Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [24/09/2018] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fiori d’Inverno scadenza 2018-09-29    Racconti tra le nuvole scadenza 2018-09-30    Premio Poesia dell'Anno scadenza 2018-09-30    L'amore è scadenza 2018-10-07    Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti scadenza 2018-10-08    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Biennale Arte Contemporanea Viterbo - 5a edizione (NOSCELTA 2018-09-30)    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn


Le Vendicatrici
La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
24 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Marcel Proust (1871-1922)
a cura di Paolo Mantioni
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 29476
Media 80.02 %



Biografie

Marcel Proust nasce a Auteuil, nella tenuta di famiglia nei pressi di Parigi, 10 luglio 1871. I Proust vi si erano momentaneamente trasferiti durante gli ultimi mesi di gravidanza di Jeanne Weil, la madre, per sfuggire ai pericoli e alle privazioni che l’assedio prussiano, prima, e i tumulti della Comune, poi, facevano incombere sulla capitale. Lo stesso padre, Adrien, medico e stimato professore, aveva rischiato di essere colpito da una pallottola vagante in una strada della città. Primogenito, due anni più tardi nascerà il fratello Robert, di una altolocata famiglia borghese, ebrea per parte di madre (ma il bambino sarà regolarmente battezzato e comunicato come cattolico), trascorse un’infanzia apparentemente serena, protetta dalle cure e dalle attenzioni di una madre amorosa e di una famiglia solida e unita, epperò segnata anche da una salute malferma e da una pronunciata eccitabilità nervosa, che la mitologia familiare faceva appunto derivare dai pericoli e dalle privazioni sostenute dalla madre nel corso della gestazione.
All’età di 10 anni, subito dopo una tranquilla passeggiata al Bois de Boulogne, fu colto da una violentissima crisi d’asma, che lo mise in pericolo di vita, e che la mitologia letteraria, a sua volta, fa risalire a origini psicosomatiche, per cui essa sarebbe la conseguenza di una morbosa gelosia nei confronti del fratello minore con il quale doveva parteggiare le cure e le attenzioni materne ( ma, come per tutte le mitologie, religiose, letterarie o familiari che siano, la plausibilità non è di per se certificazione di verità). In ogni caso, dal quel momento, la malattia, sottoforma di crisi respiratorie, allergie alle polveri o ai pollini, infreddature, febbri, sarà una presenza costante nella sua vita e lo costringerà a periodi più o meno lunghi di isolamento. E sarà anche un potente reagente che a contatto di un’ intelligenza e una sensibilità fuori misura arricchirà la sua opera letteraria, contribuendo, in forza di studio e autoanalisi, a darle una profondità e uno spessore assoluti.
L’adolescenza e la prima giovinezza lo vedono primeggiare, in termini di intelligenza, cultura e carisma, al liceo Condorcet di Parigi (per altro non assiduamente frequentato, a causa della malattia). Stringe amicizia con un gruppo di coetanei appartenenti all’aristocrazia e alla più alta borghesia parigina. In questo ambiente e in questo periodo, scoprì e soffrì impulsi omosessuali che manifestò agli amici che li avevano suscitati e, in parte, condivisi, salvo poi trarsene indietro, senza per ciò ritirargli la loro stima e considerazione. Dell’omosessualità di Proust pochi, lui vivente, erano a conoscenza e, in ogni caso, non gli impedì di amare e “conoscere carnalmente” anche donne. Al liceo Condorcet conobbe e apprezzò gli insegnamenti del Professor Alphonse Darlu, suo insegnante al corso di filosofia, che lo influenzò profondamente e lo indusse a riflettere su se stesso e sulla perduta autenticità della felice infanzia (di ciò è testimonianza una bellissima lettera che il Proust diciassettenne scrisse al suo professore).
Gli esordi letterari (1888-1894) sono legati dapprima a rivistine liceali poi a riviste letterarie di maggior spessore. Nel frattempo, anche grazie ai suoi amici e alle sue qualità, riusciva ad introdursi nei più ambiti salotti letterari dell’epoca e cominciò una carriera mondana che per qualche anno sembrò essere il suo scopo più urgente. Conobbe, tra gli altri, Alphons Daudet, dei cui figli, Léon e Lucien, restò fraterno amico per tutta la vita, e Anatole France. Il suo libro d’esordio, Les plaisirs et les jours (1896), che raccoglieva testi per lo più già pubblicati in rivista, novelle di vaga ascendenza simbolista e decadente, prose satiriche e di costume, poesie occasionali, nonostante la simpatetica prefazione di Anatole France e l’intrinseco, seppur solo abbozzato, valore letterario, ottenne un’accoglienza tiepida e contribuì a formare l’immagine di uno scrittore dotato ma frivolo, snob, dilettante.
Negli anni successivi, l’ascesa mondana, che lo portò a frequentare l’ambiente più aristocratico della belle époque, nonché la collaborazione a giornali e riviste signorili (Le Figaro, in primis), per i quali spesso redigeva cronache mondane enfatiche e magniloquenti, consolidarono l’immagine di uno scrittore alla moda. Ma quest’immagine pubblica ne celava un’altra, fatta di contrasti familiari, a causa della dissipazione e dell’inconcludenza del suo stile di vita, e dell’accanito lavoro ad un romanzo autobiografico, il Jean Santeuil, di cui si avrà notizia solo negli anni ’50 del Novecento, e che non riusciva però a soddisfarlo.
L’incontro con l’opera di John Ruskin, scrittore, filosofo, critico e storico dell’arte inglese (1819-1900), sembrò restituirgli per qualche tempo l’autentica vita dello spirito e fargli rivivere la gioia immediata dell’esperienza estetica da cui sentiva che la maturità lo aveva allontanato. La dottrina ruskiniana del nutrimento spirituale dell’erudizione e del valore morale della bellezza artistica o naturale sembrava poter placare la sua ansia esistenziale. Lesse, studiò, tradusse, commentò, annotò, in un febbrile lavoro di appropriazione, l’opera del Maestro, ma già nella prefazione alla sua traduzione di Sesamo e i gigli (1905) si avverte un cambiamento di rotta: si fa largo in Proust l’idea che la contemplazione della bellezza e l’erudizione non siano altro che vie complanari al tragitto che conduce alla verità del proprio essere e che il Maestro vi si fosse impantanato.
Tra il 1903 e il 1908 Marcel Proust è costretto, e in parte asseconda, ad una sorta di “discesa agli inferi”: nel 1903 muore improvvisamente il padre, nel 1905, quasi altrettanto inaspettatamente, l’amatissima madre, il lavoro letterario segna pesantemente il passo, la recrudescenza della malattia esaspera la voglia e la necessità d’isolamento. Fallito come uomo: la vacuità del bel mondo per il quale aveva speso le sue energie migliori gli appare ora chiaramente; come figlio: sentiva di essere stato il cruccio e la pena costante dei suoi genitori; come scrittore: le membra sparse e inconcluse del Jean Santeuil (che pure da lettori postumi possiamo dire che conteneva pagine memorabili) erano lì a dimostrarlo; Proust tocca l’apice inverso della sua vicenda esistenziale. Riemergerà lentamente: dal punto di vista umano anche grazie agli amici più fedeli (Lucien Daudet, Reynaldo Hahn, Georges de Lauris, e pochi altri) e dal punto di vista letterario grazie alla convinzione che la vita privata degli scrittori non ha nulla a che vedere con il valore letterario delle loro opere. E riemergerà anche in virtù di un profondo lavoro di scavo in se stesso che, gradatamente, gli consentirà di liberarsi del paralizzante senso di colpa nei confronti dei genitori ( Sentimenti filiali di un parricida ne è lo splendido risultato letterario) e, successivamente, da tutte le influenze letterarie che ingombravano la sua vera voce, il suo stile, la sua visione del mondo ( I Pastiches, imitazioni burlesche, ma accurate, dello stile di altri grandi scrittori, sono come i sacchetti di zavorra il cui progressivo rilascio gli consentono di far innalzare la sua mongolfiera).
Nel 1908, partendo da un’idea molto lontana da quello che sarà il risultato finale, un saggio per dimostrare l’inattendibilità del troppo elogiato metodo di Sainte-Beuve che fondava i suoi giudizi critici sulla vita privata degli scrittori, Marcel Proust riprende a scrivere. E scrive forsennatamente, quasi colto da un raptus creativo, addirittura tra il 4 e il 6 luglio 1909 scriverà per 60 ore consecutivamente. Si tratta di nuovo d’un romanzo autobiografico, ma questa volta il senso dell’opera, la trasfigurazione letteraria dei materiali biografici, la composizione degli episodi secondo un piano preordinato e significativo (da lui stesso in seguito definito “dogmatico”), la “rivelazione” di una vocazione salvatrice, sono gli chiari e definiti fin dall’inizio.
Nel 1913, dopo una serie di rifiuti degli editori a cui si era rivolto, pubblica da Grasset, a sue spese, il 1° volume, Le côté de chez Swann, del suo romanzo, A’ la recherche du temps perdu, previsto dapprima in 3 volumi, poi in 5 e infine completato nel 1922 in 7, di cui gli ultimi due postumi. La progressiva dilatazione dell’opera, causata anche dalla sospensione delle pubblicazioni per via della Grande Guerra, deriva dalla continua ed inesausta propensione proustiana a rielaborare, rimodellare, riscrivere il suo romanzo sulla base delle nuove esperienze esistenziali, tra le quali vanno senz’altro ricordate l’infelice amore per Alfred Agostinelli, suo autista e segretario, morto tragicamente nel 1914 e la guerra, vissuta da cittadino nottambulo. Si trattava, insomma, di “ripassare il colore” incessantemente per rendere trasparente la sua visione del mondo. Ma nonostante la pubblicazione postuma degli ultimi due volumi, non si può parlare di romanzo incompiuto, perche lo stesso Proust ha più volte sottolineato che il senso della sua opera era già insito nella primissima versione di essa e che tutto ciò che è compreso tra il primo e l’ultimo capitolo (scritti uno di seguito all’altro) rappresentava un percorso del quale nella mente dello scrittore era già stabilito lo “svelamento”.
Muore il 18 novembre 1922 in odore di santità (artistica, s’intende) lasciando un’opera di immenso valore letterario. Gli ultimi anni erano stati quelli della “gloria” e della moderata ripresa di una brillante vita mondana (sembra quasi che Proust l’asceta, il recluso nella sua stanza tappezzata di sughero non potesse fare a meno di tanto in tanto di circondarsi di aristocratici e principesse). E sono anche gli anni del “vizio” e delle equivoche frequentazioni del bordello per solo uomini retto da Albert de Cuziat. Del resto, non c’è da stupirsene, e meno che mai da adontarsene, se Proust a solo 15 anni aveva scritto che il difetto per il quale aveva la massima indulgenza era “la vita privata dei geni”.

Bibliografia essenziale disponibile in italiano

La migliore edizione italiana de Alla ricerca del tempo perduto è quella curata da Luciano De Maria, traduzione di Giovanni Raboni, note di Daria Galateria e Alberto Beretta Anguissola, prefazione di Carlo Bo, 4 voll. “I Meridiani” Mondadori, Milano 1983-1993 (lodata e citata anche dai migliori specialisti francesi). Per le altre opere si vedano:
I piaceri e i giorni, a cura di Mariolina Bertini, note e commento di Luxius Keller, Bollati-Boringhieri, Torino 1988;
Jean Santeuil, a cura di Mariolina Bertini, introduzione e note di Pierre Clarac, traduzione di franco Fortini, Einaudi, Torino 1976;
Contro Sainte-Beuve, traduzione di Paolo Serini e Mariolina Bertini, saggio introduttivo di Federico Orlando, Einaudi, Torino 1974;
Scritti mondani e letterari, trad. di Paolo Serini e Mariolina Bongiovanni Bertini, a cura di Mariolina Bertini, Einaudi, Torino 1984;
Pastiches, con testo a fronte, traduzione e introduzione di G. Merlino, Marsilio, Venezia 1991.
Le lettere e i giorni: dall’epistolario 1880-1922, a cura di Giancarlo Buzzi, con uno scritto di Giovanni Raboni Mondadori, Milano 1996.

Ottimi inquadramenti critici e biografici sono:
Mariolina Bertini, Introduzione a Proust, Laterza, Bari 1991;
Jean-Yves Tadié, Proust, Il Saggiatore, Milano 2003.

© Paolo Mantioni


Recensioni ed articoli relativi a Marcel Proust

(1) Proust, Marcel(1871-1922) a cura di Paolo Mantioni - BIOGRAFIA
(2) Cuore di madre di Roberto Alajmo - RECENSIONE

Testi di Marcel Proust pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato


Testi di Paolo Mantioni pubblicati su Progetto Babele

(1) Carmine Avagliano di Paolo Mantioni - RACCONTO
(2) Proust, Marcel(1871-1922) a cura di Paolo Mantioni - BIOGRAFIA
(3) L'eleganza del riccio di Muriel Barbery - RECENSIONE
(4) Vies minuscules di Pierre Michon - RECENSIONE


>>ARCHIVIO BIOGRAFIE
>> Vecchio archivio (134 biografie)





dal 2010-03-23
VISITE: 48272


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.