Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [27/09/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2022-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La casa dell'ospite
di Barbara Giambartolomei
Pubblicato su PB17


Anno 2005- Montedit
Prezzo € 19- 420pp.
Collana I salici
ISBN n/a

Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 182
Media 81.1%



La casa dell'ospite

Una città, Firenze; un quadro " Panorama con ritratto di giovane", sono gli ingredienti base del romanzo della Giambartolomei.
Una narrazione abbondante, che a volte torna su se stessa, non impedisce a chi legge di cogliere momenti di piacevole abbandono, anche per via dei rimandi storici che con un intreccio formidabile, sostengono la trama un po' debole, da feuilleton d'altri tempi.
La ricerca delle proprie radici, l'appuntamento con la propria identità, diventano il viaggio che Terry affronta per trovare le parole giuste nel momento in cui avesse ri-trovato suo padre.
Un doppio viaggio che il protagonista compie con l'inevitabile consapevolezza che tale ricerca, ed in special modo quella di un padre come il suo, non sarà sempre agevole.
Suo padre: figura controversa che affianca alla virilità tutta di stampo fascista, una invereconda depravazione che lo spinge ad innamorarsi del suo migliore amico.
E' un amore che Fabrizio cerca di piegare al ricatto più demoralizzante, nel momento in cui Leonardo gli chiede aiuto perché è in corso un rastrellamento da parte dei nazisti.
La rabbia per il rifiuto ottenuto, mischiata all'odio ideologico e razziale, fa entrare in scena una terza persona, Gaia, che darà asilo al povero Leonardo, nascondendolo.
Forse è in questo frangente che muore per la prima volta il padre di Terry, Fabrizio Dell'Acqua.
Ma Terry questo, lo ignora. Verrà a conoscere solo dopo molto tempo i lati più inquietanti della personalità di suo padre, mentre un cumulo di ricordi invade la sua mente: sono i ricordi di una vita che forse non gli apparteneva.

Il viaggio della memoria è il disvelamento di una illusione che aveva avuto fino a quel momento, un andamento frenetico e fatale.
E il ricordo della "Casa dell'Ospite", feticizza quella strada, quel cancello, le erbacce, gli oggetti che abili mani impietose hanno trafugato, forse pensando di lucrare un po' di denaro.
Stagliato a distanza, il giovane del ritratto sembra regnare (impassibile?) sugli avvenimenti, in una singolare perpetuazione di un nuovo inganno, di un dubbio che è anche speranza di ricominciare, di un ritorno.
I ricordi familiari narrati da Gaia, con realismo fugace, propongono la considerazione dello smascheramento di ogni singolo personaggio, nello stesso fondo primario della esistenza.
Il buio, non solo fisico, della Casa dell'Ospite, evoca oltre al vuoto e alla desolazione, anche l'appiattimento di alcune coscienze coinvolte in un processo indifferenziato e amorfo di ricucitura, in una aritmica danza di personaggi, e nella indecifrabilità visiva del padre.
La mitologia fascinosa che sostiene con i suoi toni sfolgoranti la figura del padre, si appresta a celebrare nell'agguato di morte, la punta estrema del delirio.
Terry ricorda attraverso le parole di Gaia; attraverso i suoi racconti
raccoglie lo stupore di certi istanti che credeva essere stati cancellati per sempre e, quindi, non vissuti.
Israil Metter, il grande narratore russo, ha affermato nella sua
autobiografia:" i ricordi sono come uovo d'uccello nel nido, l'anima li scalda per lunghi anni, e d'un tratto essi rompono il guscio disordinatamente, inesorabilmente".
Terry percorre la sua esistenza circondandosi di rappresentazioni e
simbolizzazioni. E' il mito: il mito, fosse anche in negativo, di suo padre.
Ma l'orizzonte di sta facendo scuro, e già odora di fango.
Dove il tempo era rappresentazione rievocativa di date, episodi, eventi, e Terry si collocava al centro del movimento delle lancette, ora questo tempo lo anticipa, gli corre avanti, in quello che Nietzsche chiamò" le vere epoche della vita".
Il tempo, adesso, costringe il protagonista a dare alla cose, alle persone, ai sentimenti i loro nomi perché possano appartenere ai suoi ricordi.
Le contingenze della sua vita si aprono un varco narrativo che, nonostante la lunghezza del romanzo, riescono a far percorrere al lettore la cronaca degli annuari dei personaggi, coinvolti in misura diversa.
Sono tasselli che sfuggono ala forza di gravità del tempo cronologico, per venire restituiti alla complessità di un "se", qui e adesso.
Diventano eventi sincronici, non più in fila ma in cerchio, come a puntellare, sostenere i punti di riferimento della vita di Terry, della nostra vita. Grazie a questi, la nostra vita è raccontabile, perché si può raccontare solo ciò che è drammatizzazione del linguaggio, o per dirla con Borges quando "si rivelano gli snodi della nostra impalcatura".
Verso la fine del romanzo, un palese quanto ovvio simbolismo - l'alluvione di Firenze, la ricomparsa del padre in abiti dimessi - ridanno fiato alla narrazione.
Fango, detriti, carcasse d'auto, di persone, di animali, si affollano
insozzando le antiche strade di Firenze.
L'occhio dell'osservatore si sposta dalla Casa dell'Ospite, colpita anch'essa dall'alluvione probabilmente molto tempo prima, e si spinge con dinamica linearità a significare l'incertezza dell'apparente, caricandosi di valenze psichiche che, sintetizzandosi, cercano di condurre all'essenza delle cose.


Una recensione di Salvo Ferlazzo



Recensioni ed articoli relativi a Barbara Giambartolomei

(0) La casa dell'ospite di Barbara Giambartolomei- Il Parere di PB

Recensioni ed articoli relativi a Salvo Ferlazzo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(7) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(8) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB
(9) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(10) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB



Altre recensioni:







-

dal 2005-11-01
VISITE: 7000


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali