Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [18/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Bello dentro, fuori meno
di Carmine Caputo
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Nonsoloparole.com 2004
Prezzo € 12 - 140 pp.
Collana I narranti. Storie
ISBN 888885018X
Una recensione di Maria Carmela Marinelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 43
Media 82.33 %


Bello dentro, fuori meno

Belli dentro, fuori meno è la storia di una delusione d’amore, vissuta e raccontata in prima persona dall’ingegnere Attilio.
Il racconto nasce durante una lunga notte insonne nella quale il narratore decide di scrivere questo “romanzetto autobiografico” per dare finalmente sfogo al suo malessere e risolvere definitivamente i suoi problemi digestivi, liberandosi così da quella “indesiderata porzione di anima”, che, dopo essere stata rumorosamente espulsa, provoca un certo piacere, ma come tutti i piaceri della vita, creano “un imbarazzante e non proprio gradevole strascico”. E tra un botto e l’altro, l’ingegnere Attilio dà vita al suo racconto. La storia si dipana attorno ad una serie di sotterfugi, allusioni e malintesi che generano un crescendo di situazioni comiche e conferiscono al romanzo un ritmo brioso, sostenuto da dialoghi accesi e battute brevi e intelligenti.
La vicenda, ambientata agli albori dell’era digitale, si svolge a casa di Salvatore, futuro suocero dell’ingegnere Attilio, durante la partita di calcio Milan-Juventus trasmessa in diretta televisiva via satellite. La partita di calcio diviene il pretesto che mette in moto la vicenda. Non a caso, Caputo ha scelto di strutturare il romanzo a mo’ di partita di calcio in diretta televisiva - collegamento, pre-partita, riscaldamento, primo e secondo tempo – affidando ad ogni fase un momento preciso nello sviluppo della vicenda. Incontri e scontri turbano la quiete della casa, ma alla fine, come in tutte le commedie degne di essere definite tali, tutto è bene quel che finisce bene. Scoppia la passione tra l’ex-fidanzata dell’ingegnere Attilio, e il pescivendolo Giovanni. Sboccia inaspettatamente l’amore tra la cognata di Salvatore, la cozza zitellona dal “fisico anticoncezionale”, e Vincenzo, lo scapolo d’oro ultra quarantenne, intrufolatosi in casa di Salvatore per scroccare la diretta televisiva. Un po’ meno bene finisce per Salvatore a causa della schiacciante sconfitta della sua squadra rossonera ma che, tutto sommato, con il fidanzamento di sua figlia Beatrice e di sua cognata Mariella, è riuscito a liberarsi con un colpo solo dalle due presunte incombenti tasse comunali sui single.
Tutti i personaggi sono oggetto di beffa e scherno da parte del narratore e si qualificano mediante un particolare atteggiamento e modo di essere comico-grottesco, come Mariella, la cui sola apparizione disperde “qualsiasi desiderio sessuale nel più assetato dei maniaci” o il figlio tonto di Salvatore, nato dall’incrocio tra Schwarzenegger ed Enzo Biagi, perchè del primo ha il cervello e del secondo il fisico.
L’ironia di Caputo avanza a tamburo battente e travolge tutto quello che gli si trova davanti, senza pietà per niente e nessuno. Si passa abilmente dallo sgradevole hamburger del McDonald’s allo strapotere degli affittuari sugli studenti, dal collega che timbra in anticipo il cartellino del collega arrivato in ritardo alla moda del marketing piramidale, fino all’usanza meridionale di collezionare asciugamani e lenzuola ricamate per il corredo. “Nella libreria, nel portascarpe, fra qualche minuto pure nella tazza del cesso ci troverò gli asciugamani ricamati per il corredo di mia figlia. Ma che so’, usa e getta ‘sti asciugamani, che ce ne vogliono tanti?”. Più è sottile l’ironia, più la realtà è sezionata attentamente con il bisturi tagliente della lingua, generando interessanti sottocategorie. Esempio: se sommiamo la categoria “autobus” alla variabile spaziale “Statte, provincia di Taranto”, otteniamo una serie di sottoclassi del genere “autobus”, come il “Winzip” per le sue capacità di compressione e il “Il Neorealista” che circola solamente a Statte in Mozambico e a Cuba. In altri casi è la variabile spaziale che determina la categoria, come nel caso del “cozzaro”, con il crocifisso appeso al collo di 12/13 chilogrammi, in proporzioni 1:5 rispetto all’originale del Golgota e che prega il Signore per intercedere presso Padre Pio - altrove conosciuto come “burino” o “coatto”. In altri casi ancora, invece, la variabile spaziale genera una nuova categoria, come la figura del “damsiano-peso”, un particolare tipo di studente del DAMS di Bologna, che arricchisce il suo piano si studi con corsi di yoga, teatro sperimentale, cucina etnica e sceglie gli esami a seconda dei suoi giorni liberi: “Cosa c’è da fare il 25, che ho voglia di fare un esame? Letteratura araba? Okay, vada per la letteratura araba”.
La brillante comicità nasce anche dal contrasto stilistico tra le parti descrittive e narrative rese in un registro linguistico medio-alto e i dialoghi in stile colloquiale, allegramente colorate da espressioni italo-dialettali, pescate nelle acque del fiume Galeso. “Anch’io, come Alex, sento il bisogno di sciacquare i panni nell’Arno, ma preferisco il Galeso perché più vicino, e siccome sono un po’ cozzaro anch’io, oltre ai panni nel Galeso ci sciacquo anche la macchina”.
L’opera, però non si risolve solo nella vena comica delle situazioni e delle battute tra i personaggi. È molto di più. È un’opera brillante e intelligente, piena di spunti di riflessione sulle nostre piccole manie quotidiane, sui nostri egoismi, sui nostri difetti personali e sulle piccole verità che mettono a nudo alcuni aspetti della realtà in cui viviamo.

Recensione di Maria Carmela Marinelli






Recensioni ed articoli relativi a Carmine Caputo

(1) Bello dentro, fuori meno di Carmine Caputo- Il Parere di PB

Testi di Carmine Caputo pubblicati su Progetto Babele

(1) Il cuore di un unicorno di Carmine Caputo - RACCONTO

Altre recensioni di Maria Carmela Marinelli

(1) Morgana e le Nuvole di Alessandro Assiri- Il Parere di PB
(2) Bello dentro, fuori meno di Carmine Caputo- Il Parere di PB
(3) Express Tramway di Vittorio Baccelli- Il Parere di PB
(4) Attrazioni e distrazioni di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(5) Adiós Fidel. All’Avana senza un cazzo da fare di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) L' industria della traduzione di Gianni Davico- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-07-15
VISITE: 8587


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.