Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [21/07/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Sulla stessa barca: l'amore ai tempi del coronavirus scadenza 2024-07-31    Tema “Poesia e ricerca della Pace nel XXI secolo” e tema libero scadenza 2024-07-31    5 edizione Concorso Nzionale scadenza 2024-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

LE RECENSIONI
Elephant
(USA 2003)


Una recensione di Alessandro Corda

USA 2003 - Drammatico

Regia/sceneggiatura:
Gus Van Sant


Cast: Eric Deulen, Alex Frost
Timothy Bottoms

Un cieco potrà mai descrivere un elefante? Si tratta di un paradosso buddista che ispira il titolo dell'ultimo film di Gus Van Sant, autore poliedrico sempre pronto a sperimentare e a buttarsi nella mischia. Il regista americano pone così l'accento proprio sulla difficoltà di descrivere l'indescrivibile, l'orrore più irrazionale ed inimmaginabile. L'artista può raccontare storie del passato o del futuro più fantasioso, dando libero sfogo al proprio estro, ma di fronte all'orrore di una normalità violata dalla follia l'uomo dietro la cinepresa deve fare i conti col proprio ruolo di narratore: come potrà descrivere la storia di un'assurda carneficina al college? Van Sant sceglie la strada di una narrazione oggettiva ed onnisciente, vicina al documentario. Riscopre così la sua anima più indipendente dei primi film, fatta di uno stile dimesso, una fotografia sporca, una camera a spalla che tallona da vicino i ragazzi, luci naturali e attori non professionisti.
Gus Van Sant racconta per immagini il succedersi di una giornata apparentemente normale in una high school di Portland, tra corsi, lezioni, football, chiacchiere e divertimento, seguendo in contemporanea la preparazione del massacro. Il film può essere diviso in due parti, nella prima assistiamo ad un efficace spaccato della vita di un liceo e nella seconda al capovolgimento di quella normalità.
C'è chi non riesce a nascondere il pensiero di un padre ubriaco, chi fotografa la vita della scuola e va poi in laboratorio a sviluppare i negativi, c'è una coppia di innamorati invidiata da tutti e un gruppo di ragazze interessate ai propri vestiti, c'è una ragazza isolata dalle coetanee che lavora in biblioteca: sono questi i ragazzi che Van Sant decide di raccontare (introdotti sempre da didascalie che li presentano man mano). Non c'è una vera e propria storia che segua questi ragazzi, è un semplice avvicendarsi di piccoli episodi. L'unica storia che sembra seguire una linea continua è quella, malata e distorta, dei due ragazzi assassini.
L'apparente lentezza di tutta la prima parte (per esempio le interminabili camminate dei ragazzi nei corridoi del liceo) non è mai di maniera e fine a se stessa, ma strumentale in quanto serve ad immergere lo spettatore nella normalità di tutti giorni che è, molto spesso, noiosa fatta di gesti ripetuti mille volte, facce oramai viste e riviste. Quando così i due folli irrompono nella scuola a colpi di fucili (acquistati via internet), ecco che la differenza stride ancor più: non è più la normalità, è la follia. La seconda parte ricorda, alla lontana, un film del terrore dove giovani vittime innocenti vengono giustiziate sommariamente nei posti più impensabili: il bagno, la biblioteca, la mensa e, in ultimo, anche la cella frigorifera.
Elephant non è certo un freddo esercizio di stile, un asettico documentario: parte da una bella idea cinematografica (narrare prima la normalità con stile dimesso e poi il suo rovesciamento). E' poi costellato da sequenze di grande impatto espressivo (valendosi di musica classica, Beethoven in primis). Un esempio su tutte: uno dei killer suona il pianoforte nella sua camera e la cinepresa ruota a 360 gradi mostrandoci ogni angolo della camere da letto: senza tante spiegazioni il regista americano riesce a raccontarci il carattere di questo ragazzo, dai poster, i libri e il guardaroba. Molte volte gli oggetti con cui scegliamo di vivere sono un'autentica radiografia di quello che siamo.
Non è un documentario anche perché non segue il succedersi cronologico dei fatti. Van Sant rompe la linea temporale e costruisce il film come un puzzle di episodi che si seguono ed anticipano a vicenda. In un primo tempo la macchina da presa tallona un ragazzo e, subito dopo, incomincia a seguire chi, nelle inquadrature precedenti, figurava nelle controscene. Sembra quasi che per raccontare una giornata di pura follia si debba uscire dalla razionalità narrativa, frammentando il racconto in singoli episodi sparsi, apparentemente, senza logica.
Van Sant termina il film come l'aveva aperto, inquadrando il cielo attraversato dalle nuvole: quanto sono piccole le cose terrene rispetto alla vastità del cielo blu? Troveranno serenità in cielo le acerbe vittime della strage? Non c'è alcun giudizio moralistico. Il film non cerca di spiegare le cause della vicenda, cerca piuttosto di farle intuire allo spettatore (emarginazione, problemi familiari, diversità). Non strepita facili accuse, come Michael Moore in Bowling a Colombine, ma le sussurra. Non offre allo spettatore sicure risposte, ma si pone delle domande. E Gus Van Sant, da sempre sensibile alle problematiche legate al mondo dei giovani, rimane coerente alla sua poetica cinematografica fatta di poesia e delicatezza.

 

VISITE: 4.900

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali