Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [18/05/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Oceano di Carta scadenza 2024-05-20    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    LA CITTÀ CHE LEGGE - Maratona di Lettura (EVENTO 2024-05-20)    Io, Vincent Van Gogh - Presentazione del nuovo libri di Corrado D'Elia (PRESENTAZIONE 2024-05-22)    URI CAINE Trio featuring BARBARA WALKER - Unica data della Lombardia (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-05-18)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Scoprire il mondo dalle vetrate di un autobus
di Lorena Curiman
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1391
Media 80.14%



Con passi veloci e l'aria fresca del mattino che mi riempie i polmoni ad ogni respiro profondo che faccio nella corsa contro il tempo, mi dirigo verso la fermata. Sempre con un occhio attento sulla strada, cercando in mezzo al traffico la sagoma inconfondibile del mezzo che mi porterà, come tutti i giorni, in viaggio. Il respiro rallenta appena sento la panchina sotto il corpo ancora teso e mi rilasso nella piacevole attesa, i piedi immersi nel tappeto di foglie secche e la sciarpa stretta intorno al collo.

Rallentato dal peso e dalle strade piene di curve, passaggi a livello e incroci, si avvicina con un rumore familiare e rassicurante e si ferma obbediente davanti ai miei piedi. Il saluto caloroso dell'autista e delle persone presenti aiuta molto a scaldare l'aria e l'anima in una giornata già fredda di Ottobre e dopo aver passato brevemente in rassegna i viaggiatori del mattino, abituali o nuovi, giovani o anziani, poco svegli o attenti, svogliati o pronti ad affrontare il nuovo giorno. Scelgo un posto accanto ad una signora attempata, con lo sguardo perso e le mani giunte in grembo. Chi sa se si tratta solo di malinconia oppure sta pensando al tragitto da fare, si è persa nella miriade dei ricordi o è solo stanca? Sono inevitabili questi pensieri, perché in autobus si viaggia insieme, s'incontrano persone diverse da tanti punti di vista, si scambiano esperienza di vita e si legano amicizie. Tutti i viaggiatori sono estranei ma sono obbligati a stare insieme per un percorso breve o lungo e senza neanche rendersene conto, almeno non sempre, cominciano a conoscersi meglio un po' alla volta, giorno per giorno, tirando fuori con leggerezza, imbarazzo o passione storie, pensieri e impressioni personali.

Viaggiare in autobus è un gesto naturale, quotidiano. Ci sono studenti, allegri e rumorosi, che parlano dei problemi della loro età, di ripetizioni, interrogazioni e compiti; muratori e carpentieri diretti al cantiere, impiegati e negozianti riflettono con tono a volte pacato a volte tumultuoso sui cambiamenti frenetici dell'economia; casalinghe accomodate sui sedili come in un salotto, intente a scoprire le migliori offerte del momento o il segreto del bucato perfetto; pensionati silenziosi che si svegliano dalla contemplazione del loro piccolo mondo interiore o quello esterno, troppo grande ormai per loro, per offrirti un sereno e sincero sorriso accompagnato da un tono ed un linguaggio semplice ed antico e, magari, da con un consiglio prezioso: "Copriti prima di scendere, che fa freddo".

Ogni giorno gli autobus tessono una capillare rete di linee che penetrano nel profondo della città o delle periferie, solcando a velocità moderata le vie e viuzze intrecciate a marciapiedi, abitazioni, negozi e pedoni. Scoprire il mondo dalle vetrate di un autobus significa, innanzitutto, rallentare, entrare in contatto con altri viaggiatori e con la gente del posto; riscoprire il gusto di guardare fuori dal finestrino, liberi dalla tensione per la guida e di assaporare ogni scorcio che si apre lungo il percorso, vialetti nascosti dagli alberi, angoletti deliziosi mai visti prima per fretta o per distrazione, misteriosi panorami su case d'epoca dalle facciate trasandate che raccontano, ciascuna, un pezzo di storia perduto.

Il via vai di persone che scendono e salgono a ogni fermata mi ricorda dell'avvicinarsi della mia destinazione e, a malincuore, torno alla realtà. Eppure percepisco ancora l'effetto che fa stare immobili sul sedile, pazientare, riflettere ed imparare a concentrarsi sui dettagli. Dettagli che cambiano a seconda del punto di vista, osservando le cose, le persone, le azioni, le reazioni, gli intenti e le conseguenze. Dettagli resi possibili dal conducente, che ci porta tutti a destinazione guidando per noi senza fretta, senza ansia d'arrivo e di partenza - un misto di lentezza, comodità, sicurezza ed equilibrio.

Un altro saluto, ugualmente pieno di calore familiare, alla separazione dal mondo viaggiatore e un "alla prossima" e "ci vediamo domani", inconfondibile ed irripetibile. Impossibile su qualsiasi altro mezzo di locomozione. Mentre rimango ancora ferma per un po' sul marciapiede, per riprendermi dal sogno e riconnettermi ai ritmi caotici delle innumerevoli richieste della vita quotidiana, la "silhouette" bianca del veicolo e quel rumore che so riconoscere così bene anche da grandi distanze, si disperdono e mi lasciano sola.

© Lorena Curiman





Recensioni ed articoli relativi a Lorena Curiman

Nessun record trovato

Testi di Lorena Curiman pubblicati su Progetto Babele

(1) Lungo la via incantata (Viaggi in Transilvania) di William Blacker - RECENSIONE
(2) La badante di Bucarest di Gianni Caria - RECENSIONE
(3) Petru Dumitriu(1924-2002) a cura di Lorena Curiman - BIOGRAFIA
(4) Il sorriso sardo di Petru Dumitriu - RECENSIONE
(5) Coada (La fila) di Dragos Voicu - RECENSIONE
(6) De vita beata di Teodoro Lorenzo - Il Parere di PB
(7) Candidato al consiglio d'istituto di Massimo Cortese - Il Parere di PB
(8) In principio fu il mare di Cinzia Pierangelini - RECENSIONE
(9) Non dobbiamo perderci d'animo di Massimo Cortese - Il Parere di PB
(10) Ileana Vulpescu: nel profondo dell'anima a cura di Lorena Curiman - ARTICOLO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2012-10-15
VISITE: 3.278


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali