Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [24/06/2024] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Comfort Festival - Ferrara diventa americana (EVENTO 2024-07-07)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

L’appello
di Alessandro D’Avenia
Pubblicato su SITO


Anno 2020- Mondadori
Prezzo € 19- 348pp.
ISBN ‎9788804734246

Una recensione di Alessia Pisarra
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 331
Media 79.09%



 L’appello

L’Appello è uno dei capolavori di Alessandro D’Avenia, scrittore e professore di latino e greco, conosciuto per la sua penna accogliente e stimolante, per le sue pagine intrise di vita, vita vera, quella che lui stesso conduce durante la sua quotidianità e che decide di riportare nero su bianco.

L’ Appello porta un titolo molto esplicativo, si potrebbe facilmente intuire di cosa parla eppure, nonostante l’immaginazione porti facilmente alla verità, alla realtà di quanto questo libro esprima, c’è dell’inesplorato, qualcosa che merita di essere scoperta risiede tra queste righe e solo chi si accosta alla lettura del romanzo ha il privilegio di trovarla e di ammirarla. Se si dovesse dare un nome a questo qualcosa di latente, la si potrebbe chiamare passione. D’Avenia parla con passione e di passione. Passione per il proprio lavoro da docente, un lavoro che diventa quasi una missione, un lavoro che porta via anima e corpo. Passione verso i suoi alunni, non semplici udenti, ascoltatori passivi delle sue lezioni ma anime pure che meritano di essere ascoltate, capite, comprese, amate. L’appello, così come viene descritto dall’autore-professore, diventa il momento perfetto per conoscere a pieno la vita dei suoi alunni e non resta un semplice istante in cui leggere una sfilza di nomi per constatare chi è fisicamente in un’aula. E allora l’appello diviene quel frangente di vita in cui tutto si ferma, si blocca, esistono solo quei 10 alunni che diventano persone, adolescenti in piena crisi esistenziale e, come tali, devono essere al centro di un pieno ascolto empatico. La risposta "presente!" significa “io ci sono e voglio aprirmi a questo micro mondo qual è l’aula scolastica, per vedere se i miei problemi possano essere capiti, condivisi e possano ricevere soluzione. Questa è la scuola che il professore protagonista Omero Romeo sogna. Quarantacinque anni, gli occhiali da sole sempre sul naso, Omero viene chiamato come supplente di Scienze in una classe che affronterà gli esami di maturità. Una classe-ghetto, in cui i problemi non mancano affatto, in cui i ragazzi sono figli di situazioni familiari e personali disastrate. La sfida sembra impossibile per lui che è diventato cieco e non sa se sarà mai più capace di insegnare, e forse persino di vivere.  Ma ecco che non potendo vedere i volti degli alunni, inventa questo nuovo modo di fare l'appello, convinto che per salvare il mondo occorra salvare ogni nome. Alcuni dei nomi di questi studenti risuonano d'eco mitologica, come Elena, primogenita e dunque la figlia più bella e attesa; come Achille, "ma solo di nome", né irascibile né valoroso come l'eroe omerico ma dall'animo nerd e genialoide; poi c'è Ettore "il nome perfetto per chi deve morire". E, ancora, altri nomi, altri volti, altre storie: Aurora, Cesare detto 'Ruggine', Stella, Oscar, un "nome da premio", di chi farà grandi cose, Caterina, Elisa che preferisce essere chiamata Virginia come la Woolf, la sua scrittrice preferita, infine, Mattia dal "nome irregolare e vagabondo" come i poeti maledetti che predilige. Vi è una scelta non casuale dei nomi, infatti sono presenti nomi che per l’appunto richiamano il mondo antico e quindi richiamano la personalità di A. D’Avenia.  Mediante la narrazione di se stessi e dall'ascolto che ne deriva, Omero può avvicinarsi al mondo dei suoi studenti, abbattendo quel muro che gli esseri umani ergono a protezione della propria interiorità ma che, in effetti, impedisce una conoscenza piena. E che, di fatto, non permette di lasciarsi amare, premessa imprescindibile per amare a propria volta. Ascolto, fiducia e libertà di credere alla possibilità d'un cambiamento, partendo dal piccolo, dall'orizzonte delle proprie miserie quotidiane. Passando per la scuola, la famiglia, la natura... fino ad arrivare al centro di se stessi. Al cuore proprio e degli altri.


Una recensione di Alessia Pisarra



Recensioni ed articoli relativi a Alessandro D’Avenia

(0) L’appello di Alessandro D’Avenia - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Alessia Pisarra

Nessun record trovato

Altre recensioni di Alessia Pisarra

Nessun record trovato

Altre recensioni:




-

dal 2023-09-15
VISITE: 771


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali