Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [18/07/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Sulla stessa barca: l'amore ai tempi del coronavirus scadenza 2024-07-31    Tema “Poesia e ricerca della Pace nel XXI secolo” e tema libero scadenza 2024-07-31    5 edizione Concorso Nzionale scadenza 2024-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il rovescio del dolore
di Luigi Socci
Pubblicato su SITO


Anno 2004- Marcos y Marcos


Una recensione di Norma Stramucci
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8455
Media 79.37%


Hai voglia a trarre da un libro un’immagine organica del mondo, non legga Luigi Socci che, pur nel titolo, Il rovescio del dolore, scardina l’ordine, nega all’evidenza ogni tratto che non risulti inquietante, e di essa coglie gli aspetti più minuti e inevidenti.
Da definire trasversale questa lirica, fosse chiaro il termine di riferimento. Trasversale, ma non rispetto al mondo, al quieto vivere borghese. Così semmai in Montale:

né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Trasversale dunque, non rispetto alle mille peripezie umane, ai tranelli dell’apparenza, ma a una condizione di assenza dell’io poetico: …Io quella sera / proprio io non c’ero…
Si tratta di incongruenza esistenziale, del rifiuto palese ad accettare non tanto che l’evidenza sia ciò che gli occhi spiano aldilà della condensa sullo spioncino, lente rimpiccolente di un uscio domestico, quanto che ad assistere allo spettacolo sia proprio lui, un giovane uomo animato dalla volontà di imparare a memoria la propria vita: …Nel personaggio a cui davo la vita / mi identificavo alla perfezione: / il mio cadavere in carne e ossa / in attesa di identificazione.
E dunque si nega. Nega se stesso e la persona amata: …Forse nemmeno c’eri / visto che non esisti, / forse nemmeno c’ero / -io? / figurarsi. ; nega grandezze sicure: …il mare…/ … produce / onde solo di sale /senza una goccia d’acqua…
Negarsi e negare significa la scrittura di una linea separatrice, di protezione, tra l’autenticità delle proprie emozioni (il dritto del dolore!) e il suo volerle pensare (il suo rovescio!), il cercarne una ragione, una causa, un fine. Il dolore è dovuto –anche- al fatto che un morto vive altrove; è appena uscito / con passi senza piedi.
Socci non concepisce la morte, ne fa un elemento del caos; ed è lo sbigottimento di fronte al caos che non può essere ricondotto all’ordine, a un sistema logico e inequivocabile, che lo porta a contestare l’idea di verità: La verità va preparata bene…
Il fatto è che del gomitolo che è il tondo del mondo mancano le coordinate, l’uno e l’altro capo del filo: …Srotolando gomitoli / si sperde ogni mio filo in doppi sensi…
E’ naturale il riferimento che già sottolinea Aldo Nove a Gadda. Il dottor Ingravallo…

Sosteneva, fra l’altro, che le inopinate catastrofi non sono mai la conseguenza o l’effetto che dir si voglia d’un unico motivo, d’una causa al singolare: ma sono come un vortice, un punto di depressione ciclonica nella coscienza del mondo, verso cui hanno cospirato tutta una molteplicità di causali convergenti. Diceva anche nodo o groviglio, o garbuglio, o gnommero, che alla romana vuol dire gomitolo.

Apparentemente ironica, la scrittura di Socci punta al ridicolo, e lo confessa: Chino nel mio cunicolo. // Munito di binocolo. // Non cerco l’ironia, trovo il ridicolo. E fa pensare ancora a Montale, a un verso di “Prosa per A.M.” in Altri versi: Tra l’orrore e il ridicolo il passo è un nulla.
Ciò a significare la drammaticità della sua ispirazione poetica che si dà in versi e in lingua che, nonostante i contenuti, si presentano delicati, snelli… elastici: Questa poesia è bielastica / può essere una esse / o volendo un’ixelle, / questa poesia si stende / come una parte del corpo, una pelle…
E’ una poesia che ha tutte le carte in regola / è ochei. Luigi Socci sa bene che significhi in poesia l’essere ochei, sa bene che la morale di un poeta, come insegna O. Paz, non è nei suoi temi, nelle sue intenzioni, ma nella sua condotta davanti al linguaggio; sa bene che –si sta parafrasando P. Celan-, il poeta, ferito dalla realtà e alla ricerca della realtà, è verso il linguaggio che va con tutto il suo esserci. Luigi Socci ci dà versi che suonano come il pensiero di attimo, e noi sappiamo quale traguardo sia, per un poeta, la sua apparente semplicità.


Una recensione di Norma Stramucci



Recensioni ed articoli relativi a Luigi Socci

(0) Il rovescio del dolore di Luigi Socci - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Norma Stramucci

(0) Del celeste confine di Norma Stramucci - Il Parere di PB
(1) Lettera ad una professoressa di Norma Stramucci - RECENSIONE

Altre recensioni di Norma Stramucci

(1) Giochi di fuoco di Tommaso Alibrandi - RECENSIONE
(2) La distanza da compiere di Danilo Mandolini - RECENSIONE

Altre recensioni:




-

dal 2005-10-10
VISITE: 14.648


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali