Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [25/02/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Thrinakìa Premio internazionale di scritture autobiografiche, biografiche e poetiche, dedicate alla Sicilia scadenza 2024-02-28    Premio Letterario Teresa Cognetta 2023 scadenza 2024-03-02    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Come mio fratello di Uwe Timm     Sul margine di Maria Allo     Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi     La storia alimentare di Porto San Giorgio, tra folklore, letteratura e testimonianze Di Edoardo Mistretta    Racconti     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
17 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
21 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il vecchio della montagna
di Marco R. Capelli
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 526
Media 79.98%



Il vecchio della montagna

“Il vecchio della montagna”, pubblicato a puntate sulla rivista “Nuova Antologia” nel 1899 e raccolto in volume l’anno successivo, è un romanzo solo apparentemente minore che segna lo spartiacque tra le sperimentazioni giovanili e la maturità letteraria dell’autrice.

Incentrata sulla relazione passionale e coinvolgente tra Melchiorre Carta e sua cugina Paska, la storia ruota attorno a pochi personaggi alla cui drammatica vicenda fanno da sfondo le aspre montagne che circondano Nuoro.

«Melchiorre Carta saliva la montagna, ritornando al suo ovile. Era un giovane pastore biondastro, di piccola statura; una ruga gli si disegnava fra le sopracciglia folte e nere, che spiccavano nel fosco giallore del suo volto contornato da una rada barbetta rossiccia. Anche la sopragiacca di cuoio del suo costume era giallognola, e il cavallino che egli montava era rossastro, tozzo, angoloso e pensieroso come il suo padrone. Melchiorre era un giovine di buoni costumi e d'ottima fama; molto spensierato ed allegro non lo era mai stato, ma da qualche tempo si mostrava più taciturno del solito, e si sentiva quasi malvagio, perché sua cugina Paska lo aveva abbandonato alla vigilia delle loro nozze. E senza motivo! Così, solo perché ella si era improvvisamente accorta di essere graziosa e corteggiata anche da giovani signori.»

Il numero limitato dei personaggi gioca decisamente a favore della loro caratterizzazione psicologica; ne emerge un mondo nitido e ben definito, in cui la durezza della natura (ricorrenti sono gli accenni all’orrore dei dirupi ed all’asperità delle vette) e la lontananza dalla vita sociale lasciano emergere un universo interiore governato da leggi arcaiche e impulsi ancestrali.

Ed è questo il mondo nel quale si muove con assoluta coerenza Pietro Carta, il vecchio della montagna – vero protagonista della vicenda - anziano pastore ormai cieco.

"(…)zio Pietro, seduto davanti al fuoco, con le mani appoggiate una sull'altra sul bastone fermo fra le gambe, pareva una figura preistorica, con gli occhi chiusi nel sogno d'apocalittiche visioni."

Pietro Carta è sempre pronto a umiliarsi per il bene del figlio e per tutta la vita ha – nonostante tutto e tutti – percorso senza esitazione i sentieri della bontà e della rettitudine; perché, dunque, è stato condannato ad un destino così atroce? La domanda, come sempre nella vita (e meno frequentemente in letteratura) resta sospesa nell’aria. Al lettore, se lo desidera, il compito di trovare una risposta che non c’è.

Quello che sappiamo è che la malattia gli concede una autonomia estremamente limitata: riesce a svolgere ancora semplici compiti che ripete con una gestualità quasi rituale, arriva a spingersi nell’orto con l’aiuto del suo bastone ma ha sviluppato una dipendenza assoluta dal figlio Melchiorre, la cui assenza risveglia  immediatamente in lui una sorta di "arcano timore" che si ingigantisce quando il vecchio inizia a rendersi conto che questi – innamoratosi della giovane Paska - si sta progressivamente allontanando da lui.

“(…)il vecchio sentiva il bosco stormire, percosso da un brivido di brezza: e questa voce lamentosa e monotona gli echeggiava dentro, nel buio dell'anima inquieta, dandogli un senso disperato di tristezza e di abbandono. Per lui la luce era la presenza del figliuolo. Ma da qualche tempo sentiva che Melchiorre, incalzato dalla sua passione, lo abbandonava anche lui, e talvolta provava un terrore simile a quello d'un bimbo smarrito in luoghi deserti."

Nel tratteggiare i personaggi l’autrice va oltre l’impostazione veristica (o documentaristica) dei primi romanzi, senza però indulgere nel simbolismo (a volte eccessivo) presente in altre novelle. Il risultato è una storia rude ma profondamente realistica. La componente etico-morale che attraversa l'intero impianto narrativo culmina nel viaggio catartico che porterà il Vecchio della Montagna fino alle estreme conseguenze, diventando simbolico atto di redenzione dalla forza distruttrice della passione.

La passione, che è quella tra Melchiorre e Paska, è a sua volta un sentimento complesso: attrazione sensuale e repulsione, amore e gelosia si mescolano tormentando e confondendo il giovane Carta. Paska, dal canto suo (“Creatura bella e affascinante che possedeva la malefica potenza di far perdere il sonno a chi l'avvicinava”) inebriata dalla propria bellezza – che vede come strumento di potere e riscatto - si lascia corteggiare da tutta una schiera di personaggi secondari, incluso un servo di Melchiorre, il giovane porcaro Basilio, creatura "selvaggia e incosciente".

In questo senso, il prototipo di Paska può essere agevolmente rintracciato nella tipica “femme fatale” della letteratura ottocentesca, sorta di trasgressivo proto-ideale di libertà ed emancipazione.

Quasi inutile ricordare come, anche per la stesura di questo romanzo, l’autrice si sia ispirata ai drammi che i pastori sardi consumano nella solitudine della "tanca", sorvegliando le greggi nei pascoli montani e riparandosi nelle loro capanne primitive. Una realtà rozza ma genuina e sincera che rappresenta, in tutta la produzione di Grazia Deledda, una inesauribile fonte di storie e personaggi e che viene anche qui contrapposta, come a darle maggior risalto, a quella dei signorotti sfaccendati che vengono nel bosco a far feste e bagordi accanto alla chiesa-baita proprio nel periodo Novena alla Signora.

A cura di Marco R. Capelli



Recensioni ed articoli relativi a Grazia Deledda

(0) Il vecchio della montagna a cura di Marco R. Capelli - ARTICOLO
(1) L'incendio nell'oliveto a cura di Marco R. Capelli - ARTICOLO
(2) Deledda,Grazia(1871-1936) a cura di Tania Ianni - BIOGRAFIA
(3) Pietro dei colori di Normanna Albertini - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Il vecchio della montagna

(0) Il vecchio della montagna a cura di Marco R. Capelli - ARTICOLO

Recensioni ed articoli relativi a Marco R. Capelli

(0) Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad.di Marco R. Capelli - TRADUZIONE
(1) Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad.di Marco R. Capelli - TRADUZIONE
(2) Barman Adgur di Fazil Iskander trad.di Aldona Palys - TRADUZIONE
(3) Il Gigante di Marco Roberto Capelli - Il Parere di PB
(4) Nuova scuola filosofica di Tadeusz Rozewicz trad.di Aldona Palys - TRADUZIONE
(5) Mi mancano i plugin di Emanuele Serra - RECENSIONE
(6) La fantascienza italiana ad una svolta a cura di Fabio Calabrese - ARTICOLO
(7) Arthur Machen (1863-1947): Un’idea del male a cura di Fabrizio Ulivieri - ARTICOLO
(8) N.O.I.R. - Quindici passi nel buio di A.A.V.V. a cura di Andrea Franco - RECENSIONE
(9) Il distributore di volantini di Maurizio Cometto - RECENSIONE


>>ARCHIVIO ARTICOLI

> >>Inserimenti precedenti al 2007
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB







-

dal 2020-10-18
VISITE: 8.823


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali