Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [07/12/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

I paradossi dell’esistenza
di Laura Rapicavoli
Pubblicato su SITO


Anno 2018- Akkuaria
Prezzo € 12,00- 122pp.
ISBN 9788863283471

Una recensione di Dario giuseppe Miele
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 224
Media 83.84%



I paradossi dell’esistenza

Quel paradosso di consapevolezza
dell’ essere niente, svuotandosi di ogni
essenza, completamente, per essere poi
qualcos’altro, qualcun’altro, qualcuno che
il più delle volte s’inventa s’inventa l’altrui
sguardo e pensiero”.

Così Laura Rapicavoli scrive all’interno di uno dei nove racconti che fanno parte della sua nuova raccolta in prosa, e in effetti il paradosso non è solo parte integrante del titolo della stessa ma elemento fondamentale che scorre lungo tutte le sue pagine.
I paradossi che ogni  giorno tutti noi viviamo, le maschere che ognuno di noi porta come fardello pesante di un mondo sempre più “ pirandelliano” dove mai nulla è davvero come appare, dove infiniti punti di vista si intrecciano tra loro regalando un finale inattteso.

Questo è il mondo dell’enigmatica scrittrice catanese, il cui stile ricco di suspense e di trepidante tensione sin dall’inizio dei suoi racconti crea una forte attesa nel lettore che, credendo di seguire un filo logico, pensa di comprendere il sentimento, l’atmosfera, il dubbio che attanaglia sin dall’inizio il/la protagonista del racconto per poi rivelarsi improvvisamente con un rocambolesco finale a sorpresa in cui spesso resta incredulo.
Uno stile molto simile a quello dello scrittore americano Anthony Boucher, pseudonimo di William Anthony Parker White (1911-68), nato e morto a Oakland, in California. Fu il più famoso recensore della narrativa poliziesca, curando per anni una rubrica sul New York Times. In proprio ha pubblicato numerosi romanzi appartenenti a quel ge­nere, da I sette del calvario (1937) a Sorella Ursula indaga (1942), in cui un delitto viene commes­so al congresso annuale della fantascienza. Egli era solito scrivere inducendo il lettore a credere che gli eventi andassero verso una direzione per poi incedere nelle ultime pagine con un inatteso cambio di rotta rivelatore di una verità che nella prima parte del testo era difficilmente  immaginabile.
Lo stile utilizzato nel testo qui preso in analisi prevede una scrittura abbastanza scorrevole, un linguaggio che sfiora l’eleganza, ma restando sempre abbastanza lineare e di semplice comprensione, rendendolo quindi un testo accessibile alla maggiorparte dei lettori.

È una penna morbida e delicata quella di Laura Rapicavoli, capace di rallentare occasionalmente il ritmo del racconto per poi esplodere in una forte accelerazione verso la parte finale.
Il narratore utilizzato è nella maggiorparte dei casi un narratore esterno che parla in terza persona, un narratore onniscente che conosce i fatti ed accompagna il lettore attraverso lo scorrere del racconto, ma all’occorrenza in alcuni casi fa parlare direttamente in prima persona i personaggi, facendo così percepire ai lettori le loro emozioni in maniera esplicita attraverso le parole degli stessi protagonisti.
I Paradossi dell’esistenza”, oltre ad essere un pregievole esempio di narrativa in prosa, possono essere considerati degli ottimi copioni teatrali da poter mettere in scena per degli interessanti monologhi, d’altronde la Rapicavoli nasce e cresce artisticamente come attrice e scrittice di teatro, mondo a cui si dedica sin da giovanissima. Questa sua passione la rende ancor più intensa nel descrivere e nell’addentrarsi nei sentimenti, nelle passioni e negli atroci dubbi dei personaggi dei suoi racconti, riesce da ottima attrice a mettere  nero su bianco le loro manie, il foglio diventa il palcoscenico su cui poter esibire la sua infinita voglia di immergersi negli angoli più nascosti dell’animo umano.
Un’ultima annotazione riguarda i temi che vengono trattati all’interno dei racconti “d’infiniti punti di vista”, sono uno spaccato dell’anima e della società del mondo di oggi: solitudine, inquietudine, malattia, gioia, pazzia, passione, autoerotismo, omosessualità, precarietà sentimentale e lavorativa, il desiderio che tanto si  anela e che poi spesso si  distrugge.
Tutto ciò e molto altro possiamo trovare nella raccolta di Laura Rapicavoli dove non viene mai a mancare il sentimento più alto che possa esistere, l’ Amore:

“Il tuffo, il bagno erano stati consumati
ormai: era riemerso da quel mare, dall’infinito
verde cangiante degli occhi di Lei,
bellissimi, in cui ogni volta si tuffava
perdendosivi dentro, perdutamente.


Una recensione di Dario giuseppe Miele



Recensioni ed articoli relativi a Laura Rapicavoli

(0) I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Dario giuseppe Miele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Dario giuseppe Miele

(1) Essi partivano, noi partiamo di Giusi Sapienza Joven - RECENSIONE
(2) Insabel di Vera Ambra - RECENSIONE



Altre recensioni:







-

dal 2019-04-20
VISITE: 1572


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali