato al consiglio d'istituto di Massimo Cortese - Il Parere di PB
(6) In principio fu il mare di Cinzia Pierangelini - RECENSIONE
(7) Non dobbiamo perderci d'animo di Massimo Cortese - Il Parere di PB
(8) Bacia questa terra di Ileana Vulpescu - RECENSIONE

Altre recensioni:




-

dal 2019-09-16
VISITE: 81


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali