Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    [01/06/2023] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Apollo dionisiaco scadenza 2023-06-09    Versi in volo scadenza 2023-06-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli    Il tribunale delle anime di Donato Carrisi    La ragazza nella nebbia di Donato Carrisi    Il buono e il cattivo di Carmelo Musumeci    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     On the road: per una fuga dalla realtà     I conflitti interiori di Francesco Petrarca     Dino Campana: l’uomo e il male     Per una concezione teologica del bene e del male in Harry Potter     Gli aspetti sociali dell'Umanesimo    Racconti     "Sara y la Facultad" di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini     Il castagneto magico di Massimiliano Claps     Ethan di Alessandra Ferrari    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Ramificazioni (2022) - Domenico Cipriano Carmine Ioanna Paolo Fresu    Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
21 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
24 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il gatto
di Michele Claudio Napolitano
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 15714
Media 79.84%



Vi ricordate la voluttuosa luminosità, la seduzione delle forme, la brillantezza dei colori, la tensione nell'equilibrio vertiginoso degli opposti del Giudizio di Paride? Ebbene scordateveli perché il Rubens di cui parliamo non c'entra nulla con quel quadro, ad Anversa credo non abbia messo mai piede e suppongo non sappia nemmeno dipingere. Il Rubens di cui parlo è l'anti-Rubens per eccellenza. Nulla del fascino barocco a meno che non vogliamo definire barocco un chiodo che si ostina a portare da quando, credo, ha raggiunto il traguardo della maggiore età (la maggiore età per l'appunto si percepisce solo dall'elegante pennellata di barba e non sicuramente dalla statura, men che meno fiamminga). Più gotica direi, la sua immagine, o meglio cotica: abbastanza irsuto da far invidia a un orango, nascondeva nel folto dei peli la cotenna dell'intellettuale di razza, malinconicamente romantico, di quelli che mi sento felice solo quando piove, farcita però fortunatamente con la sapida ironia dei rabbini. Un Rimbaud ebreo o meglio un Woody Allen bohémien. Così lo dipingevamo noi nei nostri discorsi. A tinte forti,  sfumando qua e là prima che lui arrivasse, il suo ritratto era già pronto. Quando la sua tozza figura si disegnava dal punto di fuga dell'imbocco di Piazza Castello, incorniciata dai portici di Via Po avevamo giusto il tempo di raffazzonare una critica benevola dell'opera. Ed appariva in carne ed ossa davanti ai nostri occhi come una modella pelata e barbuta per nostra buona sorte anche vestita (della Scuola del Nudo parleremo più avanti) della sua inseparabile giacca metal. E noi salutavamo lo sguardo intelligente, il cuore, l'allegria misurata dei gesti di una  variopinta anima bella, fra le tante che conoscemmo da Nino.

Una variopinta anima nullafacente. Argomento delle nostre discussioni di comari accanite era proprio: "come fa a vivere Rubens?". Laureato in Lettere Medievali, poeta dilettante, cultore della terzina dantesca, ex giocatore di calcio dilettantistico, le sue competenze si esaurivano più o meno lì. La voglia di lavorare rimaneva una delle tante voglie, ben attenta a non presagire il parto di alcun impiego.

Insomma erano ben rare le occasioni in cui potevamo improvvisarci scafati ritrattisti perché Rubens era sempre da Nino. Seduto al tavolino di Nino prima ancora che lui arrivasse ad aprire la bancarella, sorseggiando un caffè guardava le macchine passare tra un pedone e l'altro, tra una colonna e l'altra. Seduto allo stesso tavolino era quando noi entravamo all'università. Quando ne uscivamo e ci sedevamo anche noi era ancora lì. La sera lo ritrovavamo lì fino a che Nino non chiudeva la bancarella. Immaginavamo che chissà, avremmo potuto trovarlo lì anche a notte fonda, come un totem urbano, imperturbabile al freddo, al caldo, nella sacra postura del dio (come ogni buon dio che si rispetti) nullafacente (a onor del vero anche noi passavamo tantissimo tempo da Nino, evidentemente, forse più di Rubens, ma ora è il suo turno e dunque non seccateci con obiezioni cronachistiche!).

Rubens sostava dunque da Nino, cercando nuovi e vecchi libri, parlando con noi di cinema d'essai (si andava dai fratelli Marx a Buňel e anche oltre), disquisendo di letteratura tout court, sentenziando di politica e... tecnicizzando di calcio: filosofeggiava sulla fede granata che, chi più chi meno, tutti condividevamo e che professata come la vera religione agli infedeli con tanto di dottrina alla mano, con speculazioni teologiche degne di Tommaso d'Aquino indietreggiava, demone cornuto, solamente innanzi alla cosmica episteme della Giuvents di Nino.

Variopinta anima nullafacente, Rubens come le tante che affollavano la Galleria dell'Usato, la Pinacoteca della Cultura e della Carta Stampata, il Museo dell'Emarginazione Cercata e Consapevole, se ne stava appeso alle pareti esterne dei muri di Via Po, accartocciato sulle sedie di acciaio lucido, davanti alla bancarella verde. I visitatori passando non avrebbero probabilmente fatto caso alla didascalia con il titolo e la spiegazione di questa natura viva, occhialuta, timidamente scaltra. L'unico che forse si sarebbe fermato a contemplarlo, attraversando  caparbio più di un secolo sarebbe stato Carlo Lorenzini, inveendo contro il vostro povero narratore, che quella era una sua creazione, che era uno dei suoi tanti figli fiabeschi e scapestrati. Meglio rimandarlo nella sua ottocentesca Firenze che mostrargli anche il compare del gatto sornione, miope ed arruffato: una fulva, furba e farabutta volpe. Potrebbe morire di crepacuore.

© Michele Claudio Napolitano



Recensioni ed articoli relativi a Michele Claudio Napolitano

Nessun record trovato

Testi di Michele Claudio Napolitano pubblicati su Progetto Babele

(1) Via Po di Michele Claudio Napolitano - RACCONTO
(2) A lullaby for the poetry - Studio comparato tra Edgar Allan Poe e Dylan Thomas a cura di Michele Claudio Napolitano - ARTICOLO
(3) La vera storia della parola "Salame" di Michele Claudio Napolitano - RACCONTO
(4) Bartali di Michele Claudio Napolitano - RACCONTO
(5) Il gatto di Michele Claudio Napolitano - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2009-07-07
VISITE: 29.329


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali