Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [08/12/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

FLUO. Storie di giovani a Riccione
di Isabella Santacroce
Pubblicato su SITO


Anno 2001- Feltrinelli
Prezzo € 7- 116pp.

Una recensione di Lorella De Bon
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6707
Media 79.6%



 FLUO. Storie di giovani a Riccione

“Sono uscita di casa in reggiseno verde metallizzato molto lucertola appena nata di Laura, dei pantaloncini dell’Adidas enormi e le ciabatte marocchine che mi hanno portato da Casablanca. Edie è esagerato, con la testa rasata a pelle, il gandura bianco lungo fino ai piedi e le Puma bicolori. In viale Cecca per fortuna non ci sono vigili. Mi stanno veramente sul cazzo i vigili con quella faccia da pirla mastica multe. Davanti al New Order dei very maranza ballano una musica techno scadente. Uno di loro si sbatte sulla panchina dimenando il solito baschetto ingelatato”

“Entra Reed Thompson, in doppio petto a quadri, a quattro bottoni, camicia di cotone a righine e cravatta di seta, il tutto di Armani, calzini di cotone blu dell’Interwoven, leggermente volgari, e scarpe nere di Ferragamo con mascherina, identiche alle mie. Ha le mani curatissime. In una stringe il Wall Street Journal. Appeso all’altro braccio, ha un soprabito di tweed balmacaan di Bill Kaiserman”.

Indovina indovinello: qual è il brano scritto da Isabella Santacroce? Probabilmente il primo, per via dell’ambientazione nostrana. Ma se non fosse per le citazioni di strade e quotidiani, e per l’abbigliamento di opposta qualità, non sarebbe poi così facile affermare di essere al cospetto di due scrittori differenti: Isabella Santacroce nel primo caso e Bret Easton Ellis nel secondo. I due autori hanno in comune sicuramente un linguaggio originale, che nulla ha a che vedere con il classico modo di intendere la scrittura romanzata.
Ellis pubblica il suo “American Psyco” nel 1991, ma non è la sua prima prova editoriale. Il romanzo è stato all’epoca un caso letterario, per la crudezza e l’ironia “noir” con la quale l’autore descrive la gioventù americana viziata degli anni Ottanta. Il protagonista è un finanziere psicopatico di ventisei anni che, annoiato da una vita frivola e inconsistente, s’inventa una carriera da serial killer, i cui omicidi restano assurdamente impuniti. La confusione interiore che sconvolge Patrick non è in fondo molto diversa da quella che alberga la quotidianità dei suoi amici “normali e sani”, impegnati a cenare in ristoranti di lusso e ad annullarsi con la cocaina, il crack e l’ecstasy.
Starlet, la protagonista di Fluo, si muove in una situazione simile. L’ambientazione non è la New York degli yuppies anni Ottanta, ma la Riccione festaiola della Riviera Adriatica anni Novanta. Starlet ha diciotto anni e un sacco di amici, o meglio, di conoscenti. Nelle centoquindici pagine di cui si compone il romanzo non succede nulla di particolarmente feroce, come in “American Psyco”, ma la gioventù del tempo ne esce altrettanto dissacrata. Gli attori messi in scena dalla Santacroce vivono soprattutto di notte, tra discoteche e locali equivoci, smaniosi di ingoiare la vita fino a bruciarla dentro eccitazioni artificiali a tutti i costi.
Leggere Fluo significa fare un’indigestione di spot pubblicitari, slang giovanile nostrano, sesso in quantità e non di qualità, delirio di onnipresenza e onnipotenza. “Luce giusta nella stanza, musica sensuale, forse cocktail afrodisiaci, crostacei rossi e succosi adagiati in ceramiche dipinte a mano. Grandi tende tirate e riti drogati. Giovanotti mondani chiusi a cerchio attorno a un tavolino si passano specchietto e piste bianche. A turno aspirano con 100 carte arrotolate la loro porzione”.
Il mondo dei grandi viene, naturalmente, denigrato e lasciato ai margini di adolescenze abbandonate. Ogni tipo di accusa piove addosso a genitori troppo assenti e impegnati altrove, con qualcun altro o ingoiando pasticche di felicità effimera. “E’ appena terminato il primo round di una lite più che rumorosa via telefono tra i due coniugi miei creatori per storie-nausea già sentite di regole mal rispettate dal padre infedele in fuga con la baby-amante, e le minacce di divorzi imminenti non si contano”.
Sorprendono piacevolmente le prime pagine di questo libro, a mio parere, lasciando in bocca un sapore nuovo, fresco, tagliente e vibrante. Il linguaggio ridondante di termini pubblicitari, parole inglesi, e riferimenti al mondo dello spettacolo, possono annoiare durante la lettura, anche se la brevità del romanzo diminuisce sicuramente questo rischio. E stupisce ancora di più il finale del romanzo, del tutto antitetico al filo conduttore che lega ogni parola del libro. Starlet chiude gli occhi e sogna un futuro migliore, diverso dalla squallida realtà in cui vive, lontano dal suicidio di un giovane olandese scoperto in casa sua. Starlet, dopo aver visto la morte in faccia, desidera soltanto vivere. E così, l’ultima pagina di Fluo diventa pura poesia.
“Voglio che il mio cuore batta sempre e voglio la vita addosso, il cielo sopra, la sabbia sotto e l’amore sempre tra le mani come un gelato al limone mangiato in riva al mare in un pomeriggio di maggio quando il più bello sta per cominciare e continuare come prima, così veloce e così immortale”.
Ma nulla è immortale … auguri Starlet.


Una recensione di Lorella De Bon



Recensioni ed articoli relativi a Isabella Santacroce

(0) Noterelle a margine della pubblicazione di “Gomorra” di Roberto Saviano a cura di Angela Ravetta - ARTICOLO
(1) May Be di Lisa Massei e Oscar Celestini - Prefazione di Laura Scarpa - RECENSIONE
(2) Il romanzo della mia vita di Leonardo Padura Fuentes - RECENSIONE
(3) FLUO. Storie di giovani a Riccione di Isabella Santacroce - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Lorella De Bon

(0) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(1) Volpe bellissima. Liriche per Alda Merini di a cura di Lorella De Bon - RECENSIONE

Altre recensioni di Lorella De Bon

Nessun record trovato



Altre recensioni:







-

dal 2005-11-14
VISITE: 20058


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali