Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    [05/08/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito    Poesie     Lontananza di Jacob Von bergstein     Cielo. di Antonio Parente     Angeli di Manny Mahmoud     Il prossimo della lista di Amedeo Bruni     L’ombra di me di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
52 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La valle dei dimenticati
di Roberto Re
Pubblicato su SITO


Anno 2011 - Sangel Edizioni
Prezzo € 18,00 - 624 pp.
ISBN 9788897040576

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3235
Media 79.85 %



valle dei dimenticati;La

“«Ha sognato?» L’uomo posò il cucchiaio nel piatto e si voltò verso di lei. «Cosa vorrebbe dire che ha sognato? Cos’è, una malattia? È contagiosa?» «Non è una malattia e, purtroppo, non è contagiosa.» Finì con una sola sorsata quello che restava della bevanda e si alzò per posare la tazza sul tavolo. «Anche tu avresti sognato normalmente, se fossi vissuto qualche migliaio di anni fa.» Lo scetticismo che traspariva dal volto dell’uomo era quasi palpabile.” Già dalle prime battute del suo ultimo lavoro, LA VALLE DEI DIMENTICATI, Roberto Re indica ai suoi lettori la base su cui ha costruito e intrecciato la trama e sviluppato le vicende del romanzo: i sogni. Sogni che l’autore, con un artificio degno del miglior stile Fantasy, trasforma in realtà. Sogni rubati all’intera umanità, accumulati e raccolti nella “Stanza degli Specchi” dell’Oniroktirio, da un gruppo di scienziati “sognatori” chiamati Demosoneiros. Anthalos è il loro capo. Un uomo viscido e abietto che, mimetizzando i suoi loschi disegni con la ricerca scientifica, li utilizza come cavie umane e strumenti di alta tecnologia per arrivare al controllo delle menti del mondo degli uomini e di quelle dei demoni dell’Abisso. Né i Dragonieri, impegnati, di nascosto, a ricostruire le loro sparute fila dopo le epurazioni, le esecuzioni ed i massacri inflittigli dalla Chiesa negli ultimi, comatosi, anni della sua esistenza, né l’umanità, presa dai problemi esistenziali di sopravvivenza quotidiana, sono in grado di ostacolare il lento e graduale disegno di Anthalos che, instancabile, accumula nella sua mente l’immenso sapere carpito in modo scorretto e criminale dai Demosoneiros. Lo scorrere dei secoli, ha fatto, inoltre, dimenticare agli uomini di aver avuto, in un tempo lontano, la facoltà di sognare e, quindi, al raro verificarsi di un tale, insolito, evento colui che ne è colpito prova paura e sgomento al pari di una maledizione. In effetti, nel mondo creato dalla felice e fervida immaginazione di Roberto Re, la visione onirica che si presenta nella mente dormiente di una personale normale, cioè non ad un “sognatore di mestiere” è un messaggio preciso. Un avvenimento con un suo scopo ed un significato chiaro e inequivocabile, almeno per Charynn, la protagonista principale del romanzo. Non me ne voglia l’autore se ho cercato di condensare in maniera molto stringata e succinta la trama dei quattro libri, raccolti nel volume de LA VALLE DEI DIMENTICATI, ma l’ho fatto di proposito per non togliere al lettore il gusto di entrare nel romanzo per parteciparvi, in prima persona. Le oltre seicento pagine del libro sono un incessante via vai di colpi di scena che si susseguono senza tregua, che ammaliano il lettore e lo tengono avvinghiato ai brevi e scorrevoli capitoli, alle pagine ricche di descrizioni visive e olfattive, ai bucolici panorami naturali o alle tetre scenografie di terrore. La moltitudine di individui maschili e femminili che si avvicendano sugli sfondi realizzati dalla creatività dell’autore, inizialmente tratteggiati come gregari acquistano, paragrafo dopo paragrafo, una loro definitiva consistenza e finiscono per imporsi al lettore ognuno per una sua specifica caratteristica, per un riferimento saliente. L’alto senso dell’onore e di responsabilità verso il suo popolo, del principe Lawell, l’innata, genuina curiosità del giovane popolano Sandor, l’affettuosa cordiale espansività della rossa Galael, il pensieroso Kjaer depositario di un’antica, crudele, verità che ne segnerà l’esistenza, il sensibile e generoso Deyter, comandante dei Dragonieri, la paziente e fiduciosa attesa di Kometek, del momento in cui la scoperta della verità gli renderà finalmente giustizia e gli permetterà di riabilitare il suo nome presso il suo popolo e riavere l’amore della sua sposa per la fedeltà dimostrata ad entrambi ed, infine, l’intensa passione omosessuale vissuta senza vergogna e pregiudizi dalla mora, riccioluta e determinata Klara e la bionda, eterea Aloys. Personaggi che, meritatamente, si accendono di luce propria e ruotano, come astri, in un immaginario sistema solare al cui centro, algida e ardente al contempo, svetta la figura di Charynn. È una creatura intrigante e complessa, capace di riscuotere, nell’arco di uno stesso capitolo, l’ostilità e l’affetto del lettore. Una donna che vuole apparire, riuscendoci molto bene almeno nei primi due libri del romanzo, dura, insensibile, distaccata e scostante, priva di pietà e della capacità di provare un briciolo di sentimento, trasformandosi poi, dopo i terrificanti sconvolgimenti voluti dall’ingordigia e dalla brama di potere del capo dei Demosoneiros, in una persona psicologicamente provata ed emotivamente fragile, piena di dubbi e priva delle certezze e dei punti di riferimento che l’avevano sostenuta per circa settecento anni, il tempo che Antalhos ha impiegato a scoprire le sue carte. Il nuovo rapporto che, per il bene degli abitanti della Katachnia e dell’intera umanità, ricreerà con Kometek, suo marito, ritenuto a torto un traditore, ne fanno trapelare la profonda, latente e sopita umanità e anche quella femminilità nascosta oltre le mura difensive edificate intorno al suo cuore, per ripararsi dal dolore e dalla delusione che l’inganno di Anthalos aveva ordito ai suoi danni. Bellissime e a tratti commoventi le figure “umanizzate” dei draghi -per i quali non è possibile non provare affetto- che, nella loro saggia e mitica imponenza, diventano parti insostituibili delle scene centrali de LA VALLE DEI DIMENTICATI e della battaglia conclusiva in cui si contrappongono alle scellerate nefandezze dei Demoni. Il finale mi ha gradevolmente sconcertata! È giunto talmente inatteso che l’ho riletto più volte per paura di aver frainteso qualcosa o saltato qualche pezzo saliente. Nulla di ciò! Solo un’ottima trovata dell’autore che mi fa pensare ad una possibile apertura verso un eventuale seguito… che ci sta tutto! Questo volume in cui Roberto Re utilizza, dosa e miscela con sapienza tutti gli ingredienti tipici del genere Fantasy, maledizione compresa, ha una componente in più che ne decreta l’originalità: il già accennato rapporto omosessuale vissuto dalle eroine, “Dragoniere” per volere altrui e non per loro scelta. È un inserimento importante fatto con tatto e intelligenza. Un riferimento ad un tema sentito e molto dibattuto ai nostri giorni che ne “attualizza” le pagine tanto da renderlo appetibile sia dagli appassionati del genere che dai “non addetti ai lavori”. Il linguaggio scorrevole, chiaro, incisivo e a volte liricamente suggestivo mi permettono di consigliarlo tanto agli adulti quanto ai ragazzi. Buona lettura, dunque e “Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere. Sognare è necessario, anche se nel sogno va intravista la realtà. Per me è uno dei principi della vita.” (Ayrton Senna)


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Roberto Re

(1) La valle dei dimenticati di Roberto Re - RECENSIONE

Testi di Roberto Re pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Una vita da bipolare di Paola Gentili - RECENSIONE
(2) Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro - RECENSIONE
(3) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(4) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(5) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(6) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(7) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(8) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(9) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(10) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(11) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(12) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(13) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(14) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(15) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2012-03-29
VISITE: 4098


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali