Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/09/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Amélie Nothomb: incastri e labirinti
di Fortuna della Porta


Alla curva delle prime parole si concepisce l’idea di una storia improbabile e affascinante perché di taglio surreale. Il romanzo, uno qualsiasi di quelli arrivati in Italia, da qualunque punto si inizi la scoperta di quel continuo caso letterario rappresentato dalla scrittrice belga Amélie Nothomb, ci introduce in una fenomenologia umana e narrativa capace di lasciarci a bocca aperta. In Dizionario dei nomi propri, avviene, per esempio, che l’autrice riesca a mettere in scena il proprio assassinio.
Insomma attraverso una fantasia accesa e corrosiva fino alla genialità la scrittrice testimonia di passioni forsennate, omicidi, storie gotiche e dark, sempre con finale a sorpresa, scorticando e dipanando le oscurità, fino a cogliere il grottesco della condizione umana.
Nei dodici romanzi pubblicati, della cinquantina che ha scritto, si ricava sempre la stessa stupefatta e ammirata incredulità. Ma al di là di quella prima impressione di esserci imbattuti in casi assurdi, ci accorgiamo a poco a poco che la scrittrice ha solo cambiato punto di vista e modo di occuparsi della psiche e della sorte dei suoi simili. Amélie possiede infatti il talento di svelare senza ipocrisia e senza pietà i mostri che abitano l’animo umano.
Tutto si svolge poi in una limpidezza di stile, spesso due parole appena per un periodo, che solo una lettura non frettolosa consente di apprezzare nella sua complessità e che è frutto di un’ottima formazione classica e di un lungo vagabondare per mete orientali. Prima dell’approdo belga, Amélie Nothomb ha seguito i genitori diplomatici e addirittura il Giappone, che ha lasciato larghe tracce nelle sue emozioni e sulle sue pagine, è la sua terra di nascita.
Come un abito sfogliato da inutili orpelli, le parole si mostrano in trasparenza, quasi ricondotte alla propria radice essenziale. Si capisce che questo logorio, che mostra il cuore semantico sotto la corteccia, è determinato da volontà e applicazione. Nulla è affidato al caso. L’autrice controlla la sua composizione come un matematico il suo teorema. Sorveglia implacabile il gioco di incastro millimetrico che deve combaciare come in un mosaico. Sia per il contenuto che per l’uso della lingua l’autrice pare affidarsi alle stesse regole di rigore, fino allo scioglimento della vicenda.
La prova di un impegno implacabile a dispetto della facilità linguistica è la semina tra le frasi di alti riferimenti culturali, soprattutto di natura letteraria e filosofica. Spinosa scappa in periodi apparentemente colloquiali, Platone lo incontriamo in altre parti. La novità consiste nella disinvoltura con cui il riferimento colto si camuffa e scompare in mezzo alle altre parole.
In fondo l’autrice non fa che regalare al pubblico se stessa, le sue ossessioni e il suo sguardo disincantato. Non solo nei romanzi tornano di frequente alcuni temi di evidente riferimento personale, come il rapporto col cibo, sempre esasperato, l’amore per l’arte, ma anche nei romanzi in cui l’autobiografia sembra ai margini, lei stessa ammette che continua anche in quel caso a parlare di sé. Così, quando in Cosmetica del nemico una persona incontra il proprio nemico in aeroporto, l’autrice confessa di sentire davvero questa nemica forza oscura dentro di sé. Un nemico che la vuole male.
In realtà reduce da una cultura e da una formazione orientale, di cui si è parlato, il rientro a casa in Belgio non è stato esente da problemi, per la scrittrice, che proprio attraverso la disciplina dello scrivere che ha scelto di perseguire in maniera dura e esclusiva, ha potuto districare i suoi assilli.
Quando i riferimenti autobiografici si fanno chiari, conosciamo però una bimba, dalla ricca e fortunata vicenda umana, assolutamente convinta dal suo primo vagito della sua forza e della sua unicità. In Metafisica dei tubi il quadro della sua infanzia nipponica ci viene elargito attraverso l’originale metafora di un condotto apparentemente inerte, che è appunto la nostra Amélie, per di più identificato con dio, cosa che ha anche scandalizzato qualcuno. Ma in fondo la provocazione è implicita in tutte le storie, la ragione di esse, lo scopo. Un modo per informarci delle contraddizioni che scorrono in due ambiti interdipendenti: la nostra voragine interna e l’irrazionalità del mondo.

Fortuna Della Porta

 

VISITE: 4623


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.