Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [24/08/2019] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Rocca Flea scadenza 2019-08-27    ASTOLFO SULLA LUNA | Le Cose Perdute scadenza 2019-08-30    “Ut pictura poesis” Città di Firenze scadenza 2019-08-30     Giallo Festival 2019 scadenza 2019-08-31    MittAffett allo Scrittore, Arum Apulum 2019 - con il Patrocinio del Parlamento Europeo scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     La predatrice di Giuseppe Costantino Budetta     Nel bel mezzo di un gelido inverno di Donatella Magnani     La Piscina di Maurizios Stefanelli     La moglie dell'assessore di Maria grazia Midossi     La macchina (im)perfetta di Marco Canella    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

blues
di Nadia concetta Nicoletti
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3969
Media 79.81 %



La conoscevo bene, ovvero credevo di conoscerla bene, il suo corpo disteso in quella stanza d’albergo sembrava una balena arenata sulle spiagge della Polinesia.

Cerco di ricostruire gli ultimi giorni ella sua vita, gli spostamenti, i contatti, dove ha cantato le ultime notti ma è difficile, con lei non potevi fare un programma, pianificare una giornata. Quando la incontravo per caso, le chiedevo perché non si facesse mai trovare ma lei aveva sempre la risposta giusta, era dalla manicure, da Willy, a provare, e concludeva che era così tanta, che poteva essere ovunque.

Certo che il mio è proprio un mestiere di merda! Tutto il santo giorno in giro tra le strade a chiedere informazioni ai barboni, ai ruffiani con tanto di cappello e sigaro, porci, ai piantoni d’albergo solo per trovare una storia losca da raccontare e darla per pochi dollari al giornale.

Questa è dura, Bertha Jefferson era mia amica.

Al Saint Louis Blues da Garret, quando intonava “Sta alla larga da me perché sono tutta un peccato, se questo posto crolla è colpa mia e del gin che ho in corpo…”, la sala si zittiva, quelle facce nere si schiarivano dalla passione e lei, imponente, la voce tremante, l’abito di lustrini smeraldo godeva della propria magia. Aveva appunto cantato da Garret, quella notte, si era riempita di gin end soda tanto da non reggersi più in piedi.

Al locale mi hanno riferito che l’avevano costretta a mangiare uno spiedino di pesce, fottuto pesce marcio, le avevano allungato le gambe su una poltrona e Garret le aveva fatto bere quella cazzo di pozione antisbronza. Saranno state le quattro del mattino quando chiamarono un taxi dando al tipo l’indirizzo di sua sorella. Non arrivò mai da sua sorella. E’ morta in uno squallido albergo a ore, per essere precisi, sulla Rampart Street.

Bertha aveva amato alla follia Jo Thomas, il pianista. Bel tipo, coglione ma un bel tipo. Bertha sarebbe dimagrita di trenta chili per il suo amore, ma lui le diceva che era bella così, aveva talento eccetera e intanto uscito dal locale andava a scopare quelle col culo secco, tutte denti e unghie. Lei lo sapeva, se ne infischiava altamente, perché lui tornava sempre. Ti scarto, caro Jo, coglione, non vali neanche un articolo scritto da me!

Tre giorni fa Bertha andò dal parrucchiere con sua sorella Betty.

Nel piccolo salotto dove Betty mi accolse, nella casa più pericolante del quartiere francese, le tende tirate, musica blues sul grammofono, due tazze di the fumanti, mi disse che dal parrucchiere si erano divertite un fracco perché la coiffeuse provava parrucche a Bertha, - Sai, per cambiare, per nascondere i ricci…ed a ogni cambio lei si alzava e cominciava a cantare per poi convincersi che era meglio la solita parrucca acconciata in su con un fiore di lato. –

Mi disse anche che un giorno Bertha le confidò che si era invaghita di un uomo per bene, con automobile, vestito doppiopetto, scarpe lucide, -Sai, Louis, quel tipo di maiale che si fa lustrare le scarpe da un moccioso nero come lui, mm, mi da’ sui nervi! Però quando chiesi al piccolo Tom che ci trovava di così bello a fare il lustrascarpe, a stare in ginocchio davanti ai signori, lui, sai cosa mi ha risposto? Di bella, io ci sputo sopra le loro scarpe! –

Se Bertha era grassa, Betty era eloquente, anzi asfissiante. Un pomeriggio con lei voleva dire che sì, rispondeva alle mia domande ma in mezzo mi raccontava la vita del quartiere. Ci mise mezz’ora prima di ritornare all’ultima fiamma di sua sorella per poi dirmi che non ne conosceva il nome ma che era certissima che l’auto fosse una Chrysler. A New Orleans le Chrysler si contano con le dita di una mano. Quando salutai Betty la vidi piangere per la prima volta. Vita di merda.

Appoggiati alla balaustra de legno, due vecchi intonavano New Orleans Hop Scop Blues. Facce segnate dagli occhi dolcissimi, camicie a quadri, destini inevitabili ballavano, “…si fanno tante cose, le fanno anche i bianchi, e c’è un ballo che è una vera rarità…”.

Salgo su un taxi e mi faccio lascire in redazione. Due telefonate giuste ed ecco la lista dei proprietari delle Chrysler. Mi accorgo dai cognomi che sono tutti musi pallidi. E brava Bertha, ti mancava solo un bianco per finire in bellezza. Cazzo. E adesso che faccio? “Pronto, mi scusi signora, dove posso trovare suo marito? Potrebbe essere indiziato per l’omicidio di una cantante negra.” Cazzo, da dove comincio..

Lascio l’incarico a Katy, la più sveglia del giornale, se la caverà benissimo.

Faccio il giro dei night e parlo con tutti quelli che incontro, musicisti, barman, entreneuses, tutti mi dicono che Berta negli ultimi giorni non voleva parlare, non c’era con la testa, beveva e basta, anzi no, beveva e si cambiava d’abito quattro cinque volte al giorno, così anche le scarpe, la veletta e la collana.

Un musicista, un pianista, mi dice anche che la sua voce si era abbassata di tono, ma non certo di sonorità.

- Anzi, disse, mi piaceva quel tono che in certi momenti si confondeva col suono del pianoforte. Mai sentita così blues. Sai, nelle cantine si racconta che c’è un momento prodigioso nella vita di un cantante blues, un momento in cui la vita è così maledettamente identica ai testi della sua canzone, che vi si smarrisce all’interno. Trasmutazione. Sì, trasmutazione. –

Avevo buttato giù un paio di gin e ne avrei bevuti fino a dormire, ma…

Quando chiesi al piantone le chiavi della stanza di Bertha, senza alzare neanche la testa disse che la polizia aveva messo i sigilli e che quindi me lo potevo anche sognare d’entrare. Senza ma e senza se, lo presi dal colletto e lo tirai su. I suoi piedi non toccavano neanche terra tanto era piccolo, scalciava e la cicca che aveva in bocca le restò incollata al labbro inferiore, sporgente e giallo di nicotina. Visto che non scherzavo si arrese e mi lanciò le chiavi addosso. Verme schifoso.

Lungo il corridoio, a terra, una passatoia rossa e gialla, consumata, con macchie scure mi portò fino alla stanza 23. Lei non c’era, l’avevano portata via, però tutto era così come due giorni prima. Seduto sul letto, una lampada dalla luce fosca accesa, pensai a Bertha, alle sue notti canterine, le spalle tornite e scure, la nuca con quella piega di grasso dove le collane si nascondevano, - ma perché Bertha l’hai fatto, perché hai voluto finirla così con il mondo, perché non posso più sentire la tua voce! – Pensai alla leggenda del pianista, forse aveva ragione, forse hai voluto trasmutarti in blues. Cazzo.

Merda.

La notte qui a New Orleans o canti o bevi o ti ammazzi.

- O t’ammazzo! Che cazzo vuoi adesso? –

Il piantone si era fatto ancora più piccolo e la voce indugiava – Ci sono gli sbirri, giù, volevo solo avvertirti… -

Scendemmo le scale in fretta, urtai contro gli sbirri che salivano lentamente e e uscii.

“…datemi una paglia e una botte di gin

Uccidetemi, sono tutta un peccato,

uccidetemi, sono piena di gin.”

Tutti cantano in questa città, dalle finestre esce musica. Le ballate, in questa striscia di terra abbandonata da dio nascono come funghi. Quando la notte arriva, l’umidità della foresta e del Missisipi si fa strada a suon di banda, entra nei locali, nelle case, nelle lenzuola e ci va una donna che scaldi l’atmosfera, un bel sorriso, poppe generose, voce voluttuosa. Qui la gente non cammina per strada, balla. Qui la gente spera, s’illude che qualcosa cambi ma, potessi crepare se mento, noi non abbiamo speranza, a noi piace ridere del nostro amore corrisposto oppure tormentarci e rimanere dannati per sempre, fa lo stesso.

La mia amica Bertha Jefferson è di questa razza qua, ecco cosa scriverò domani.

© Nadia concetta Nicoletti



Recensioni ed articoli relativi a Nadia concetta Nicoletti

Nessun record trovato

Testi di Nadia concetta Nicoletti pubblicati su Progetto Babele

(1) Bucolica di Nadia concetta Nicoletti - RACCONTO
(2) blues di Nadia concetta Nicoletti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-07-05
VISITE: 6330


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.